04 apr 2014

L’odissea del palermitano che prova a collaborare coi vigili urbani


pazzo

Vi rendiamo partecipi di una tragicomica segnalazione da parte di Irexia, emblematica di come si concretizzi nella vita di tutti i giorni il rapporto con i tutori dell’ordine. Ci piacerebbe che il sindaco Orlando e il comandante Messina, spesso critici nei confronti dei palermitani che non collaborano con le istituzioni, leggessero quanto riportato qui sotto e rispondessero ad una semplice domanda: cosa deve fare un palermitano di fronte a tutto questo? No, perché poi diventa comodo scaricare la colpa sul cittadino menefreghista…

Oggi (3 aprile 2014) chiamo i Vigili urbani della nostra città (091-6954111091-6954111) e seleziono dal risponditore automatico l’opzione ritiro veicoli (tasto 2).

Dopo aver esposto la mia richiesta all’agente questi mi dice che non è il numero corretto, ma che per il ritiro di veicoli abbandonati avrei dovuto fare il numero con 336 o 219 finali. Provo: al numero con 219 finale, dopo avere fatto a lungo squillare, si attacca il fax; al numero con 336, al terzo tentativo senza aver ricevuto risposta, la persona dall’altro capo mi dice che quello non è il numero esatto e mi inoltra ad un altro ufficio: neanche uno squillo e cade la linea.

Riprovo e la stessa persona mi chiede “E’ di nuovo lei?”, io rispondo affermativamente e prima che rifaccia la stessa cosa gli dico come il suo numero mi sia stato dato da un suo collega che il suo inoltro sia fallito! Allora questi mi dà altri due numeri, con 200 e 202 finali. Li compongo: nessuna risposta, il telefono squilla a vuoto!
Ricominciamo da capo!

Faccio il numero generico dei Vigili Urbani e stavolta scelgo l’opzione che mi permette di parlare subito con un operatore (tasto 9), mi risponde e io dopo averlo salutato, non gli lascio dire una parola e chiedo: “E’ da 10 minuti che cerco di segnalarvi un’automobile abbandonata, mi rimandate da un numero all’altro, ma una volta è sbagliato, un’altra non risponde, un’altra ancora cade la linea! Che devo fare?!”, dopo un attimo in cui l’agente cerca di capire come mai i suoi colleghi preposti a ricevere quel genere di comunicazione non rispondano, si offre di raccogliere lui la mia segnalazione e di inoltrarla a chi di dovere.

Già che ci sono chiedo un’informazione sull’edilizia abusiva dato che in un cantiere su cui hanno messo i sigilli sono ripresi i lavori: sono stati tolti i suddetti sigilli o sono stati violati? Vengo inoltrata all’ufficio competente e l’agente, che mi ascolta e dice di avere capito di che si tratti, mi dice che dovrò richiamare di pomeriggio quando c’è il collega che se ne occupa e conosce queste cose.

Come si può chiedere al cittadino onesto di collaborare con la giustizia quando gli uffici pubblici sono talmente carenti (di voglia di lavorare)?

Possibile che alle 11:57 del mattino non ci fosse nessuno a rispondere a ben due utenze di un ufficio pubblico?
Perché inoltrata dallo stesso funzionario la conversazione cade: sistema telefonico ormai vetusto oppure tentativo di logorare la buona volontà di un cittadino onesto?

Come mi si può dire che parlando con l’ufficio giusto (edilizia abusiva) mi si dica di richiamare perché il collega che conosce la materia è di turno il pomeriggio: e colui che mi ha risposto chi era, un uomo delle pulizie o un quisque de populo che passava di là per caso?

Il comandante dei Vigili Urbani di Palermo è al corrente di queste macroscopiche carenze? Se questa è la faccia che offre il corpo al cittadino onesto, di questi ultimi ne rimarranno sempre meno!

 


comandante messinaedilizia abusivamobilita palermopolizia municipalevigili urbani

28 commenti per “L’odissea del palermitano che prova a collaborare coi vigili urbani

Comment navigation

  • Templare 486
    04 apr 2014 alle 14:22

    “Possibile che alle 11:57 del mattino non ci fosse nessuno a rispondere a ben due utenze di un ufficio pubblico?”

    …certo che è possibile: sono tutti per strada a lavorare… noi non li vediamo perché sono invisibili, ma ci sono, fidati…

  • cuter 63
    04 apr 2014 alle 15:04

    Vorrei poter meravigliarmi ma in tutta franchezza tutti noi abbiamo avuto di queste aesperienze e possiamo commentare solo con un “niente di nuovo”. Certo, non dovremmo mai abituarci ma in fondo lo abbiamo fatto tutti.

