01 ago 2014

Le fioriere a Piazza Rivoluzione già spostate: tira e molla sulla “pedonalizzazione” (?)


Oggi era il giorno della pedonalizzazione (?) in Piazza Rivoluzione. Ci si consenta il “?” accanto la parola “pedonalizzazione” dato che è nota la nostra diffidenza su provvedimenti di pedonalizzazione fatti con fioriere facilmente spostabili da singoli individui.

E infatti….

10585619_10203782825764827_109306245_n

Subito dopo l’apposizione delle fioriere, un paio di commercianti evidentemente contrari alla chiusura parziale della piazza, ha provveduto a spostare i vasi per consentire quantomeno un’ulteriore area parcheggio per le auto. Successivamente gli stessi sono stati riportati nelle loro posizioni originali (ringraziamo a al proposito coloro che ci hanno segnalato quanto accaduto). Purtroppo abbiamo appena appurato che adesso gli stessi vasi sono nuovamente nella posizione errata e che le auto hanno ripreso a sostare.

A differenza di Piazza S.Anna, dove l’apposizione di idonei arredi urbani hanno reso efficiente il provvedimento, qui si è nuovamente ricaduti nell’errore di sperare nelle buone intenzioni di certi palermitani che nel frattempo non hanno perso tempo a manifestare la propria arroganza e lanciare messaggi di opposizione all’amministrazione.

Ripetiamo ancora una volta che il PUT, padre di questi provvedimenti, era stato annunciato come lo strumento che avrebbe scongiurato questi episodi ricorrenti di anarchia attraverso provvedimenti seri, duraturi, lungimiranti.

In un vaso rimovibile da sole due braccia forzute non vediamo nulla di serio, duraturo e lungimirante. Se da una parte non è possibile piantare idonei dissuasori sul basolato storico, gli arredi installati fra la GAM e piazza S.Anna dimostrano  che è possibile fare dei buoni interventi.

 

10567901_10203782825364817_1268430900_n

 

10569910_10203782816524596_1850576204_n

 

10574738_10203782810044434_1141629461_n

Sullo sfondo i vasi appositamente spostati da un paio di “geni” (per fortuna minoranza), al fine di ricavarsi qualche posto auto. Il risultato è che la fontana risulta quasi esclusa dall’area pedonale.

10578688_10203782824204788_2093707578_n

 

Auspichiamo pertanto che l’Amministrazione possa installare anche qui idonei dissuasori proprio come a piazza S.Anna, al fine di evitare questi spiacevoli episodi. Infine l’installazione di telecamere per il controllo e la sicurezza, proprio come quelle in fase di installazione alla Vucciria e a piazza S.Domenico.

 


aree pedonali palermocentro storico palermochiusura piazza s.annapedonalizzazione centro storicopedonalizzazione piazza rivoluzionepedonalizzazioni palermopiazza rivoluzionePiazza Sant'Anna Palermovia garibaldi

22 commenti per “Le fioriere a Piazza Rivoluzione già spostate: tira e molla sulla “pedonalizzazione” (?)

Comment navigation

  • Metropolitano 3231
    03 ago 2014 alle 15:51

    Per ogni provvedimento del Comune finalizzato a abbattere il fenomeno del malcostume, non provo più alcun entusiasmo !
    Il passato lo dimostra: basti pensare che ad esempio i vigili urbani che sono stati incaricati di fare multe (o di fischiare semplicemente) da un’ordinanza o da parte del comando PM, dopo qualche minuto di servizio poi spariscono e ritorna l’inciviltà, per mancanza di costanza nei controlli ! Se fanno sul serio, vedrete che nessuno oserà più fare il furbo. Ma a Palermo nulla è preso sul serio, per colpa della superficialità, o per finzione amministrativa. Siamo degni solo di un gran cabaret…

  • zavardino 226
    03 ago 2014 alle 21:08

    un invito: non prendete più come esempio quel giornaletto scandalistico di nome Repubblica.
    Da un po’ di tempo insiste col pubblicare sul proprio sito dei video ambientati in Sicilia e finalizzati a denigrare l’isola a livello nazionale, come se ce ne fosse bisogno.
    Così piazza in prima pagina la marginale processione di Ballarò col presunto omaggio al boss locale. In definitiva ci dà dei mafiosi irredimibili, nonostante oltre vent’anni di lotte per la legalità ed un sempre più diffuso rifiuto al far finta di niente, come dimostra questo sito.


Lascia un Commento