01 set 2014

Grandi opere, 10 anni di cantieri: una prospettiva per Palermo


Il percorso di ammodernamento della viabilità di Palermo non si deve fermare.  Notevole è lo sbocco occupazionale che i cantieri potrebbero offrire, ed è urgente realizzare nuove opere sbloccando i fondi. Fra le priorità: metropolitana leggera automatica Mondello -Svincolo Oreto, prolungamento linea Tram-3 fino alla Stazione C.le, prolungamento linea Tram-2 fino a via Don Orione – Amm. Rizzo, trasformare l’ex Fiera in centro direzionale del Comune di Palermo, completamento pedemontana, costruzione svincoli Oreto, Perpignano.

 

cantiere_sicurezza

 

E ancora la lisa si allunga con il raddoppio del ponte Corleone, tunnel da viale Francia a via Crispi, tunnel da piazza XII Vittime a svincolo Oreto, costruzione nuovo mercato ortofrutticolo Bonagia, acquario ad Acqua dei Corsari, trasformazione di via Roma in rambla sul modello di Barcellona, porticciolo turistico a Sant’Erasmo e Bandita, adeguamento di via Agnetta, interramento stazione Notarbartolo,  prolungamento via Lodato a via dell’Orsa minore, ponte in viale dei Picciotti, prolungamento via del Tritone, prolungamento via Pianel a via F. Pecoraino.

Inoltre il completamento di via Tolomea, interramento viale Diana e viale Ercole, la costruzione della strada di collegamento tra via Sacco e Vanzetti e via padre Massimiliano Kolbe . Queste opere darebbero respiro alla città e alla viabilità nel suo complesso. Intere aree potrebbero essere trasformate in aree pedonali. Un esempio? Pensate a piazza Torrelunga che da luogo di transito passerebbe a isola pedonale.


autostradecantieridecreto sblocca italiaferroviegrandi operegrandi opere siciliasicilia

15 commenti per “Grandi opere, 10 anni di cantieri: una prospettiva per Palermo
  • La Maglia Rosanero 53
    01 set 2014 alle 7:53

    Vorrebbe dire che lo stato per trovare tutti questi fondi dovrebbe tassare al 99,99999999 % tutte le entrate che ha un cittadino.
    Poveri ma con una grande possibilità di andare scaminiando per Palermo.

    Tralasciando la mia sterile battutaccia….ottime opere da poter realizzare…darebbero un volto nuovo alla nostra amata Palermo.
    Unica cosa che non mi sconfinfera…. INTERRAMENTO VIALE DIANA??? non capisco…

  • Palermitano incazzato nero 0
    01 set 2014 alle 8:04

    Credo che sia per la trasformazione della favorita in un vero e proprio parco interamente a uso pedonale.
    Come le grandi città del mondo.
    Sarebbe molto carino sperando poi che ci siano i controlli adeguati riguardo la prostituzione.
    Staremo e vedere.

  • Portacarbone 70682
    01 set 2014 alle 8:20

    Si tutto bello.
    Non trascurerei però la mobilità dolce e l’impegno di fondi per nuove infrastrutture come piste ciclabili, che al momento sono le vere infrastrutture alla ribalta.

    Per quanto riguarda lo sblocca Italia, mi sembra che proprio la metropolitana leggera non abbia trovato i fondi necessari in questo provvedimento governativo.

  • francesco974 62
    01 set 2014 alle 8:40

    ma noi saremo vivi quando ci sara’ tutto questo? e vi chiedo! lo vedranno i nostri pronipoti oppure ci sara’ stata prima la fine del mondo! ai posteri l’ardua sentenza!

  • lumilit 44
    01 set 2014 alle 9:52

    Di molti di questi progetti sento discutere da decine d’anni…; in una nazione come l’Italia, purtroppo in inarrestabile declino, sociale ed economico, diventa pura demagogia parlare di “grandi opere”, soprattutto in zone marginali e periferiche come la Sicilia.

  • Fabion54 48431
    01 set 2014 alle 11:01

    @Portacarbone: Lo sblocca italia riguarda prevalentemente le opere già finanziate, ma che ancora non sono partite. La Mal (metropolitana leggera automatica) ancora aspetta l’approvazione del CIPE (Comitato interministeriale per la programmazione economica)

  • guarino1 183
    01 set 2014 alle 11:02

    Un po’ di sano realismo e meno utopia?
    Se va tutto bene nei prossimi 10 anni potremmo terminare il nodo ferroviario, l’anello ferroviario, le linee dei tram (dubito fino a via Don Orione) e se va di fortuna sentiremo parlare di un progetto di una probabile metropolitana leggera da via Oreto a Notarbartolo.
    Far diventare la fiera un centro direzionale del comune…? Perché adesso gli uffici non vanno bene? Non si dovrebbe sfruttare il polo per attrarre investimenti?
    Via Roma non può diventare una rambla perché è impossibile da chiudere al traffico: più facile che lo diventi via Ruggero Settimo e via Maqueda.
    Pedemontana…chi?
    Le più belle restano il tunnel da Viale Francia a via Crispi e quello da via Oreto a piazza XIII vittime… 6 dico SEI km L’uno sotto la città, : avessi tutti quei soldi e dovessi fare tante gallerie in un territorio come quello di palermo ci farei la Metropolitana Leggera, ma con cognizione che già quello è un’impresa titanica!
    Dimenticavo l’interramento di viale Diana… ma non è più facile aprire una nuova strada da Fondo Trapani? bisogna solo ridurre il perimetro del parco ed è fatta.
    Quoto il nuovo mercato Ortofrutticolo e l’interramento di Notarbartolo, ma anche lì ci vorrebbero tanti soldi che non ci sono.
    Come dicevo all’inizio, un po’ di sano realismo ci aiuterebbe a non prendere batoste e a concentrarci sui problemi della città punto per punto. In alternativa, Da Punta Raisi ci sono comodissimi voli diretti per Barcellona.