  • augustedupin 116
    04 apr 2014 alle 15:07

    Questo è niente. 25 dicembre 2013, mercoledì, ovviamente non si tiene il mercatino di viale Campania/via Brigata Verona: è natale. 27 dicembre, venerdi, sorpresa, mi trovo la macchina chiusa dalle bancarelle: hanno montato il mercatino. Vigili urbani irrangiugibili. Scendo, incazzato come una jena,subito smontano un paio di bancarelle e mi lasciano uscire, e con me altri automobilisti. “Chi voli, nn’amu a vuscari u pani”. Avevo pensato di chiamare i carabinieri e denunciare tutti, dal sindaco a scendere. Uno dei mercanti mi fa notare che comunque loro avevano appeso dei cartelli per avvisare. Mi sono cadute le braccia. Vadano tutti affanculo.

  • hannibal 65
    04 apr 2014 alle 15:13

    Ciao Mobilità, sono hannibal e spero questa volta di non essere troppo indigesto.
    Tempo fa, forse qualche anno, sentivo dire che il numero dei vigili urbani assunti al comune di palermo erano 4.000. Poi credo che ne abbiano assunti altri 400 forse a causa del turnover dei dipendenti andati in pensione. Però ricordo che si perse qualche anno prima di queste ultime assunzioni forse, penso io, non trovavano un accordo.
    Quindi ammettendo che siano 4.000 quelli in servizio, le cittadine di Cinisi o Terrasini mi pare abbiano lo stesso numero di abitanti e molti di loro per la strada si vedono specie il pomeriggio al passeggio o la domenica.
    Invece di vigili urbani a Palermo per le strade non se ne vedono salvo qualche pattuglia adibita all’autovelox-
    Per quanto sopra, se avete l’occasione di chiedere, sarebbe interessante sapere dove e quando lavorano questi dipendenti comunali che non dimentichiamo paghiamo anche con le tasse che noi versiamo. Grazie per quello che farete in merito.

  • loggico 392
    04 apr 2014 alle 15:35

    Si da il caso che io lavori con tutte le polizie municipali d’Italia.. e ahime purtroppo noto delle differenze.. vado spesso nelle loro sedi e vedo come operano.. quanti sono e come sono organizzati..orbene rispetto al numero in organico a palermo dovremmo avere un servizio ineccepibile.. con tanti vigili per strada e tanti pronti a rispondere negli uffici.. io moriro con la speranza di conoscere cosa fanno uno ad uno codesti signori..
    di che si occupano.. come impegnano il loro tempo.. ci saranno fra loro agenti onesti che operano per il bene della città. . Ma ho dubbi che tutti dilingentemente prestino la propria opera..
    ricordo che ad una precisa domanda di una giornalista di tgs un comandante della polizia municipale disse che 50 agenti al giorno erano impegnati per strada.. e gli altri 1400 1600 che fanno considerando che in via dogali prestano servizio anche tanti civili? il sindaco orlando perche non ci informa su quanti sono e su cosa fanno invece di difenderli?
    È possibile che in una strada come viale della regione siciliana (strada piu trafficata d’europa secondo tomtom) non ci sia mai dico mai un vigile se non sporadicamente la pattuglia con la rilevazione a distanza.. molti considerano la corsia riservata ai mezzi di soccorso come “propria”.. chiedete a milano firenze bologna roma quanti milioni si ho scritto milioni di verbali sono fatti ogni anno per la violazione al cds “circolava senza averne diritto nella corsia riservata”
    Sono sicuro che a palermo forse non si arriva a trecento verbali..
    Tutto ciò è normale? La polizia municipale caro sindaco orlando è da lodare o da costituire ?

  • cirasadesigner 1025
    04 apr 2014 alle 15:59

    Io credo che questa anomalia del tutto italiana debba essere eliminata, non si capisce il bisogno di un corpo di polizia a livello municipale, se poi a detta di loro stessi, non hanno tutte le competenze necessarie. Non sarebbe meglio allora accorpare tutti i corpi di polizia in una sola??? Poi con compiti specifici. Altro che spending …. Controllo della spesa pubblica de che????ci sarebbe un risparmio pazzesco e credo un migliore coordinamento. In Belgio all’indomani di uno scandalo di pedofilia, cancellarono il corpo della Gendarmeria, i nostri Carabinieri, e adesso ci sta una sola polizia. Da noi invece, i Carabinieri che dipendono dal Ministero della Difesa, La Polizia che dipende dal Ministero degli Interni, la Guardia di Finanza che dipende dal Ministero dell’economia, e le varie Polizie Municipali che dipendono dal Ministero della Funzione Pubblica … Credo sia davvero senza alcun senso. Se poi riflettiamo che i Vigili hanno fatto del “Controllo del Territorio”, una filosofia tutta errata rispetto a quella che dovrebbe essere, da qui si capisce come il cancro in Italia è ormai in metastasi

