20 ott 2014

Raffica di multe al Foro Italico ma le auto invadono le aree pedonali


Dopo le scandalose immagini delle auto posteggiate sul prato del Foro Italico e la profonda indignazione che hanno suscitato,  si è voluto correre ai ripari di fronte a questo disastro.
Sabato scorso lo scenario si è ripetuto: auto posteggiate nuovamente sul prato (evidentemente gli imbecilli del posteggio facile perseverano)  ma stavolta, con la presenza di un paio di pattuglie della Polizia Municipale a svolgere il proprio lavoro e carri attrezzi, a farne le spese sono stati proprio i tanti ad aver posteggiato la propria auto “a regola d’arte”. Ma la domanda è sempre la stessa, così come per altri episodi simili: quanto durerà?

Nella foto il carro attrezzi in azione. Da sottolineare che più avanti, in prossimità dell’ istituto Padre Messina c’erano tanti stalli di sosta auto vuoti.

IMAG0769

 

E’ ben noto che durante i weekend, il Centro Storico presenta tante “falle”, proprio perché i controlli non sono fatti in maniera costante e soprattutto uniforme. A pochi passi infatti, si consumava un altro scempio all’interno dell’area pedonale (circoscritta da paletti) di fronte la Chiesa di Santa Maria della Catena.

Foto by Rosario Adamo Federico Armenio

10700165_10204724259615372_4015659237806921841_o

 

 

Non cambia nemmeno la situazione a piazza Rivoluzione, dove l’area pedonale comincia  prendere le sembianze di un parcheggio riservato ai motocicli.

 


foro italicoparcheggio selvaggioposteggiatori abusiviposteggio prato del foro italicoprato del foro italicoSegnalatiVIGILI URBANI PALERMO

15 commenti per “Raffica di multe al Foro Italico ma le auto invadono le aree pedonali
  • marco7 36
    20 ott 2014 alle 8:46

    vorrei tanto vedere un commento di qualcuno che ha posteggiato sul prato… ad esempio io ho posteggiato li sono un energumeno, e sono anche la merda di questa società. spero tanto di non avere mai figli perchè con un padre così potrò fare nascere solamente un altro escremento della società. Purtroppo la civiltà non è sinonimo di cultura ma è civiltà o ce l’hai o no e i palerminatani non l’hanno.

  • fabdel 989
    20 ott 2014 alle 9:07

    non sono capaci di fare 500 metri, ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli. spero si schiantino con le auto e crepino intrappolati tra le lamiere

  • Giulio Di Chiara 70808
    20 ott 2014 alle 9:23

    Al netto dell’inciviltà che non finisce mai di sorprendere per le forme in cui si manifesta, siamo arrivati a dover invocare ciò che dovrebbe avvenire quotidianamente. Non vorrei che passassero come risolutivi questi interventi, perchè da anni, sottolineo anni, a pochi metri da lì via Chiaviettieri in Corso Vittorio Emanuele è rimasta (e rimane) invasa nei weekend da un posteggio selvaggio che rende il transito veramente difficoltoso. Ogni venerdì e sabato è sempre la stessa storia ed è impossibile che nessuno non se ne sia accorto.
    Capisco che non si possano pretendere carri attrezzi dovunque, ma almeno una razzìa di multe notturne è dovuta.
    Ma evidentemente non è prioritario…

  • Fulippo1 1357
    20 ott 2014 alle 10:15

    Ormai in quella zona durante i week end, vige la totale anarchia.
    Non ci sono più regole e tracce dei più basilari comportamenti civili.

    Io risolverei il tutto in maniera decisamente drastica, con buona pace di tutte le lamentele del caso, LA CHIUSURA TOTALE AL TRAFFICO per tutta quella zona.
    A partire da piazza marina e finire con tutte le zone interne.
    Lasciare aperta alla circolazione solo la via F.sco Crispi/Foro Italico e il C.so V. Emanuele, tutto il resto a piedi!!!

    Sabato era l’inferno, tra l’altro ci si mette pure la Rap, con un orario di raccolta coincidente con l’orario di maggior afflusso per quella zona paralizzando tutte le traversine che confluiscono in piazza marina.

