05 gen 2015

Piazza Scaffa, si riparte coi lavori per il nuovo ponte


Terminata (o quasi) la sosta per le festività natalizie, si accingono a riprendere i lavori a piazza Scaffa relativi alla realizzazione del nuovo ponte bimodale. E si riparte con le immagini che mostrano lo stato d’arte dei lavori lasciato durante la pausa.

Foto e testi by Roberto.palermo.

0_DSC_4704

Completate da un pezzo le strutture della spalla, sono stati realizzati molto velocemente gli appoggi di montaggio della travata, ovvero quei parallelepipedi di cemento che si vedono sulla sinistra. Per ogni trave sono stati realizzati 4 appoggi.

3_DSC_4701

 

Appoggio provvisori in alveo: dopo aver realizzato una bella platea in cemento armato nei giorni scorsi, ecco pronte per il getto le piastre di ancoraggio della struttura in acciaio che vi sarà montata. Si tratterà di due torri a traliccio, corrispondenti alle due travi principali.

2_DSC_4703

Situazione lato Stazione: la spalla è praticamente completata, dopo l’ultimo recentissimo getto. Restano solo da completare i muri di contenimento al contorno.

4_DSC_4700

Proprio all’ingresso del ponte pedonale,ecco alcuni pezzi del  sistema di spinta dell’intera struttura nella fase di varo.

7_DSC_4714


comune di palermocorso dei Millelinea 1mobilita palermoomba costruzionipiazza scaffaponte dell'ammiraglioponte delle teste mozzesistema tram palermoTramtram palermo

11 commenti per “Piazza Scaffa, si riparte coi lavori per il nuovo ponte
  • marcopalermo 14
    05 gen 2015 alle 19:34

    ci sono momenti che straripa, sempre di pseudo acqua pero trovino altro che non il cemento … si parla di bonifica o parco dell’oreto ma natura e cemento non vanno molto d’accordo per me …

  • Athon 855
    05 gen 2015 alle 20:29

    Mediomen, la falda che alimenta l’Oreto è abbastanza ricca, per cui è del tutto possibile immaginare un Parco dell’Oreto con un vero e proprio fiume a carattere torrentizio. Non è un caso che Altofonte abbia fontane interrottamente zampillanti ad ogni angolo di strada.

    La maggior parte dei palermitani conosce soltanto l’ultimo tratto del suo corso, ovvero quello che scorre in mezzo alla città e sfocia a Sant’Erasmo. Tuttavia a due passi da Palermo, tra i boschi di Altofonte e Monreale e via via sempre più a valle, ancora oggi il fiume è pulito, scorre dolcemente ed è in salute, tanto che riesce a far proliferare addirittura specie endemiche come la carex panormitana, rarissima pianta acquatica.

    Il Wwf Palermo è una delle tante associzioni che ogni tanto organizzano escursioni guidate per conoscere il vero fiume Oreto e la sua biodiversità.

  • mediomen 1137
    06 gen 2015 alle 1:22

    il momento che il fiume Oreto straripa è quando le fogne non accolgono più acqua e si riversano sul fiume. Ho avuto modo di sostare sul nuovo ponte ferroviario della Guadagna e vi posso assicurare che l’aria puzzava di urina in modo impressionante. Per fare questa bonifica bisognerebbe eliminare tutte le case lungo la riva del fiume.
    Che a monte il fiume è meraviglioso non ho dubbi, anche se alcune persone fanno di tutto per ucciderlo.

  • Roberto Palermo 95
    07 gen 2015 alle 21:49

    Buon anno a tutti e grazie agli amici di mobilità palermo per aver scelto le mie foto e i miei commenti, cosa che mi fa onore.
    Le ho realizzate il 23 dicembre scorso, nel primo pomeriggio, con un sole meraviglioso.. e meno male, perchè, come sapete, nei giorni seguenti il tempo è alquanto peggiorato.
    Volevo ricordare a chi è intervenuto prima di me che i lavori in oggetto riguardano la linea 1 del tram, non la riqualificazione del fiume Oreto. Pertanto, presumo che a fine lavori l’alveo dell’Oreto sarà lasciato pressapoco com’era prima.
    Piuttosto, mi auguro di poter vedere nei giorni seguenti come procede la realizzazione della campata sulla sponda lato Messina, e le successive, spettacolari, operazioni di varo! Io non so se potrò essere in zona, ma mi affido agli amici di Mobilità per ulteriori aggiornamenti ! ;)

  • Athon 855
    08 gen 2015 alle 13:45

    Grazie Massimo! Il video è davvero illuminante. In effetti bisognerebbe intervenire sull’intero bacino idrografico dell’Oreto per renderlo veramente sano, anche se a me pare che la condizione più drammatica sia quella dell’ultimo tratto. Si spera che prima o poi si faccia veramente qualcosa per far rinarcere il fiume Oreto.

  • vanny 1
    11 gen 2015 alle 7:19

    SALVE MA IL PONTE DI PIAZZA SCAFFA + O MENO QUANDO RIAPRIRà XCHè STA CREANDO GRANDI DISAGI IO CHE PRENDO IL 212 FACCIO UN GIRO ENORME E POI QUESTA LINEA NON PASSERà + DAL NUOVO PONTE E AL CORSO DEI MILLE VICINO STAZIONE NON HANNO MESSO ANCORA I BINARI E L’ORDINANZA DICEVA CHE ENTRO IL 10 GENNAIO AVREBBERO FINITO BOH

  • Roberto Palermo 95
    11 gen 2015 alle 21:45

    10 gennaio? non credo proprio :)
    Caro amico, per l’apertura al traffico del (nuovo) ponte, credo dovrai aspettare fino ad aprile!


Lascia un Commento