02 ott 2014

FOTO | Fiumetorto – Campofelice: Quasi pronta la sede del secondo binario


Da alcuni giorni si lavora sulla tratta Fiumetorto-Campofelice (PA) per la realizzazione del piano per la posa del nuovo tracciato che andrà a costituire il secondo binario del futuro raddoppio

Ringraziamo Gaetano Curasì per le foto

1003363_10204385223460963_5010049790541183605_n

10405281_10204385223980976_5051359182584126315_n


a19anas spaantomar spaarea industriale termini imereseassessorato trasporti regione siciliabruno teodoro spacefalù 20 scarlcomitato mobilita palermocomune cefalùcomune di campofelicecomune di lascaricomune termini imereseeuroasfalti srlferrovie dello statoferrovie palermofiumetorto-ogliastrilloitalferr spaitaltunnel spalavori campofelice di roccellamobilita palermomobilita sicilianuove infrastrutture palermonuove infrastrutture sicilianuove opere palermopfppizzarotti spaprovincia di palermoraddoppio ferroviario fiumetorto cefalùraddoppio ferroviario pa-merfi spatecnimont spatrenitalia

7 commenti per “FOTO | Fiumetorto – Campofelice: Quasi pronta la sede del secondo binario
  • francesco974 62
    02 ott 2014 alle 17:38

    GIOVEDI’ 2 OTTOBRE 2014- ECCO QUAL’E’ LA VERITA’ SULL’OPERA!!!!!!!!!PALERMO. “Una risoluzione contrattuale tanto pretestuosa quanto illegittima che vuole mascherare le inefficienze del general contractor. Non si tratta solo di difendere gli interessi della nostra società, ma degli operai che perderanno il lavoro e dei siciliani che rischiano di trovarsi di fronte all’ennesima incompiuta in materia di appalti pubblici”. A parlare è Gaetano Vecchio, presidente della Cosedil spa.
    Concludo dicendo che dal 2008 ad oggi sono passati 6 anni e l’opera non e’ nemmeno al 50 per cento!! Entro il 3000 forse sara’ pronta e nel frattempoi treni normali andranno sulla luna!!!! W L’ITALIA W LA SICILIA!!!! W I NOSTRI POLITICI LADRONI
    L’appalto in questione è quello per il “Raddoppio di linea ferroviaria Palermo-Messina, nel tratto compreso tra Fiumetorto e Cefalù”. In particolare, la Cosedil di Santa Venerina, nel giugno scorso, ha sottoscritto un contratto d’affidamento con la Cefalù 20 S.C.a R.L (gruppo Maire Tecnimont) per la “realizzazione del rilevato ferroviario, degli attraversamenti idraulici e sottovia, di nuove viabilità, di opere speciali in fondazione e delle fondazioni delle barriere antirumore”.

    Il primo lotto dell’affidamento sarebbe dovuto partire immediatamente per consentire il rispetto della scadenza concordata con Rfi e mettere in esercizio il tratto ferroviario. Non rispettare i tempi significava e significa perdere, e per sempre, il finanziamento europeo. Da subito la Cosedil ha rilevato la presenza di una serie di anomalie. All’impresa non sono stati consegnati né i progetti esecutivi validi né le autorizzazione per avviare le attività. Le opere propedeutiche erano incomplete. Ad alimentare il quadro sconfortante, la presenza di imprese subappaltatrici e fornitori locali falliti a seguito dei mancati pagamenti da parte della Cefalù 20. Nonostante tutto la Cosedil spa si era detta pronta a fare la propria parte, in attesa della revisione tecnico contrattuale del contratto. Ed, invece, è arrivata la sorprendente quanto ingiustificata risoluzione contrattuale.
    “Da parte nostra abbiamo segnalato i problemi che ostacolavano lo sviluppo dei lavori e tentato di risolverli- aggiunge Vecchio – con lunghi ed estenuanti, quanto improduttivi, incontri. Cefalù 20, invece di ammettere le proprie carenze ed impegnarsi per risolvere i problemi consentendo alla nostra società di avviare i lavori e realizzare l’opera, ha in maniera illegittima comunicato la risoluzione del contratto convocandoci per la redazione del verbale di consistenza”.

