28 apr 2014

Car Sharing, nuove auto elettriche e a metano: i dettagli


Sembra muoversi il fronte della mobilità sostenibile in città e, dopo mesi di annunci,  arriva la gara d’appalto per il potenziamento del servizio Car Sharing in città. Si tratta sempre di interventi finanziati dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito del ”Programma di finanziamenti per il miglioramento della qualità dell’aria e delle aree urbane e per il potenziamento del trasporto pubblico”, e di cui fanno parte anche il bike sharing, scooter sharing e l’acquisto di nuovi bus. Complessivamente saranno 80 le nuove autovetture che andranno ad arricchire il parco auto Car Sharing in città, e la fornitura comprende anche 24 autoveicoli elettrici.

carsharing

L’appalto è così suddiviso per lotti, segmento di autovettura e tipologia:

n.34  Citycar, berlina 2 volumi bipower metano/benzina;
n.10 Utilitaria,  2 volumi bipower metano/benzina;
n.6  Media, berlina 2 volumi bipower metano/benzina;
n.3 Multispazio, monovolume bipower metano/benzina;
n.3 Van, monovolume bipower metano/benzina;
n.24 autovetture con alimentazione elettrica e 16 stazioni di ricarica per auto elettriche.

 

Qui alcune caratteristiche delle auto elettriche e l’ubicazione

-ricarica veloce delle batterie, ovvero, con tempo massimo della ricarica da 0% a 100% pari a 3,5 ore;
-Carrozzeria: berlina 5 porte, min. 4 posti;
-Lunghezza: min 3.800 mm, max 4.600 mm;
-Potenza massima erogabile: non inferiore a 60 Kw;
-Autonomia omologata secondo ciclo NEDC non inferiore a 190 km;
-Cavo di Ricarica 5 metri.

Le 16 stazioni di ricarica invece, saranno installate nei seguenti siti:

Park Amari (4), park Campania (4), park Notarbartolo (2), park Ungheria (2), park Libertà (1), park Bellini (1), park Florio (1), park Teatro Massimo (1).

Le stazioni di ricarica conduttiva in corrente alternata per le auto in servizio di Car Sharing elettrico devono esser conformi alla norma CEI 61851-1 ed avere un sistema di accesso alla ricarica tramite carta RFID (card del cliente); inoltre devono anche prevedere la ricarica di scooter elettrici (parleremo anche dello scooter sharing).

 

La gara d’appalto sarà celebrata in data 17/06/2014 , mentre la consegna (a meno di ricorsi) sarà prevista  entro 60gg dall’ordine.

 

 


auto elettriche palermocar sharingmobilità sostenibilepotenziamento car sharing palermoprogramma demetra palermoscooter sharing

8 commenti per “Car Sharing, nuove auto elettriche e a metano: i dettagli
  • rosanerofan 40
    28 apr 2014 alle 12:54

    se abbassassero le tariffe andrei a fare l’abbonamento immediatamente, visto l’utilizzo irrisorio che faccio dell’auto in città.

  • manuel 3
    28 apr 2014 alle 13:10

    Finalmente qualcosa si muove…..perchè non estendere le zone delle colonnine elettriche fino a zona forum? Questa parte delle cittá pare che viene totalmente esclusa da questo progetto

  • Michele79 113
    28 apr 2014 alle 13:41

    ma.. veramente le tariffe sono pure convenienti … lo sconveniente è che l’auto la devi rilasciare dove l’hai presa non hai possibilità di lasciarla in un qualsiasi punto quindi se per esempio vuoi usarla per raggiungere la stazione centrale e da lì prendere un treno paghi fin quando non la riporti al suo parcheggi d’origine 0_o !! assurdo!!

  • antony977 165912
    28 apr 2014 alle 19:13

    Utilizzo già il servizio, e le tariffe sono davvero convenienti.
    Basta considerare che le auto sono praticamente nuove, godono di molti vantaggi: camminano su corsie preferenziali, zone blu gratis, e hanno i parcheggi riservati.
    Ragionando un po’ sul lasciarla nello stesso punto di partenza, è come se da casa devo spostarmi in un determinato punto in città. Ma dovrò sempre ritornare a casa e quindi riporre l’auto nel suo parcheggio d’origine. Così facendo, penso che si offra la possibilità di avere i parcheggi sempre con auto a disposizione.
    Tranne quelle in aeroporto che possono essere lasciate in altri.

  • Metropolitano 3205
    30 apr 2014 alle 10:51

    Ottima notizia ! Ci auguriamo che il servizio sia sfruttato, perchè questo contribuirà a ridurre l’inquinamento con i vari car sharing parks che faranno al centro città. E che ovviamente i parcheggi destinati alle auto ecologiche non siano occupati abusivamente.


Lascia un Commento

Ultimi commenti