22 lug 2014

E Corso Vittorio Emanuele diventò ciclabile


Google Maps

A distanza di poche settimane dalla proposta sull’anello ciclabile ecco che una parte di questa nostra proposta viene accolta.

Mobilita Palermo riesce ad ottenere un “si” ad una proposta maturata in tanti dibattiti all’interno di questa comunità, pertanto auspichiamo che insieme a cittadini propositivi si possano avanzare e discutere nuove soluzioni.

Ancora una volta precisiamo che l’anello ciclabile è un’idea volta a riservare una corsia ai ciclisti all’interno del centro storico, ma che NON costituisce per noi una “pista ciclabile”. Va pertanto considerata una soluzione provvisoria. Pretendiamo che Palermo si doti di vere “piste ciclabili” opportunamente strutturate. Dunque attendiamo provvedimenti in linea con il Piano Urbano Traffico.

Realizzato il secondo tratto dell’anello (la parte in rosso), passiamo al prossimo, quello lungo via Papireto. Qui vi sarà inevitabilmente un tratto promiscuo ai fianchi della Cattedrale sino ad arrivare in via Papireto, dove è presente però una corsia preferenziale MAI rispettata. Ecco, chiederemo adesso “coraggio” all’amministrazione nel continuare questo provvedimento risolvendo un annoso problema: ripristinare il cordolo e garantire una corsia libera a mezzi pubblici (come da previsione della segnaletica), mezzi speciali e biciclette, a scapito delle tanto auto posteggiate impropriamente.

Attendiamo ulteriori sviluppi, intanto con la seguente ordinanza, la 915 del 18 Luglio, in via sperimentale dal 21 Luglio viene permesso ai velocipedi di percorrere la corsia preferenziale di Corso Vittorio Emanuele nello stesso senso di marcia dei mezzi di trasporto pubblici, quindi dai 4 Canti alla Cattedrale. E’ fatto assoluto divieto a tutti i veicoli il sorpasso dei velocipedi.

Ecco l’ordinanza:

ordinanza


anello ciclabileanello ciclabile centro storicoanello ciclabile palermobiciclettecorso Vittorio Emanueleordinanzapiazza villenaPiste ciclabilivelocipedivia Matteo Bonellovia vittorio emanuele

17 commenti per “E Corso Vittorio Emanuele diventò ciclabile
  • alvarezlimao 150
    22 lug 2014 alle 11:48

    Bisogna ridisegnare la pavimentazione nel Cassaro: allargare il marciapiede nel Cassaro alto lato mandamento palazzo reale, consentire il transito di bussini .

  • Normanno 300
    22 lug 2014 alle 12:15

    Una domanda al capo dei vigili:E’ prevista una pattuglia di vigili permanente (diciamo per dodici ore al giorno) da posizionare in corso vittorio emanuele che invece di parlare dei fatti propri e di guardare senza agire perchè non sono comandati si degni di prendere delle multe a chi sorpassa i velocipidi?

  • Normanno 300
    22 lug 2014 alle 12:51

    Comunque il problema non è il sorpasso dei velocipidi,ma il frontale con auto e moto guidate, come solo loro sanno fare, dalla razza animale dei panormosauri,quindi unica soluzione per evitare la strage di innocenti civili di palermo in bicicletta, mettere i cordoli di separazione anche in corso vittorio emanuele e sequestro del mezzo se qualche moto nonostante tutto va nella corsia preferenziale.

  • Normanno 300
    22 lug 2014 alle 12:58

    Altra soluzione videocamera che fotografi chiunque superi la linea gialla e invio di multa molto salata direttamente a casa, con ampia diffusione della notizia negli ambienti panormosauri con logica preventiva.

  • Fabion54 48241
    22 lug 2014 alle 13:48

    @Normanno: Chiunque va in bici, sa bene che è meglio pedalare a bordo strada proprio per evitare piccoli incidenti :)

    Comunque tantissime persone percorrevano già la corsia così come descritto nell’ordinanza, solo che adesso è legale farlo perché c’è un ordinanza che lo stabilisce ;)

  • Fra_bru 53
    22 lug 2014 alle 16:38

    Tutto bellissimo, davvero. C’e’ un problema: i residenti che fanno? Perche’ e’ vero che c’era/c’e’ (non si capisce piu’) una corsia preferenziale in via papireto, ma e’ anche vero che per chi abita la’ posteggiare e’ un inferno. E non parlo di me che uso la bici, ma di persone anziane che hanno sfortunatamente la necessita’ di usare l’auto. Allora dico, e spero di aprire una conversazione a riguardo: ottima idea ripristinare i cordoli per la corsia preferenziale. Questo va a scapito di chi la’ abita, perche’ dimezza i posteggi. Forse l’amministrazione potrebbe anche risolvere il problema di tutti gli abusivi che occupano quell’area? Forse potrebbe controllare i passi carrabili dato che la meta’ e’ falso da anni?(fatevi un giro a piazza papireto). Purtroppo i disagi (giusti) colpiscono solo gli onesti, i disonesti ne sono immuni

  • gaetano73 47
    22 lug 2014 alle 18:19

    @Fra_bru: ma proprio non vuole entrare in mente a nessuno che li’ a pochi metri c’e’ un parcheggio sempre vuoto sotto il tribunale!!! e da ora lasciare l’auto tutta la notte costera’ solo un euro!!! cos’altro pretendi? il posto sul pianerottolo???

