27 mar 2014

Multato, scappa via con l’autovelox


Pubblichiamo un comunicato stampa della Polizia Municipale circa un increscioso episodio avvenuto presso lo svincolo di viale Lazio. Attenti ai panormosauri multati!

Viene fermato dalla Polizia Municipale per eccesso di velocità, reagisce e fugge portandosi via l’autovelox. L’episodio è accaduto ieri pomeriggio in viale Regione Siciliana, all’altezza del viadotto di via Lazio, nella carreggiata laterale in direzione Trapani, dove gli agenti del nucleo autovelox della Polizia Municipale con una postazione mobile telelaser, hanno fermato per eccesso di velocità una Ford Focus guidata da G.P. di 31 anni.

foto by torinofree.it

autovelox_torino

L’uomo, al momento della contestazione dell’infrazione dava in escandescenze e con una mossa fulminea, afferrava l’autovelox scappando via. Rincorso e bloccato dagli agenti dopo pochi metri, G.P. è stato condotto presso gli uffici di via Dogali dove, oltre alla multa ed alle sanzioni accessorie per superamento dei limiti di velocità, è stato denunciato all’ autorità giudiziaria, per resistenza a pubblico ufficiale.


autoveloxpolizia municipale palermoviale lazio palermo

16 commenti per “Multato, scappa via con l’autovelox
  • Templare 427
    27 mar 2014 alle 18:30

    …ma valutare se uno così abbia i requisiti per avere la patente di guida? Perché al di là di questo episodio che fa pure sorridere per quanto è grottesco, lo vogliamo dire che in Italia e, per quanto ci riguarda, a Palermo, le patenti sono state distribuite quasi come si trattasse di una necessità sociale…

    Guida tranquillamente gente (e purtroppo ho degli esempi anche fra persone a me care) che in macchina dovrebbe entrare al massimo come passeggero.

  • hannibal 65
    27 mar 2014 alle 18:52

    sicuramente un automobilista incazzato nero perchè ormai i vigili esistono principalmente per prendere multe con l’autovelox mordi e fuggi. Si vede che queste multe rendono di più.
    Certo, questo signore ha esagerato ma a volte i nervi saltano e non si sa come si reagisce. In questo caso si è data la classica zappa sui piedi.
    Vorrei comunque invitarvi a non offendere i palermitani attribuendo a qualcuno che sbaglia la nomea di panormosauri che secondo me non si addice alla serietà del vostro sito web.
    Noi siamo palermitani e basta e non abbiamo bisogno di “snob” e gente che si sente superiore agli altri e poi forse sbaglia come e più degli altri.

  • peppe2994 2783
    27 mar 2014 alle 20:06

    No scusami, salgono i nervi un cavolo…
    Sai che esiste un limite, se lo superi sei cosciente che da quel momento ogni multa che ricevi è perfettamente legittima e giustificata quindi ogni nervosismo è privo di fondamento. Certo se uno prende una multa ovvio che la cosa pesa, ma sapendo di essere in torto c’è ben poco da arrabbiarsi. Molti inveiscono spesso contro i vigili con la tipica frase “perché a me si ad a lui no?” come se fosse un’attenuante.
    Sbagli? Paghi. Tutto il resto non conta.

    @ Templare:
    In realtà sulla carta funziona così.
    Prima le patenti si rilasciavano immediatamente perché faceva tutto la scuola guida in modo superficiale e facile. Paghi = avrai la patente.
    Ora con i test molto più complessi (e senza possibilità di copiare poiché telematici) e l’ingegnere incaricato per l’esame di guida dalla motorizzazione, oltre che la necessità del certificato medico di idoneità psicofisica rilasciato solo ed esclusivamente dai medici dell’USMAF rendono il conseguimento della patente difficile.
    Il medico fa il terzo grado per vedere se sei pazzo, i test si fanno a computer sorvegliati con le forze dell’ordine che a campione passano a controllare e poi l’ostacolo più grande che è la guida. Ho visto ingegneri bocciare per aver aperto lo sportello lato guida senza guardare lo specchietto, superare di pochissimo il limite di 40 km/h nelle rampe, non indossare il giubbotto quando si scende dall’auto ferma per strada… e tante altre cosette.