  • drigo 404
    04 apr 2014 alle 16:07

    Scrivo questo commento anche in relazione all’articolo sul degrado della Vucciria, in relazione all’inattività del Corpo di Polizia Municipale.
    Come sempre sostengo, è inutile rivolgere appelli o strali alle autorità in relazione alle mancanze della forza pubblica, se questi non sono supportati da prove inconfutabili.
    Seguitemi in questo semplice ragionamento:
    il poliziotto municipale che non fa nulla è sottoposto all’autorità del suo comandante, che nel caso di Palermo difende a oltranza il comportamento illegale dei suoi sottoposti; il comandante di PM è una diretta emanazione del Sindaco,dato che da quest’ultimo viene indicato per ricoprire il ruolo.
    Ci aspettiamo dunque che il Sindaco, su due piedi e per le segnalazioni che gli arrivano, si metta a “scuncicare” il Comandante che lui stesso ha piazzato lì rischiando che lo stesso ingaggi una guerra personale col Sindaco, che a quel punto si ritroverebbe in una situazione politica più che scomoda?(essendo contemporaneamente il responsabile e la vittima di quella situazione). Il potere non riforma se stesso.
    Per risolvere questa situazione, o quantomeno per dare una spinta in quella direzione, c’è da fare una sola cosa: cominciare a DENUNCIARE i poliziotti municipali che palesemente omettono di svolgere il proprio lavoro.
    Basterebbe filmarli e poi pubblicare in maniera virale il materiale. Non potrebbero neanche sollevare l’eccezione della violazione della privacy, dato che sono pubblici ufficiali nel momento in cui vengono ripresi.
    Per il caso specifico dei centralini, nel momento in cui si verifica il disservizio, presentare un esposto in Procura denunciando l’interruzione di pubblico servizio e l’omissione d’atti d’ufficio.

  • spartacus 4
    04 apr 2014 alle 17:19

    quante illazioni da chi non sà un bel niente!
    4000 vigili?, forse l’organico lo sarà nel 2500 d.c., anzi non lo sarà mai in quanto le amministrazioni tendono sempre a risparmiare fino all’osso, non assumendo personale e tirando a campare con un “esercito” vetusto e acciaccato, che con la legge fornero andrà in pensione a 70 anni, se ci arriverà e se non morirà prima dello smog emesso dalle vs. autovetture, senza avere riconosciuto nulla.
    critiche se ne possono fare tante ma non fate al tiro a bersaglio su una categoria che pur effettuando il proprio lavoro è obiettivo di aspre critiche. Non parliamo poi di autovetture di servizio che sono da demolire e che l’amministrazione tiene in vita con “l’ossigeno”. attrezzature fatiscenti, molti doveri e pochi diritti. certo ognuno deve fare il proprio dovere ed avere riconosciuto il giusto ruolo e retribuzione, guai a chi sbaglia. Provate a vedere cosa succede in merito alla circolazione nelle città di altri paesi! di certo non esistono gli omologhi panormosauri.

  • Metropolitano 3464
    04 apr 2014 alle 18:10

    Questo servizio necessita di una riforma accurata e radicale ! Non si può andare avanti così, è una vergogna. Vigili urbani più nullafacenti di Gesip o di qualche altro ? Come sempre al mio ritorno troverò solo grane e rogne quando verrà il tempo in cui rimettero piede in quella città. Le amministrazioni e i vertici della P.m. facciano una visita a questo sito per capire il malumore della gente onesta e civile.

  • mediomen 1143
    04 apr 2014 alle 18:38

    @ spartacus
    saranno illazioni, saranno 1800 anziché 4000 ma se sono “vetusti e acciaccati” perché io li devo pagare per nuovi ed efficienti?

  • massimo-lg 78
    04 apr 2014 alle 19:00

    la Polizia Municipale di Palermo ha un account sul social network di twitter: https://twitter.com/PALERMOPM (@PALERMOPM).
    Qualsiasi segnalazione si può twittare al loro account.

    A Roma è ormai consuetudine che vari cittadini postano all’account twitter della Polizia Municipale locale tutte le infrazioni che altri cittadini commettono e sembra che la Polizia romana si attivi in quanto considera la segnalazione dei cittadini su twitter una segnalazione ufficiale alla stessa stregua di una una mail, leggere per credere:
    http://www.romatoday.it/politica/multe-via-twitter-come-funzionano.html

    Se inondiamo (ehm usiamo) l’account twitter della Polizia Municipale per segnalazioni, non possono dire poi che non prendono la pratica in carica. La segnalazione resta online. E’ tracciata! E’ visibile da tutti.