  • gaetano73 47
    22 lug 2014 alle 18:22

    @punteruolorosso: mezz’ora fa via maqueda stracolma solo di pedoni. Tra l’altro era talmente piena di gente che anche con la bicicletta avevo difficolta’ a pedalare! vorrei intervistare ora i commercianti (pochi per la verita’) che erano contrari :)
    Palazzo quaroni puo’ piacere o no…il gusto e’ troppo soggettivo per discuterne, ma sicuramente quel bianco rende quel tratto di strada decisamente piu’ luminosa e “apparentemente” piu’ larga e spaziosa

  • robky69 31
    23 lug 2014 alle 11:01

    @gaetano73, ma una persona anziana residente, dal tribunale a casa propria come ci va? A parte che quanto dovrebbe spendere per tenere la propria auto H24 lì sotto?

    @Normanno, non sorpassare le bici? Andiamo allora tutti a 15 km orari dietro a delle graziose donzelle che passeggiano godendosi il panorama?

    @alvarezlimao, allragare il marciapiedi in corso vittorio? cioè significa uccidere il transito… Poi mi spiegherete tutti come con i due assi nord sud e est ovest chiusi al traffico si può attraversare palermo.

    Infine, Los Angeles non possiede piste iclabili, corsie prefereziali, zone pedonali e altri marchingegni simili. Giusto o sbagliato che sia, la gente usa SOLO la macchina er fare tutto, pure per andare a fare la spesa a 300 m di distanza. Io non lo condivido, ma ho dovuto osservare che in quella città c’era un millesimo dei problemi che abbiamo noi. Il problema non sono le auto, ma la razionalizzazione dei loro flussi, i parcheggi selvaggi, lo stato delle strade… Cioè, dovremmo avere un corpo dei VVUU (vvuu) che sappia fare mestiere per cui viene pagato. Da noi.

  • guarino1 181
    23 lug 2014 alle 11:31

    A Bologna, capitale delle ciclabili in Italia, le piste ciclabili si trovano tra il marciapiede e le strisce del parcheggio. Se si trapiantasse ciò a Palermo, a mio avviso questo sarebbe utile non solo per la creazione di possibili piste sicure in tutta la città, ma riducendo lo spazio della carreggiata si eviterebbero auto in doppia fila!

    D’accordo con @robky69, basta la caccia alle streghe agli automobilisti: se non ci sono le condizioni per usare altri mezzi la gente non si sacrificherà mai spontaneamente.

    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/be/Pista_ciclabile_a_Bologna.JPG

  • Fra_bru 53
    23 lug 2014 alle 13:26

    @gaetano73, evidentemente il mio commento non ti e’ stato chiaro anche se scritto in italiano. Ti prego di moderare i termini. Parlo di gente che pur avendo il pass invalidi non ha un posteggio sotto casa. Provaci tu con 5 bypass a farti la passeggiatina in salita verso il tribunale ogni mattina. Le cose si fanno con piu’ intelligenza e meno punti esclamativi. Se si eliminano la meta’ dei posteggi senza incentivare chi puo’ a vendere l’auto perche’ inutile e in piu’ si lasciano indisturbati tutti gli abusivi della zona EVIDENTEMENTE si crea disagio. A tutti.

  • Normanno 300
    23 lug 2014 alle 13:34

    @robky69. Sono anche d’accordo con te che il traffico delle automobili sarebbe rallentato,ma il problema è che in tutte le città a latitudini civili (quindi non la nostra) nei due tratti dal massimo alla martorana e dalla cattedrale (meglio porta nuova) a via roma ci sarebbe da quarant’ anni il basolato bianco per terra e nessuna macchina o motore potrebbe passaere.Il problema non sei tu che sei nella norma di questa città il problema è avere un sindaco che dica:Cari concittadini camminate con le macchine dove volete siamo in una metropoli ,ma in questo breve tratto di strada passano solo pedoni (indigeni e turisti),potete fare quello che volete se non vi sta bene la prossima volta non mi eleggete ma io voglio essere il sindaco di un città europea non della capitale della terronia.Abbracci e baci e viva palermo e santa rosalia.Fine del discorso