    E così oggi gli operai della Cosedil dovranno sgombrare il cantiere. Le conseguenze immediate saranno il licenziamento dei 10 operai già in servizio e la mancata assunzione, già programmata, di 35 nuovi lavoratori inseriti nel bacino degli ex dipendenti posti in mobilità da Cefalù 20. “A questo punto riteniamo doveroso – conclude Vecchio – avviare tutte le procedure per tutelare la nostra società. Sarà il sofferto ma inevitabile inizio di un contenzioso che produrrà ulteriori ritardi nell’esecuzione dell’opera e quindi nel suo completamento”. Di tale rischio la Cosedil ha avvisato Rfi e Italferr.

    “E’ la classica tegola sulla testa ” dichiara Giuseppe Guarcello della Segreteria provinciale della Fillea Cgil di Palermo” senza entrare nel merito del contenzioso, il dato di fatto è che mentre stavamo aspettando che la Cosedil assumesse un buon numero di lavoratori inseriti nel bacino degli ex dipendenti posti in mobilità da Cefalù 20, arriva la notizia della rescissione e già oggi sono cominciate le operazioni di smobilitazione del cantiere. Incontreremo Cefalù 20 la settimana entrante per fare il punto della situazione, intanto il tempo per la consegna dei lavori scorre, i nuovi affidatari non hanno assunto i lavoratori in mobilità, un centinaio di unità, che attendono da quasi un anno, abbiamo 10 nuovi licenziamenti e la realizzazione dell’opera è di nuovo messa in forse”.
    “Non è possibile che si fermi un’opera così importante per la collettività, perdendo risorse economiche e umane. Chi ha sbagliato deve pagare, ma non si gettino a mare la realizzazione di un’infrastruttura per il territorio e il posto di lavoro di tanti operai”. Lo dichiarano Mimmo Milazzo, segretario generale Cisl Palermo Trapani e Antonino Cirivello, segretario generale Filca Cisl Palermo Trapani, commentando lo stop al cantiere per il raddoppio della linea ferroviaria Palermo Messina, nel tratto compreso tra Fiumetorto e Cefalù. “Esprimiamo profondo disappunto per l’ennesima battuta d’arresto – aggiungono Milazzo e Cirivello – e invitiamo tutti, il general contractor, la stazione appaltante e l’azienda affidataria, ad assumersi le proprie responsabilità”. “Nessuno – concludono Milazzo e Cirivello – pensi di far pagare conti salati al territorio, che subisce questo scempio e viene privato di un’opera indispensabile né si immagini di danneggiare i lavoratori, mortificandone la dignità. Noi non lo permetteremo”.

  • peppe2994 3145
    02 ott 2014 alle 17:45

    L’avevo giusto scritto un paio d’ore fa.
    Per ogni cosa buona che va avanti ce ne sono 10 arenate a volte per poco altre per sempre.

    Sempre problemi su problemi. Burocrazia del cavolo…

  • francesco974 62
    02 ott 2014 alle 17:58

    che schifo. quest’opera non finira’ mai ormai ci ho perso le speranze !!! mi rassagno all’ennesima incompiuta

  • drigo 404
    03 ott 2014 alle 2:36

    In questo caso non è la burocrazia in sè il problema, ma i burocrati incapaci o, ancora peggio, indolenti.

  • Metropolitano 3371
    04 ott 2014 alle 12:03

    Non c’è serietà. Se e quando finiranno quest’opera non ci saremo più. Come si può permettere tutto questo ? Qualcuno dovrà pagare per questo ritardo !

  • Metropolitano 3371
    04 ott 2014 alle 12:11

    Anche nelle scuole la burocrazia vacilla. Per presentare un’oferta per il personale ATA le segreterie ricevono solo in certi giorni e guarda caso proprio in quei giorni le segretarie si assentano e nessuno li sostituisce, rischiando di farmi scadere i tempi, quegli imbecilli ! A quanto pare accade pure negli appalti pubblici, e questo è gravissimo. E’ proprio vero che sono i burocrati a doverla pagare su tutto e in tutto !C azzo Come si deve fare ???


Lascia un Commento

Ultimi commenti