    Allora perché la situazione per strada non cambia? Semplicemente, per gli esami sono tutti buoni e bravi, ma appena la scuola guida consegna la patente molti premono canc in testa e dimenticano quanto imparato e si danno alla guida irresponsabile.
    Non c’è soluzione, se non procedere a suon di multe, e nemmeno perché le infrazioni molti le continueranno a fare in eterno. Sembra quasi una questione di DNA.

  • peppe2994 2783
    27 mar 2014 alle 20:09

    Ah, ho dimenticato.
    Ovviamente non entro nel merito degli artifici atti a conseguire la patente di guida in modo fraudolento utilizzando i metodi più disparati. In ogni caso è sempre una piccolissima percentuale, direi irrisoria rispetto al numero di patenti rilasciate. Se le infrazioni fossero dovute soltanto a queste persone, di certo non ci ritroveremo con la guida selvaggia che vediamo per le strade, ma c’è poco da fare il palermitano si deve infilare…

  • antony977 165912
    27 mar 2014 alle 23:57

    Facciamo le commemorazioni in memoria di Falcone, Borsellino, La Torre, Impastato, sosteniamo Di Matteo e qui giustifichiamo un atto violento contro le forze dell’ordine?
    Ma scherziamo???
    Esistono le regole e vanno rispettate. punto.
    Hai ragione hannibal, non è un panormosauro (termine nato in un contesto ironico) ma un delinquente che ha aggredito dei vigili urbani.
    Mi spiace ma alle volte si fa più figura a stare zitti piuttosto che parlare ancora di presunti snob. Essere palermitani non significa comportarsi da delinquenti!

  • Fulippo1 1336
    28 mar 2014 alle 0:59

    @hannibal
    ha proprio ragione antony, panormosauro è riduttivo ed in questo caso palermitano è superlativo, lo toglierei pure e lascerei semplicemente persona incivile e mezzo ladro, se non tutto.

  • giovix63 34
    28 mar 2014 alle 8:42

    Episodio aberrante. Condivido il pensiero di Peppe 2294, ovvero se ci sono le regole vanno rispettate, il “dramma” è che questo lo si pretende unilateralmente. Mi sposto in città con la moto, lo stesso discorso vale per chi va in auto, ma quale strumento abbiamo noi cittadini per le inadempienze delle istituzioni? Basta muoversi in via Messina Marine, così come nella stragrande maggioranza delle strade cittadine, per rendersi conto che le strade sono in condizioni penose, piene di buche e pericolosissime. Anche i cittadini, così come legittimamente le forze dell’ordine, dovrebbero avere lo strumento per potere “multare”, magari mandare al 41bis, chi ha reso questa città invivibile e continua a violentarla quotidianamente. Firmato “un cittadino che si sforza di rispettare le regole, ma che auspica che i propri figli fuggano da questa terra”

  • rasputin 151
    28 mar 2014 alle 12:40

    @ hannibal
    scusami ma cosa vuol dire che il tizio in questione è incazzato nero perchè la PM lo ha multato? Ha commesso un’infrazione, punto. Deve pagare la multa e se il caso anche decurtazione di punti nella patente.
    NON ESISTE nessuna giustificazione!
    E poi cosa vuol dire: “a volte i nervi saltano e non si sa come si reagisce”, cioè stiamo parlando di un uomo che è alla guida di un auto che deve essere in grado di controllarsi, perchè non è in una giungla ma in una città dove ci sono moltissimi altri automobilisti che rispettano le regole e che anche a causa di questi delinquenti potrebbero perdere la vita.

  • tbone 6
    28 mar 2014 alle 16:16

    @hannibal
    e cosa avresti detto se avesse picchiato il vigile?

    O ad un tizio che è stato beccato rubare qualcosa e quindi accoltella il vigile? “ooh vabbè, un ladro incazzato nero, può capitare, gli sono saltari i nervi” ???
    Assurdo, no?
    Ognuno può sbagliare. Lui ha sbagliato perché andava troppo veloce. Il resto però è molto più grave, significa mancanza di ogni rispetto e controllo mentale. Una persona così, prima di tutto al volante di una vetturo, è semplicemente pericolosa e non ha le capacità richiste per participare al traffico stradale.

