09 lug 2014

La nuova centrale idroelettrica “Agghiastro”


E’ partito oggi il progetto ‘Agghiastro’, così detto per il semplice fatto di trovarsi nell’omonima località, nei pressi di Marineo, lungo l’acquedotto sussidiario ‘Scanzano-Risalaimi’.

Il progetto ha riguardato la realizzazione di una centrale idroelettrica, la più grande in Sicilia non gestita da Enel o da altro Ente pubblico del settore energetico, capace di sfruttare il salto dell’acqua del citato acquedotto per produrre energia elettrica.

Oggi si può affermare che non solo di acqua potabile e di reflui si occupa l’AMAP. Infatti, nel quadro delle direttive comunitarie per il risparmio energetico ed a sostegno dello sviluppo delle energie rinnovabili, l’Azienda aveva predisposto da tempo tale progetto per lo sfruttamento energetico del ‘salto’ esistente sull’acquedotto in questione. Progetto che, pur essendo stato approvato e realizzato, aveva trovato sùbito alcuni intoppi burocratici per le autorizzazioni al suo effettivo funzionamento.

Tanto che c’è stato bisogno di un’ulteriore messa a punto in ordine alle ultime normative del settore energetico.

Senza titolo2

‘Un plauso – precisa il direttore dell’Amap Giuseppe Ragonese – va alle maestranze interne a cui si è dovuto far seguire un corso di specializzazione, nei tempi e nei modi compatibili con l’attività principale dell’azienda, e che ora hanno assicurato l’avvio della gestione della Centrale’.

‘Questo impianto, assieme alle altre iniziative già operate e quelle ancora in cantiere – dice il presidente Maria Prestigiacomo – rappresenta un’altra conquista della nostra azienda nella ricerca del risparmio energetico perché ci consentirà di abbassare in parte i costi gestionali dei nostri impianti attraverso la cessione a titolo oneroso di energia elettrica all’ente distributore, cioè l’ENEL’.

L’impianto, il cui importo dei lavori è stato pari a un milione e mezzo di euro, è costituito da due gruppi di ‘turbina-generatore asincrono’ di tipo Pelton ad asse orizzontale, la cui scelta è stata condizionata dalla elevata variazione delle portate d’acqua dovute soprattutto alla programmazione dei prelievi dagli invasi di tipo ‘stagionale’.

Senza titolo

In altre parole, esso sfrutta il salto di acqua che dagli invasi arriva al potabilizzatore Risalaimi, che al netto è di circa 240 metri, con una portata massima di 1 metro cubo al secondo e, rispetto alla potenza elettrica istallata di 1.150 kw per singola turbina, avrà una produzione annua media di 7 milioni di kwh.


agghiastroamapcentrale idroelettrica agghiastromarineorisalaimiscanzanoscanzano-risalaimi


Lascia un Commento