25 ago 2014

In restauro palazzo Pantelleria


Nuovi ponteggi in allestimento.
E’ il turno del prospetto del palazzo dei Requesenz principi di Pantelleria, che occupa una grande porzione di isolato tra la via Meli e il Largo Cavalieri di Malta nel Mandamento Loggia o Castellammare.

DSC08703

 

Ho chiesto ad un operaio, e il prospetto verrà sicuramente restaurato.
Il palazzo che venne elevato alle spalle di San Domenico tra il 1525 e il 1555 da Bernardo Requesenz, gran cancelliere del Regno e pretore di Palermo, si articola su un vasto isolato intorno un grande cortile.
Dell’epoca di costruzione rimane un portale d’accesso al piano nobile, in cima alla scala cinquecentesca, sulla cima del portale è visibile la dicitura 1555. Un’altro grande portale in marmo reca lo stemma dei Requesenz e l’iscrizione latina “Esse malo quam videri” (preferisco essere che sembrare).
Venne profondamente rimaneggiato e ristrutturato nel XVIII secolo per volere di don Francesco Requesenz e Branciforti, principe di Pantelleria, su progetto di Giovanni del Frago. La facciata sul Largo Cavalieri di Malta presenta un’eleganza tutta tardo barocca. Un alto portale affiancato da colonne, sormontato dal classico mascherone apotropaico, balcone d’onore con ringhiera a petto d’oca.
Tipicamente settecentesca è la “sala dell’alcova” di eleganza rococò e che mantiene ancora l’originale pavimento.
I grandi saloni a piano nobile presentano tempere di fine ottocento con scene mitologiche di notevole bellezza, opera dell’Enea.
Il prospetto sulla via Meli presenta un più tardo rifacimento ottocentesco.

DSC08704

DSC08705

DSC08707

 

Il sospetto che il palazzo sarebbe stato restaurato l’ho avuto qualche mese fa, quando ho notato questi rilievi esposti a piano terra.

DSC08721

 


Largo dei Cavalieri di MaltaMandamento Loggia o Castellammarepalazzi storici palermopalazzo Pantelleriarestauri centro storico palermo

6 commenti per “In restauro palazzo Pantelleria
  • Donato Didonna 0
    25 ago 2014 alle 11:35

    Per il patrimonio monumentale palermitano questi investimenti privati sono una benedizione da proteggere e incoraggiare.

  • MAQVEDA 17489
    25 ago 2014 alle 14:52

    Per questo dobbiamo sperare che il Comune sblocchi al più presto i fondi del famoso settimo bando. Senza i sei bandi precedenti molti privati non avrebbero mai recuperato.

  • Answer 25
    25 ago 2014 alle 18:07

    che bellissimi palazzi abbiamo nel nostro centro storico.. ma mi chiedo: restaurati in tutta la loro bellezza torneranno ad esser abitati nel modo piu giusto?? come incentivare i palermitani a ripopolare il centro storico??

  • MAQVEDA 17489
    25 ago 2014 alle 20:55

    Riqualificandolo, illuminazione, fogne, servizi, parcheggi e aree pedonali. Solo eliminando degrado e sporcizia fai tornare i palermitani (e già comunque stanno tornando). Ma il comune è parecchio latitante.

  • mediomen 1136
    25 ago 2014 alle 22:04

    abbiamo dei tesori e non lo sappiamo, abbiamo dei tesori e non li curiamo, abbiamo dei tesori e non li sappiamo sfruttare….

  • Armando Balsamo 1
    07 nov 2016 alle 22:40

    in questo palazzo sono nato (1950 ) qui ho vissuto la mia infanzia mille ricordi felici la mia famiglia i scaloni dove giocavo tempi poveri ma sereni quando vengo nella mia amata Palermo e’ il primo posto che visito qui mi sento a casa e ne sono orgoglioso Palermo e’ una delle citta’ più belle del mondo


Lascia un Commento

Ultimi commenti