  • fabdel 989
    20 ott 2014 alle 12:59

    non sono capaci di fare 500 metri a piedi, ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ridicoli ((all’infinito))

  • medoro 133
    20 ott 2014 alle 13:44

    Non mi stancherò mai di dirlo i controlli e le multe devono essere c o n t i n u i, non solo quando le casse comunali “piangono”, o quando al “capo” gli girano i 5 minuti… Appena i cittadini “energumeni” o meno, educati o meno, si renderanno conto che parcheggiare malamente significa SEMPRE (e non a periodi più o meno brevi..) multa sicura al 100%, e/o rimozione coatta del veicolo, diventeranno tutti “svizzeri”. “Palermitani” o “svizzeri”, non si nasce, ma si diventa.

  • Anothercity 35
    20 ott 2014 alle 22:00

    Dobbiamo pensare anche ai residenti. Sono il primo che si lamenta dell’anarchia che vige in tutto corso vittorio, su piazza marina e nei posti limitrofi. Non prendo mai la macchina ma spesso quasi sempre il motorino perché ho dove posteggiarlo al mio ritorno al sicuro in un posto chiuso, cosa impossibile con la macchina.
    Non abbiamo posteggi, nemmeno privati!
    Se ci chiudono parti per noi residenti allora dove andremo a posteggiare? farmi 300-500 metri ok… ma il fatto è che appunto sono i residenti a prendere il peggio di tutta questa situazione. Altra cosa, musica ed urla in strada fino alle 5 e potrebbe anche scivolare la cosa se fosse capitata solo 2 o 3 volte… ma capita sempre.

  • dado 14
    20 ott 2014 alle 23:46

    Io sabato sera sono passato di li ed in effetti ho visto la polizia municipale ma una cosa che mi ha lasciato esterrefatto è stata che nessuno, vigili compresi, ha fatto caso alle numerose prostitute presenti. Ricordo che erano sparite ma adesso la zona è di nuovo piena.

  • Metropolitano 3371
    21 ott 2014 alle 0:53

    In questa città l’anarchia ha raggiunto livelli di pericolo e tutti noi ormai ci rassegniamo; basti pensare che nessuno rallenta alle strisce pedonali, anzi quei disgraziati accelerano e fanno una gimcana se vedono un pedone per risparmiare un secondo a rischio della vita del pedone, cosa assai ridicola e assai pericolosa.

    Se fosse un cabaret riderei, ma è la realtà quindi al limite c’è solo da piangere. Quegli scalmanati restano impuniti, e se investono e ammazzano qualcuno come quotidiana pazzia di solito non si fermano per non rischiare di perdere la patente e per non risarcire i parenti della vittima. Situazione critica. Moderassero la velocità sti bastardi, che oltretutto consumano troppa benzina e fanno aumentare l’inquinamento atmosferico con CO2 che rende l’aria più pesante da respirare e fa aumentare l’effetto serra locale, rendeno le notti più calde del resto d’Italia ! La cappa di smog e di anidride carbonica su Palermo città si vede benissimo dai paesi di provincia all’orizzonte visivo anche quando la visibilità generale è ottima.

    Quante volte piuttosto ho rischiato di essere investito in questa maledetta città, cosa che non accade mai a nessuno in paese ? Se non è accaduto è per la vista acuta e riflessi pronti che ho perfino di notte. E’ giusto preoccuparsi pure degli spazi pubblici occupati da mezzi privati per la totale indisciplina deigli automobilisti. Ormai hanno pure i suv e parcheggiano sui marciapiedi prendendosi tutto lo spazio per un pedone o per un diversamente abile in carozzella. Segno che manca pure il rispetto reciproco oltrechè il senso civico. Con le auto tutti si sentono sovrani, non importa quale classe sociale ed economica o tra razze e sessi ! Io con l’auto utilitaria che uso pure per andare e venire dal paese mi sento più libero, ma le regole le rispetto ed è più divertente che non rispettarle. Sono pure tranquillo. gli altri invece si sentono tranquilli nel contravvenire, coscienti che non si beccherano la multa (per colpa degli scarsissimi controlli da parte dela Stradale, e per la mancanza di autovelox lungo le vie principali della città). E’ una città finita, fatta, consumata !

