10 set 2014

Prende forma il Piano Integrato per il trasporto pubblico a Palermo


Con l’avvio della cantierizzazione delle aree che verranno interessate dai lavori dell’Anello Ferroviario, prende sempre più forma il Piano Integrato dei Trasporti  della città di Palermo. E’ noto che diverse modalità di trasporto pubblico urbano devono integrarsi fra loro al fine di soddisfare al meglio la domanda da parte degli utenti, e avere una copertura quanto più capillare sul territorio.

Abbiamo pertanto le tre linee tranviaria in costruzione, il cui compito sarà di collegare determinate periferie a dei veri e propri punti intermodali quali la Stazione C.le e la Stazione Notarbartolo.

 

10636211_934942469853236_2640818316144134877_n

 

Il Passante Ferroviario che sfruttando il tracciato dell’attuale ferrovia Palermo-Trapani/Punta Raisi, sta vedendo sorgere nuove fermate quali: Roccella, Brancaccio residenziale, Guadagna, Palazzo di Giustizia, Lolli, Lazio, Belgio, La Malfa e Sferracavallo) in aggiunta a quelle già esistenti, che saranno comunque adeguate.

L’Anello Ferroviario  riguarderà il prolungamento da piazza Giachery a piazza Politeama, con le fermate Porto – via Crispi e Politeama (la piazza più centrale di Palermo) e la realizzazione, nel tratto di linea già esistente, di una nuova fermata in via Libertà, che è la principale arteria stradale della città. Ogni fermata avrà due accessi dalla superficie, e per quella prevista alla stazione marittima, oltre alle scalinate d’ingresso, ci sarà un sottopasso pedonale collegato con la via Emerico Amari.

Ovviamente non va dimenticato il bike sharing, già in appalto, le cui bike station saranno ubicate anche in prossimità delle future fermate del Passante Ferroviario.

A ciò si aggiunge anche il carsharing ed il carpooling, ideali per un uso più intelligente dell’auto.

Il sistema nel suo complesso dovrà prevedere integrazioni tariffarie almeno fra i mezzi di trasporto pubblico di massa quali Passante, Anello, Tram e Bus. Si favorisce un rapido trasbordo fra i vari mezzi ma soprattutto si potrà fare a meno di più titoli di viaggio.

Le premesse ci sono tutte per poter avere dopo decenni un ottimo sevizio. Diversamente, se la politica non si attiva (integrazioni tariffarie, contratto di servizio Fs, nuova rete Amat), si rischia di avere una Ferrari col motore di una Panda 75.

 


anello ferroviario palermobike sharing palermocarpoolingcarpooling palermocarsharing palermolinee tram palermopassante ferroviario palermotrasporto intermodale

27 commenti per “Prende forma il Piano Integrato per il trasporto pubblico a Palermo

Comment navigation

  • mdm 346
    10 set 2014 alle 9:22

    A proposito di Ferrari col motore di una Panda, aggiungerei che Trenitalia deve garantire un numero adeguato di corse ed introdurre veri e propri convogli metropolitani almeno per quanto riguarda l’anello ferroviario. Spero vivamente poi che si velocizzi l’iter per la realizzazione della metropolitana leggera senza la quale al sistema di trasoprto integrato verrebbe a mancare la vera e propria spina dorsale.

  • massimiliano.G 6
    10 set 2014 alle 9:50

    In ordine al sistema di bike sharing è importante che l’amministrazione si spenda per potere aumentare il numero di stazioni (e di bici). Al momento, risultano talmente inadeguate per la città di Palermo da poter dare luogo ad un fallimento del sistema, quando, se ben tarato al fabbisogno del luogo, può essere “motore” di una rivoluzione culturale della mobilità.
    Infine … per via dei costi/benefici, in una città come Palermo, nn mi convince il sistema di bici elettriche condivise (propongo di nn incrementarne il numero).

  • alvarezlimao 154
    10 set 2014 alle 10:53

    Integrazione tariffaria metro bus subito. Iniziamo ad abituare l’utenza a questo nuovo sistema d’interscambio già da adesso la702 potrebbe limitare a staz. Notarbartolo, mentre la linea 88 diventare annuale non più estiva con capilinea presso la stazione Tommaso Natale eliminando così la 616 e la 936 ( assurdo impiegare 4 macchine per barcarello)

  • huge 2284
    10 set 2014 alle 16:29

    @mdm: è lì che ti sbagli. Trenitalia non deve garantire proprio nulla visto che la regione non paga.