  • Normanno 300
    23 lug 2014 alle 14:21

    L’estate scorsa ho visitato parma e ravenna,in entrambe interi quartieri,ripeto quartieri non strade interdetti alle macchine e ai motori nelle zone storiche e con elegante basolato bianco per terra.Ho camminato da turista godendomi le bellezze artistiche stando attento a non mangiarmi un panino in piedi vicino ad un monumento perchè avrei preso una multa da un vigile urbano (fatto realmente accaduto a parma).Domanda semplice là a parma e a ravenna i commercianti di quei quartieri falliscono tutti?,e abitata solamente da giovani autosufficienti e non da vecchi?,le spose non si sposano in chiesa eccetera,o devo arrivare alla conclusione che quella è un’altra nazione che si chiama italia e io vivo da un’altra parte.Notazione finale :Palermo è cento volte più bella di ravenna, ma sopporta la zavorra pesantissima dei palermitani ,che triste destino meravigliosa palermo

  • gaetano73 47
    23 lug 2014 alle 23:43

    @Fra_bru e robky69: il parcheggio tribunale dista 500 metri dalla cattedrale, 200 metri dalla parte centrale di via papireto…piu’ vicino di cosi’ cosa si puo’ pretendere? il costo del parcheggio? 1 euro dalle 20.00 alle 8.00; di giorno abbonamenti mensili a costi ridotti. Inoltre se hai 5 bypass o hai grandi invalidita’ puoi chiedere il posto riservato al comune (con numero di targa)…ma quanta gente in queste condizioni estreme abitera’ in via papireto. Suvvia, siamo realisti…
    Poi per quanto riguarda Los Angeles non capisco il paragone: Palermo e’ una citta’ antica con strade piccolissime e alta densita’ di popolazione, Los Angeles e’ una citta’ moderna in cui le strade sono molto piu’ grandi e progettata gia’ per un traffico veicolare elevato. Viaggiate un po’ di piu’…vi accorgerete che Palermo e’ una triste anomalia in un mondo in cui i centri storici sono banditi alle auto (e dove esistono invalidi, vecchietti, commercianti ecc…)

  • Fra_bru 53
    24 lug 2014 alle 10:47

    @Gaetano73. No, mi spiace ma non mi spiego. La persona in oggetto ha gia’ il pass per i portatori di handicap. Le sue condizioni di salute evidentemente non sono considerate tanto gravi da avere un posteggio. Nonostante questo posso assicurarti che 500 metri sono tanti in questa situazione. E non so se sia una politica comunale o cosa. Basterebbe fornire UN pass a nucleo abitativo per il posteggio in zona e mettere le zone blu come nel resto della citta’. E magari verificare divieti di sosta e occupazione abusiva degli spazi pubblici (in momenti random, e multe salate e incrementali). La’ si che la gente preferira’ il posteggio del tribunale, se conveniente anche di giorno. La verita’ e’ che essendo privato non rientrera’ mai nella politica comunale “spendi meno ma levi la macchina dalla strada”. Attenzione, il costo basso la sera aiuta il traffico del centro e parecchio (non si capisce come sia considerata una genialata, dovrebbe essere normale marketing) ma non il traffico giornaliero. Tra l’altro se cosi’ fosse non ne basterebbero due per levare le auto da corso finocchiaro aprile. Io sono a favore di un rivoluzionamento completo del traffico cittadino ma non mi piacciono estremismi e caos. Sono un expat da tre anni, e ho girato il mondo. Se voglio andare a lavoro in auto dove vivo spendo 10 sterline di posteggio al giorno. Nonostante questo i residenti hanno il pass. Io sono costretto a usare i mezzi pubblici (che spaccano il secondo) e la citta’ e’ vivibile, i bus circolano facilmente e le bici pure. E in una citta’ come Palermo, dalle via tanto piccole, chiuderei si il traffico nel centro, lasciando pero’ l’accesso controllato ai bus, taxi e UN veicolo residenti, altrimenti li tagli fuori completamente. Per intenderci lascerei UNA corsia in strade come corso Vittorio Emanuele. La verita’ e’ che con una media di 57 auto pro capite servirebbe un sindaco che facesse il cambiamento a inizio mandato, per avere qualche anno di stabilita’ e dare il tempo ai palermitani di capire che eliminare gran parte delle auto e’ l’unica via.

  • Fra_bru 53
    24 lug 2014 alle 12:05

    Tra l’altro non si puo’ pretendere che la gente che anche solo fa la spesa settimanale vada a posteggiare a 500mt. Forse possibile da qualche altra parte (ne dubito) da noi otterresti doppie file, caos e rabbia. Ci sono soluzioni migliori.


Lascia un Commento