  • Metropolitano 3371
    21 ott 2014 alle 1:12

    Lo riscrivo, nemmeno per attendere qualcuno che approvi quello precedente.
    Dicevo che in questa città l’anarchia ha raggiuto livelli di criticità. Basti pensare che le macchine non rallentano alle strisce pedonali nemmeno se è presente un pedone, anzi accelerano e fano una gimcana, per risparmiare un secondo di marcia, cosa assai pericolosa e assai ridicola. Ecco perchè ogni giorno dei pedoni vengono investiti e muoiono all’istante o dopo poche notti di agonia. Gli automobilisti scalmanati non si fermano per prestare soccorso, per loro la priorità è scappare e non essere individuati, per non perdere la patente e per non risarcire i parenti delle vittime. Non c’è da meravigliarsi se queste stesse macchine occupano abusivamente pure luoghi pubblici, complici l’insufficienza sui controlli della Polstrada e l’indulgenza dei vigili urbani di Palermo. Ma poi perchè correre, che si consuma più benzina e si fa aumentare l’inquinamento atmosferico: l’aria sulla città è satura di CO2, che rende l’aria più pesante da respirare e fa aumentare l’effetto serra locale rendendo le notti più calde fuori dallam edia stagionale rispetto al resto D’Italia. Quella cappa di anidride carbonica si vede pure all’orizzone dai paesi della provincia perfino in giornate di ottima visibilità generale. E il sindaco continua a ignorare tutto questo ! Si faccia un giro nel web e osservi il disappunto dei suoi cittadini, e meglio tardi che mai.

  • Metropolitano 3371
    21 ott 2014 alle 1:16

    Lo riscrivo, nemmeno per attendere qualcuno che approvi quello precedente.
    Dicevo che in questa città l’anarchia ha raggiuto livelli di criticità. Basti pensare che le macchine non rallentano alle strisce pedonali nemmeno se è presente un pedone, anzi accelerano e fano una gimcana, per risparmiare un secondo di marcia, cosa assai pericolosa e assai ridicola. Ecco perchè ogni giorno dei pedoni vengono investiti e muoiono all’istante o dopo poche notti di agonia. Gli automobilisti scalmanati non si fermano per prestare soccorso, per loro la priorità è scappare e non essere individuati, per non perdere la patente e per non risarcire i parenti delle vittime. Quante volte ho rischiato di essere investito io ? Se ciò non è mai accaduto è per via della vista acuta e dei riflessi che ho, ma questo non può giustificare ne ora ne mai l’atteggiamento criminale dei panormosauri ! a mio parere. Non c’è da meravigliarsi se queste stesse macchine occupano abusivamente pure luoghi pubblici, complici l’insufficienza sui controlli della Polstrada e l’indulgenza dei vigili urbani di Palermo. Ma poi perchè correre, che si consuma più benzina e si fa aumentare l’inquinamento atmosferico: l’aria sulla città è satura di CO2, che rende l’aria più pesante da respirare e fa aumentare l’effetto serra locale rendendo le notti più calde fuori dalla media stagionale rispetto al resto D’Italia. Quella cappa di anidride carbonica si vede pure all’orizzonte dai paesi della provincia perfino in giornate di ottima visibilità generale. E il sindaco continua a ignorare tutto questo ! Si faccia un giro nel web e osservi il disappunto dei suoi cittadini, e meglio tardi che mai.

  • mediomen 1143
    25 ott 2014 alle 23:29

    mi immagino il Direttore ricevuto l’ordine di mettere i dissuasori dice al capo settore di attivarsi per eseguire l’ordine, quest’ultimo informa il capo ufficio che bisogna mettere qualcosa per non fare entrare le macchine, il capo ufficio dice al capo squadra che deve andare a mettere qualcosa per non fare entrare le macchine, il capo squadra con sufficienza manda l’operaio che chiede che ci metto? Fai tu vedi quello che trovi.
    PS magari la trafila non sarà stata proprio così ma non mi sarò sbagliato di molto (in difetto)


Lascia un Commento