  • mdm 346
    10 set 2014 alle 17:52

    @huge la firma del contratto di servizio tra la Regione Siciliana e Trenitalia è ovviamente una condicio sine qua non. Allora correggo: la Regione Siciliana deve impegnarsi, ponendo il fatto che è scandaloso che ancora non lo abbia fatto, a concludere il contratto di servizio e Trenitalia a garantire di conseguenza un numero congruo di corse…
    @Metropolitano, per spina dorsale, intendo l’opera più importante del sistema. Posto che il passante è sommamente importante, reputo però, convinzione personale, che la metropolitana leggera automatica lo sia ancor di più, visto che entrerà nel cuore della città collegandola, ad opera completata, da sud-est a nord-ovest.

  • moscerino 352
    10 set 2014 alle 19:48

    il piano interno del comune di Palermo ha un senso solo se lo si integra col sistema di collegamento esterno alla città, se quindi i comuni sottostanti alla PFP ne godono pienamente, perché non fare lo stesso con tutti gli altri comuni dell’interland, sarebbe proponibile una linea ferroviaria montana che interessi comuni come Piana degli Albanesi, Altofonte, San Giuseppe Jato, Sancipirello, Monreale, costituendo una sorta di cintura pre-ingresso su Palermo.
    Vi è inoltre da considerare che oltre l’integrazione aeroporto – ferrovia anche il porto dovrebbe beneficiare di questa sorta di dialogo fra reti fondamentali (ferro e gomma), superando la barriera cittadina.

  • punteruolorosso 2720
    10 set 2014 alle 21:45

    a me il piano integrato sembra ancora monco di molte linee tram che potrebbero sorgere nei vialoni di periferia collegando quartieri completamente esclusi.
    il tram dovrebbe entrare in centro storico, e invece si ferma prima.

  • MAQVEDA 17489
    11 set 2014 alle 0:05

    @punteruolorosso

    ma le linee tram per come le vediamo, devono essere intese come un “inizio”. Un primo abbozzo da cui partire. Mica potevamo pretendere di fare 100 km di tram tutti in un botto ;-)
    Se ne parla, ancora ovviamente sono solo idee, ma è importante che un’estensione è già presa come cosa da farsi. Si parla della linea 3 sino a viale delle Scienze, si è ipotizzato di unire la 1 e la 2 mediante il centro. E anche questo, non è che un inizio, ci sono ancora troppe zone scoperte, quartieri periferici che comunque devono essere collegati in maniera decente con il centro.
    Sono comunque convinto che aver prediletto prima un collegamento periferie centro, piuttosto che una scontata linea centrale, sia una dimostrazione di intelligenza, rara per il comune di Palermo :-D insomma per una volta è stata fatta una cosa estremamente sensata, pensando prima di tutto ai cittadini che oggi non sono per nulla serviti, piuttosto che quelli che bene o male col 101 ci campano comunque (e io l’ho fatto abbastanza discretamente per anni).
    Sarebbe assurdo pensare un parco della Favorita con tanto di tranvia al posto delle auto? non so, la sto sparando.

  • peppe2994 3608
    11 set 2014 alle 8:42

    Il fatto che ci sia un clamoroso ritardo nella realizzazione di infrastrutture per la mobilità è cosa nota, ma da qualche parte si doveva iniziare, e direi che l’attuale amministrazione si sta impegnando veramente molto in questo.
    Nel giro di nulla il sistema tranviario è stato messo in piena sicurezza, è partito il raddoppio del passante lotto B, l’anello ferroviario ed ora anche il bike sharing, senza dimenticare anche il parcheggio di scambio a Roccella.
    A me sembra un ottimo inizio. Le cose non si realizzano dall’oggi al domani, ma siamo sulla giusta strada :)

  • pendolare palermitano 46
    11 set 2014 alle 9:08

    Il biglietto unico era stato proposto da trenitalia ad 1 euro e 30 centesimi ma l’amat non l’ha voluto firmare.
    Per quanto riguarda il resto se la regione non spende fior di soldi per il trasporto pubblico su ferro c’è poco da pretendere.
    Se non si fa qualcosa si andrà sempre più a peggiorare

