11 nov 2014

Dal posteggio sulla corsia preferenziale al posteggio sul marciapiede: via Roma senza pace


Dal parcheggio sulla corsia preferenziale (legalizzato), fino alle auto sul marciapiede antistante il museo Salinas.  Stavolta non si tratta di un’ordinanza ma via Roma sembra non aver pace. La foto inviataci da  Palermo aperta a Tutti Onlus è l’ennesima dimostrazione di una città dove sono presenti zone franche orarie, esenti da controlli dove si è autorizzati a trattare il territorio a proprio uso e consumo. Magari l’area parcheggio di piazza Spinuzza era già piena, ma non è poi così distante l’area parcheggio di piazzale Ungheria…e nemmeno quella del Tribunale. Il problema è la mancanza di “navette”, perché quattro passi a piedi sono proibitivi.

Posteggio selvaggio via Roma

 

Per anni siamo stati abituati a vedere la grossa gru e i ponteggi che occupavano il marciapiede sottostante la parte del museo archeologico Salinas che prospetta su via Roma, accanto le Poste centrali per intenderci. Tutto questo per via dei lavori non ancora conclusi, che porteranno al suo antico splendore uno dei musei archeologici più ricchi d’Italia. Adesso abbiamo capito a cosa serviva quella gru- affermano amaramente i ragazzi dell’Associazione Palermo aperta a Tutti Onlus- serviva ad evitare che i palermitani usassero questo pezzo di marciapiede come parcheggio, così come hanno fatto questa domenica di novembre, la prima in cui si è potuto parcheggiare nelle corsie, come si vede nella foto allegata.

Ci appelliamo ancora una volta alle Istituzioni perché facciano rispettare le leggi, ed ai cittadini perché sentano il bisogno di applicare tali leggi, e non solo se sotto minaccia di sanzioni!

 

Palermo aperta a Tutti Onlus


parcheggio via romaposteggio corsia preferenziale via romavia roma

11 commenti per “Dal posteggio sulla corsia preferenziale al posteggio sul marciapiede: via Roma senza pace
  • Benedetto Bruno 184
    11 nov 2014 alle 12:23

    Palermo Aperta A Tutti Onlus, vi state appellando ancora una volta alle istituzioni perché facciano rispettare le leggi? Incluse quelle istituzioni che hanno trasformato Piazza Della Vergogna in un parcheggio privato? Forse voi avreste più fortuna accendendo un cero a Santa Rosalia.

  • rasputin 152
    11 nov 2014 alle 13:15

    Basterebbe piazzare lungo il marciapiede una bella fila di paletti a distanza di 40 cm l’uno dall’altro e così non ci sarebbe bisogno anche della polizia municipale.

  • Otto Mohr 47
    11 nov 2014 alle 13:39

    Zone blu sulle scalinate delle poste centrali???? Antony sei un pazzo! I parcheggi sulla scalinata devono essere gratis ????

  • Palerma La Malata 305
    11 nov 2014 alle 14:42

    L’anno scoisso na facci i malacainni ri cocchi 20 anni supra u muturi mi pigghio’ i piettu nne strisci pedonali in Coisso Tuker c’avia nisciutu ru Policlinico c’avia iutu a ttruvari a me suoru c’a l’avianu operato ri calcoli e uora quannu vaiu a Posta ra Via Roma me scantari puru a caminari nno maicciapieri ca mi pigghianu i piettu puru dda ca machina. U sangu hann’a gghiccari!

  • La Maglia Rosanero 53
    11 nov 2014 alle 14:56

    I paletti non servirebbero a nulla…. tempo una nottata e li buttano giù come nulla.
    Servirebbe semplicemente CONTROLLO.
    Al massimo si può auspicare l’innalzamento del livello del marciapiede…..poi però sappiamo che non deve superare i 10cm!

  • Lucka90 47
    11 nov 2014 alle 17:57

    Fino adesso si è riscontrato solamente confusione tra le autorità competenti. Non c’è coerenza di idee. Si apre alle pedonalizzazioni ma si limita il trasporto pubblico. In tal modo si incoraggia ancora di più l’uso del mezzo privato. In questo caso un uso sbagliato. La mobilità deve essere orientata e indirizzata anche attraverso obbligazioni e divieti.
    Fino a quando non si intraprenderà una seria politica di mobilità (connessa ai controlli regolari) i risultati non saranno che questi.

  • Athon 840
    11 nov 2014 alle 19:54

    È mai possibile che si debba ritornare continuamente su tali questioni, e che a farlo siano le associazioni cittadine?

    Neanche i giornalisti professionisti se ne occupano per quanto si dovrebbe.

    Meno male che esistono Mobilita Palermo e altre associazioni simili, altrimenti tutto passerebbe nel silenzio.

    A cosa serve l’amministrazione comunale?! Ma davvero gli amministratori di Palermo, e i loro sottoposti (tipo i vigili urbani), hanno bisogno di essere ininterrottamente punzecchiati dai cittadini?

  • Fulippo1 1343
    12 nov 2014 alle 10:22

    Siamo sempre al punto di partenza…
    Secondo voi è mai possibile che in quel tratto di strada non sia passata una pattuglia dei vigili urbani?

    Io onestamente non ci credo, ci sarebbe da visionare i possibili filmati di tutte queste telecamere installate per l’ordine pubblico, ed oltre a sanzionare duramente i porci che hanno parcheggiato sul marciapiede, accertarsi di eventulai pattuglie passate di li e fargli una strigliatina anche a loro.

  • Irexia 675
    13 nov 2014 alle 11:24

    In quel punto il marciapiede diventa ampio, in maniera assolutamente inutile: io metterei una bella aiuolona con albero e cespuglio, questo almeno non si smonta come invece i paletti! Un po’ di verde in centro, inoltre, non farebbe per niente male!


Lascia un Commento