16 apr 2014

Allagamenti meteorici in via Notarbartolo: verso la soluzione?


Quanti di voi ricordano gli allagamenti che puntualmente si verificano tra piazza Einstein e via Notarbartolo? Una strada che si trasforma in un enorme fiume in piena. Ma a cosa è dovuto il problema? Oggi la portata della condotta fognaria risulta insufficiente a contenere l’enorme flusso, d’acqua anche durante eventi meteorici intensi ma non straordinari. Col risultato che i tombini saltano facilmente, riversando per strada i reflui fognari.

 

1384320_10202138382010840_77943259_n

In tanti si sono preoccupati dello scenario che potrebbe presentarsi durante il transito delle vetture tranviarie. A quanto pare ci si sta muovendo su questo fronte, e con una delibera di giunta (53 del 9/04/2014)si predisporrà un’apposita perizia di variante ai lavori tranviari. In pratica si è deciso di modificare la sezione  della tubazione della sottostante rete fognaria, e portarla da 400 a 1200. L’auspicio è che finalmente dal prossimo autunno non si presentino più gli scenari a cui siamo stati abituati a vedere per anni.

Qui di seguito una galleria fotografica degli ultimi allagamenti che si sono verificati lo scorso Ottobre 2013

Via L. Da Vinci bassa come si presentava durante un forte acquazzone ad Ottobre 2013 (foto di Vincenzo Gagliano)

foto-fb-di-vincenzo-gagliano-553x415

Qui la rotonda di piazza Einstein, lato mare, lo scorso 5 Aprile 2014 (foto di Paola Pagliaro).

10001307_10203560668487113_376719218_n

 

Da notare che con gli ultimi interventi effettuati sulle caditoie nei pressi dei sottopassi stradali di piazza Einstein e viale Lazio (a valle e a monte), non si sono più  verificati particolari allagamenti tali da dover essere chiusi alla circolazione stradale. Rimane pur sempre il problema del rifacimento dell’intero collettore della parte a monte della città.

 


allagamenti via da vinciallagamenti via notarbartolocondotta fognaria via notarbartololavori tram paizza einsteinpiazza einstein palermorete tram palermotram via notarbartolovia leonardo da vinci palermovia notarbartolovia notarbartolo palermo

6 commenti per “Allagamenti meteorici in via Notarbartolo: verso la soluzione?
  • Portacarbone 70662
    16 apr 2014 alle 12:05

    Ottimo caso di prevenzione in corsa. Come se ne vedono di rado.
    Mi risulta sempre un pò difficile capire se sono parametri che sono preventivabili già nel progetto esecutivo iniziale oppure è normale che vengano affrontati in corso d’opera.

  • peppe2994 2784
    16 apr 2014 alle 12:32

    Mi sembrava un cantiere troppo grande quello che attualmente si trova in via Notarbartolo. I lavori sono già cominciati, anzi sono in fase avanzata ed in alcuni casi terminale.
    Oltre lo spostamento dei sottoservizi stanno distruggendo la fognatura ed installando tubi e tombini giganti a velocità record perché se piove sono cavoli.

    Davanti a come la SIS sta eseguendo questi lavori non c’è altro che fare i complimenti. Celerità e maestria come non si vedevano da tempo :)

  • Fulippo1 1336
    16 apr 2014 alle 14:47

    Tra l’altro allo stato attuale gli allagamenti sono praticamente inevitabili in caso di forte pioggia. Il tombino di piazza Einstein è un vero e proprio sfiato (costruito di proposito) che serve a non danneggiare la conduttura quando la portata d’acqua che arriva da monte è troppo potente, di conseguenza si riversa su via L.do Da vinci e Notarbartolo, scorrendo sopra anzichè sotto.

    L’allargamento della conduttura potrebbe finalmente essere la soluzione definitiva per riuscire a raccogliere tutta l’acqua che arriva dal lato monte, ma solo se essa sia continuativa, perchè se sarà solo fino alla stazione Notarbartolo dove si fermeranno i binari, il problema non si risolverà ma si spostera più giù dove la conduttura trovera nuovamente il restringimento.

  • rasputin 151
    16 apr 2014 alle 15:26

    Senza dubbio l’intervento che stanno per approntare risolverà la cronica situazione di allagamento, infatti il problema degli allagamenti in Via Conceria e Michelangelo e di conseguenza su via Lazio, si è risolto dopo le opere fatte lo scorso autunno.
    Hanno collegato tutte le caditoie presenti su ambo i lati della carreggiata verso Borgo Nuovo e viceversa, al collettore centrale, sostituendo i vecchi tubi con quelli di sezione più larga.
    La situazione è migliorata di molto, e con le recenti pioggie non si sono registrate criticità.


Lascia un Commento