14 gen 2015

Tram Linea 3B: Chiusura notturna di Via Pollaci e una parte di Viale Regione Siciliana


L’ufficio traffico annuncia che sarà chiusa per alcune notti la Via Pollaci e il tratto di Viale Regione Siciliana antecedente alla suddetta via per permettere lo spostamento di alcune sottoreti e ridurre al minimo i disagi per la circolazione.

Verrà chiusa dalle ore 23 alle ore 05 nei seguenti giorni:
- Dal 13 al 15 Gennaio
- Dal 19 al 22 Gennaio
- Dal 26 al 29 Gennaio
- Dal 2 al 5 Febbrario

 

Via Pollaci


chiusura ponte calatafimicontinuacorso calatafimilavori tram circonvallazione palermoSegnalatisemaforo corso calatafimisemaforo verdesemaforo via pollacisvincolo calatafimi palermosvolta destrasvolta destra continuaTramvia pollaci

6 commenti per “Tram Linea 3B: Chiusura notturna di Via Pollaci e una parte di Viale Regione Siciliana
  • ruggys 275
    14 gen 2015 alle 14:28

    l’idea dei lavori notturni secondo me andrebbe sfruttata moooooolto di più in una cittàcaotica come palermo: in particolare i prossimi lavori dell’anello e del passante, eventuali futuri sovrappassi in viale regione, quando arriveranno i cantieri della metro (mai?), ecco tutte queste opere dovrebbero giovarsi dei lavori notturni…aumentano i costi della manodopera? sti cazzi, ne guadagna la popolazione in stress e traffico

  • ruggys 275
    14 gen 2015 alle 14:59

    mi piacerebbe conoscere il discriminante, devo dire che è una materia che mi ha sempre incuriosito (in particolare per i lavori tipo di potatura e manutenzione nelle autostrade). Cioè è una questione che ne so di rumori (soprattutto in zona abitative) o c’è dell’altro, a prescindere dai salari degli operai che ovviamente aumentano?

  • mediomen 1137
    14 gen 2015 alle 15:22

    i lavori notturni si possono fare solo quelli che si completano nella notte, lasciando la circolazione fruibile di giorno.
    oggi hanno installato dei birilli che incanalano i mezzi e vietano a chi esce da via Pollaci a girare a sinistra ed il traffico è molto più fluido.

  • Fabio Nicolosi 48353
    14 gen 2015 alle 15:25

    @ruggys: Sicuramente il discriminante maggiore è la sicurezza. Di notte la visibilità è ridotta al minimo e anche la percezione dell’occhio umano è diversa. C’è anche il problema del disturbo della quiete pubblica che non è da sottovalutare, visto che numerosi rumori di giorni non sono neanche percepiti perché confusi con altri.
    E’ possibile ad esempio effettuare una colata di cemento, ma la stessa non può essere immediatamente ricoperta da terreno, va atteso che il cemento di “asciughi”, quindi ci sono dei tempi che è impossibile non rispettare…
    Non si può realizzare un pilastro e rimuovere la cassaforma la mattina successiva, non si può neanche realizzare una soletta e permettere alle auto di camminare al di sopra il giorno dopo… Insomma certi lavori come scavi di piccole entità possono essere fatti senza problema di notte, ma ci sono altre opere che hanno necessità di tempo per essere completate


Lascia un Commento