  • basilea 594
    11 set 2014 alle 11:39

    Consentitemi di scrivere cio’ che ho sentito oggi:
    TRAM : Manca il direttore di esercizio il probabile e’ in causa con Tenitalia e se non si chiude il contenzioso non si puo’ far avanti nessun altro. Manca un numero adeguato di conducenti dei tram.La cosi’ detta inaugurazione e’ stata quasi una beffa: un solo tram vett.10 ha percorso da via A,D’Aosta a pizza Ponte Ammiraglio,e poi e’ tornata scortata con marcia a vista in deposito.
    METRO (pass.Ferroviario per P.Raisi) : mancano 60 mt di galleria che pero’ NON SI POSSONO scavare perché CADONO LE CASE; Le case non si possono consolidare se non si scava la galleria (gatto che si morde la coda …). Le nuove stazioni ROCCELLA, BRANCACCIO RESID. pronte da anni non si attivano per misteriosi motivi ;IMPENSABILI attivazioni di GUADAGNA , PAPIRETO, LOLLI ferme da anni allo stesso punto.
    CHIUSURA ANELLO: dopo 10 anni forse iniziati i cantieri ,certo si trovera’ al piu’ presto qualche intoppo.
    ALTRE COSE (METRO’ AUTOMATICO ecc) ENTRIAMO NELLA FANTASCIENZA !

  • antony977 168155
    11 set 2014 alle 11:46

    @basilea, ma dove le hai sentite? :)
    Comunque sembra che il direttore d’esercizio sia stato trovato. A breve ci sarà la “convalida” da parte della Regione

  • Metropolitano 3973
    11 set 2014 alle 12:09

    Certo, è pure vero che sta schifo di istituzione regionale non si fa scrupoli per difendere i privilegi della casta e peggiorare i servizi ferroviari ai cittadini.

  • rasputin 168
    11 set 2014 alle 12:17

    @ palermoimprenditrice
    la fermata Lazio del passante ferroviario sarà in via delle Alpi ang via Lazio (tuttora c’è la stazione di servizio Esso).
    Antony977 si riferiva all’anello ferr.

  • MAQVEDA 17489
    11 set 2014 alle 13:33

    @Peppe2994

    veramente, a rischio di risultare filo-cammaratino (dio me ne scampi), ma quello che dici è abbastanza discutibile.
    Passante e tram sono in cantiere da anni, si con i loro intoppi e i loro problemi (non volendo assolutamente discutere di chi fosse originariamente l’idea), ora arriva l’attuale amministrazione in una fase tardivissima delle opere e dovrei anche ringraziarla? ma per cosa? solo perché hanno forse sbloccato dei soldi di una variante e si son riempiti la bocca dicendo che “hanno salvato l’opera”? (convintissimo che hanno colorato la cosa rendendola più drammatica di ciò che era in realtà)
    I lavori della tratta B sono partiti quest’anno, è un caso che ci sia quest’amministrazione e non un altra. Sarebbero partiti comunque.
    L’avvio dei lavori dell’anello è un caso, poteva essere oggi come potevano passare altri 8 anni, l’attuale amministrazione che merito ha sul fatto che finalmente gli eterni passaggi burocratici si sono conclusi ed esauriti?

    vista l’inettitudine che stanno mostrando in vari ambiti, isole pedonali fatte per finta, proclami finiti nel nulla, marce indietro varie (Favorita, Mondello etc), io non mi sento di ringraziarli di niente, come non ho ringraziato di niente quegli altri incompetenti dell’amministrazione precedente. Non ringrazio l’attuale amministrazione se parte questo o quel restauro. Se si avvia questa o quell’opera. Semmai me lo devono in quanto palermitano, io non devo ringraziare proprio nessuno, specie per meriti che non esistono. Quello che ho visto in questi ultimi 3 anni è lontano anni luce da quello che dovrebbe essere considerabile anche solo come ordinaria amministrazione. No i ringraziamenti miei li avranno solo e se faranno loro partire i lavori della metro, non per dei lavori iniziati anni fa, troppo facile così.

  • robky69 31
    11 set 2014 alle 14:53

    molto bello in prospettiva. Speriamo che tutto vada in porto rapidamente. Le uniche cose totalmente inutili (se non dannose) sono le linee del tram.


Lascia un Commento

Ultimi commenti