  • tbone 6
    28 mar 2014 alle 16:19

    @hannibal
    e cosa avresti detto se avesse picchiato il vigile?

    O ad un tizio che è stato beccato a rubare qualcosa e quindi accoltella il vigile? “ooh vabbè, un ladro incazzato nero, può capitare, gli sono saltati i nervi” ???
    Assurdo, no?
    Ognuno può sbagliare. Lui ha sbagliato perché andava troppo veloce. Il resto però è molto più grave, significa mancanza di ogni rispetto e controllo mentale. Una persona così, prima di tutto al volante di una vettura, è semplicemente pericolosa e non ha le capacità richieste per participare al traffico stradale.

  • Irexia 670
    28 mar 2014 alle 20:25

    @ hannibal
    Ma ti rendi conto della gravità della cosa che hai detto?
    Possono saltare i nervi? Ma per cosa? Per pagare una multa? Per soldi? Il rispetto dei limiti di velocità è funzionale alla sicurezza e se si ammazza una persona non c’è somma di denaro che te la riporti indietro!
    Che vuol dire che “ormai i vigili esistono principalmente per prendere multe con l’autovelox mordi e fuggi.” I vigili urbani hanno sempre fatto le multe! Sta nel sistema giuridico la gradualità della sanzione rispetto l’effrazione commessa!
    E ancora “Certo, questo signore ha esagerato ma a volte i nervi saltano e non si sa come si reagisce.” Chissà quanti uomini incazzati perché la moglie non gli ha portato la cena calda, che hanno preso il coltello e l’hanno piantato nel petto di questa, hanno addotto questa scusante?????
    Le regole si rispettano e basta! Quando si sono violate si paga e si chiede anche scusa!

  • robky69 31
    30 mar 2014 alle 20:02

    Ovviamente non è ricevibile la reazione dell’automobilista. Chi sbaglia deve sapersi prendere le proprie responsabilità e stop. Non c’è altro da aggiungere.

    Va però detto che fa specie rilevare che i vigili urbani che si vedono per strada sono solo quelli che prendono le multe per eccesso di velocità…

    Io purtroppo attraverso tutta la città molto spesso. Di solito sono in moto, ma quando non è possibile vado in auto. Ed è una tragedia. Né in moto né in auto trovo un vigile a regolare il traffico agli incroci. Non vedo vigili a Mondello a impedire che le bancarelle impediscano ai pedoni di camminare. Non vedo vigili di stanza nelle piazze e nelle vie più trafficate per inibire la presenza dei posteggiatori.

    E allora quando passo e vedo un autovelox, indipendentemente dalla mia velocità (rispetto in genere i limiti) un po’ mi rode. L’efficienza l’abbiamo solo nel prendere multe?

    Infine, concordo con @hannibal sulla infelice scelta del termine panormosauro. Sì, siamo tutti palermitani e soprattutto nessuno di noi è senza peccato tanto da scagliare pietre o affibbiare nomignoli giornalisticamente d’effetto.

    Come ho scritto in un’altro post, dovremmo riflettere che forse, in media, i palermitani rispondono con molta civiltà ai soprusi e ai disservizi che subiscono quotidianamente:
    strade dissestate (es. tutte)
    incroci non sorvegliati (es. Calatafimi-Regione Siciliana)
    posteggi selvaggi (es. rotonda policlinico)
    posteggiatori (es. ovunque)
    qualità dell’aria improponibile
    flussi viari impensabili (es. basile-tukory verso piazza indipendenza)
    segnaletica orizzontale inesistente
    gestione del verde assente (es. in via Basile mancano gli ultimi 7 o 8 alberi da potere da settimane)

    Ripeto, sono (siamo) davvero così incivili i palermitani rispetto a ciò che non hanno?

    Prevengo: non dico che alcuni comportamenti non siano incivili. Di gente incivile ce n’è, eccome. Ma in media direi che è meno di quanto ci si potrebbe aspettare.

  • PeppePa 35
    31 mar 2014 alle 0:17

    Da condannare il gesto, ma sfido chiunque a non arrabbiarsi nel prendere una multa nell’unico tratto di questa strada in cui il limite scende a 50km/h


Lascia un Commento