  • Metropolitano 3236
    01 set 2014 alle 12:02

    La metro leggera è utile, ma se ne parla da almeno un decennio e finora c’è solo il progetto preliminare e scarsa organizzazione nel proseguimento dell’iter, quindi credo non si farà. Per il servizio metropolitano basterà la metro di superficie e del passante ferroviario + l’anello una volta completati.

  • gppcalabrese 31
    01 set 2014 alle 12:59

    credo che alcune di queste opere si potranno realizzare..non penso sia impossibile. ad esempio i prolungamenti delle linee dei tram o il raddoppio del ponte corleone. non penso siano cose impossibili

  • David 0
    01 set 2014 alle 13:59

    Come libro dei sogni è molto bello ma mi chiedo se abbia un’aderenza alla realtà come lascia prefigurare il titolo.
    In realtà sappiamo bene che nessuna di queste opere è vicina al cantiere. Neanche, purtroppo, la metropolitana leggera automatica. Gli annunci dell’amministrazione si sprecano ma non esiste ancora neanche lo straccio di un progetto esecutivo, figuriamoci la disponibilità dei fondi…

    Di molte delle opere indicate non avevo mai sentito parlare ma mi sembra evidente che aiuterebbero molto lo sviluppo della città.
    Solo tramite il forte rilancio degli investimenti possiamo uscire da questa situazione di crisi mondiale senza fine.

    Voto chiaramente per la metropolitana leggera automatica come opera a cui dare la priorità assoluta ma non disdegnerei neanche l’acquario e la pedonalizzazione della Via Roma o comunque ogni opera in grado di rilanciare a livello turistico Palermo.

    Complimenti a chi ha realizzato l’articolo. Bisognerebbe rilanciare costantemente questi temi affinché diventino obiettivo comune.

  • alvarezlimao 153
    01 set 2014 alle 14:41

    Grazie Davide. Sono opere non così irreali da realizzare, ma fondamentali per una città fra le più inquinate del pianeta. Realizzare la rambla in via Roma non è impossibile, basta stringere gli attuali marciapiedi e costruirne uno al centro . Con l’entrata in servizio dell’anello ferroviario nel 2017 la via Roma perderà il ruolo di strada di transito: la linea 101 sarà abolita, cosi come il terminal stile anni 80 di piazza Sturzo; bussini elettrici e circolari sono il futuro per i centri storici

  • Mr.Head 242
    01 set 2014 alle 21:24

    La tangenziale di Palermo che fine ha fatto!!!! E’ inclusa nella lista delle grandi opere?

  • friz 883
    10 set 2014 alle 19:59

    …l’ex Fiera trasformata in centro direzionale del comune di Palermo???? Ma sono impazziti???? Considerando l’utilità sociale dei politici sarebbe meglio che restituissero alla città anche le sedi istituzionali del palazzo delle Aquile e del palazzo dei Normanni…in questo modo quelle sedi potrebbero almeno essere utili da un punto di vista turistico… e i politici potrebbero trasferirsi allo Zen…o meglio in altre zone da riqualificare…anche Borgonuovo andrebbe bene…
    L’area dell’ex fiera e una zona strategica della città e potrebbe essere fonte di attrazione turistica… per esempio potrebbe diventare un grande parco giochi all’interno della città…e se la vicina caserma fosse anche restituita ai palermitani….quel parco giochi potrebbe essere veramente grande… con conseguente richiamo turistico…

  • friz 883
    14 set 2014 alle 9:38

    …e per lo svincolo di via Leonardo Da Vinci???
    …l’evidenza dei fatti ha dimostrato che il progetto di quello svincolo era sbagliato, infatti quando iniziano le scuole in quella zona, nelle ore di punta, si crea un traffico degno di una capitale del terzo mondo… Qualcuno sa se il comune sta lavorando a qualche variante per risolvere le cosa che non vanno in quello svincolo? In passato il sindaco Orlando ha dimostrato di essere in gamba e sicuramente il migliore sindaco di Palermo… spero che nel presente possa essere all’altezza della sua fama… e spero che riesca a finanziare qualche intervento che possa risolvere una volta per tutte il problema del traffico delle ore di punte nella zona dello svincolo di via Leonardo Da Vinci… perchè temo che con il passaggio del tram in quella zona, la situazione potrebbe anche complicarsi…


Lascia un Commento