  • huge 2251
    04 apr 2014 alle 19:56

    Non posso che sposare in pieno l’opinione di cirasadesigner.
    Le municipali vanno assolutamente abolite e le loro funzioni trasferite ad appositi reparti della polizia (va da sè che andrebbe aumentato l’organico di quest’ultima in modo adeguato).
    I risparmi sarebbero enormi, ma non solo. Ci sarebbe un’enorme flessibilità nel numero di uomini a disposizione a seconda delle necessità. Con possibilità di trasferimenti a/da altre sedi.
    Lo si fa ovunque nel mondo, non vedo perché non lo si debba fare anche da noi.

  • Giovanni 320
    04 apr 2014 alle 22:42

    spartacus ma sei sicuro che fai parte della Polizia municipale di Palermo? le vostre vetture di servizio nn sono per niente vetuste e ci sono state ben tre forniture diverse di Fiat Grande Punto…

  • joyce973 136
    05 apr 2014 alle 10:54

    Vi racconto una mia esperienza:
    Una domenica non ho potuto prendere l’auto per colpa di un panormosauro che ha pensato bene di parcheggiare in seconda fila proprio dietro la mia macchina. Ho chiamato i vigili urbani, i quali dopo almeno 4-5 solleciti sono intervenuti dopo solo 8 ore! Dicevano di aver ricevuto molte chiamate…

  • piero68 124
    05 apr 2014 alle 11:03

    Ma dove sono ste migliaia di vigili?Le soluzioni di massimo-lg di twittare al loro account o quella di drigo di presentare esposti in Procura mi sembrano giuste,di sicuro non e’ piu’ tollerabile una situazione del genere, dato che questi sono pagati anche da noi.Non capisco perche’ quello che in altre parti e’ ordinario e normale da noi non si debba pretendere ed ottenere.Perseverare e non mollare per cambiare le cose.

  • spartacus 4
    05 apr 2014 alle 17:11

    Giovanni, non guardare alle poche auto nuove guarda quante sono quelle vecchie, punto si ma con più di 13 anni di servizio.
    Mediomen devi ancora calare di molto il numero, poi considera che il lavoro viene svolto in turni nell’arco di 24 h.
    Metti in conto che in ogni azienda bisogna avere un continuo ricambio sul personale, con leve più giovani, qui non si assume da almeno 17 anni. Bisogna dare i servizi con il giusto apporto di personale e attrezzature, applicando la spending review non al personale ma alle spese inutili dell’amministrazione e dei politici. Inoltre bisogna considerare che Palermo non è una città “normale”, incidono troppi comportamenti “anomali”, per non dire incivili, dei suoi cittadini.

  • mediomen 1143
    05 apr 2014 alle 18:55

    L’unica “anomalia” che c’è a Palermo è che non esiste il servizio del vigile urbano.
    E poi basta farsi un giro negli uffici di Via Dogali per vedere che ci sono più persone che sedie!

  • vincerai 4
    05 apr 2014 alle 19:05

    E’ vero i vigili ci sono, ma invisibili, oppure sono al telefonino, vedi incrocio Piazzale Einstein, vigilessa con capelli sciolti senza cappello, “chi fiura”. Altri invece sono dietro gli autovelox o dentro le macchine che chattano, mentre in via di blasi evangelista, davanti Istutuo salesiano è nato un micro mercato davanti le macchine posteggiate, Comandante o comandi o a casa.

  • drigo 404
    05 apr 2014 alle 23:31

    Ad ogni modo, a chi difende la categoria, bisogna dare atto che ha un gran bel coraggio.
    Mi sono ripromesso che, la prossima volta che un vigile urbano (come mi è gia successo) di fronte ad una palese infrazione del CdS allargherà le braccia dicendo che ogni tanto bisogna avere buon senso e che loro non sono supereroi (sic!), io gli poserò una testata sul naso facendogli presente che anche io ho diritto di essere trattato allo stesso modo e, quindi, farla franca.

  • huge 2251
    06 apr 2014 alle 13:00

    @spartacus: ma quando un vigile per strada fa finta di non vedere, passando accanto a infrazioni di tutti i tipi cosa c’entrano le auto vetuste, la carenza di personale, il mancato ricambio generazionale o l’inciviltà dei palermitani? No, perché mi piacerebbe capirlo. E non mi venga a raccontare che non si può fare di tutta l’erba un fascio o che ci sono sempre delle mele marce, perché sappiamo tutti benissimo che queste non sono eccezioni, ma la norma. Questo è il tipico comportamento del vigile urbano palermitano. Non vedo, non sento, non parlo. Nella migliore tradizione cittadina.
    Vi si può posteggiare davanti gli occhi con due ruote sul marciapiedi e le altre due sulla rampa per disabili, ma a meno che non vi abbia specificatamente dato ordine d’intervenire il comandante Messina, per voi è come se nulla fosse successo.


Lascia un Commento