09 gen 2014

Trasporti, la Regione acquista nuovi convogli ferroviari


Finalmente dopo dodici anni dal primo acquisto (cofinanziamento) da parte della Regione Sicilia, nel luglio 2002 erano stati cofinanziati con 46 milioni di euro l’acquisto di 40 treni Minuetto (30 elettrici e 10 diesel), ci riprova con l’acquisto diretto di n. 5 convogli ferroviari.

In data 28 dicembre 2013 è stato pubblicato, da parte della Regione Siciliana – Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti – Servizio 4 – Trasporto Ferroviario, l’avviso di gara europeo con procedura aperta per l’acquisto di n. 5 convogli ferroviari, per un importo di 50 milioni circa.

tsr

 

Descrizione dell’appalto o degli acquisti: Fornitura “chiavi in mano” di n. 5 nuovi treni automotori completi bidirezionali ad 1 o 2 piani, alimentati a 3 kv cc, reversibili di lunghezza massima di 110 metri, con capacità totale di almeno 180 posti a sedere per ciascun convoglio per un totale posti passeggeri (seduti + 4 passeggeri/mq in piedi) minimo: n. 370. Opzione full service manutentivo.

Quantitativo o entità totale: Euro 48.3469.46,67 – Valore stimato, IVA esclusa: 43.909.951,52 euro

Durata dell’appalto o termine di esecuzione: Durata in mesi: 36 (dall’aggiudicazione dell’appalto)

Criteri di aggiudicazione:  Offerta economicamente più vantaggiosa in base ai criteri indicati nel capitolato d’oneri, nell’invito a presentare offerte o a negoziare oppure nel documento descrittivo.

Condizioni per ottenere il capitolato d’oneri e documenti complementari o il documento descrittivo: Termine per il ricevimento delle richieste di documenti o per l’accesso ai documenti: 24.3.2014 – 13:00

Termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione: 31.3.2014 – 12:00.

Lingue utilizzabili per la presentazione delle offerte o delle domande di partecipazione: Italiano.

Periodo minimo durante il quale l’offerente è vincolato alla propria offerta in giorni: 240 (dal termine ultimo per il ricevimento delle offerte)

Modalità di apertura delle offerte: Data: 9.4.2014 – 10:00

Persone ammesse ad assistere all’apertura delle offerte: Sì. – Informazioni complementari sulle persone ammesse e la procedura di apertura: Legali rappresentanti dei Concorrenti, ovvero soggetti, uno per ogni Concorrente, muniti di specifica delega loro conferita dai suddetti legali rappresentanti.

Prendiamo atto dell’interesse mostrato dalla Regione nell’acquistare nuovo materiale rotabile per garantire un trasporto ferroviario più efficiente ma siamo ancora in attesa di una risposta ufficiale per quanto concerne l’utilizzo degli ETR 450 nel territorio siciliano.

Giosuè Malaponti – Presidente Comitato Pendolari Siciliani


Italferrmateriale ferroviarioregione siciliarfitaftrenitalia siciliatsrvivalto

35 commenti per “Trasporti, la Regione acquista nuovi convogli ferroviari

Comment navigation

  • Fulippo1 1343
    10 gen 2014 alle 10:40

    @mediomen
    I treni li farà chi proporrà soluzioni migliori sia tecnicamente che economicamente.
    Poi se non saranno aziende italiane a vincere la gara, il problema è da riscontrare solamente nelle loro amministrazioni (o comunque il problema è molto più ampio).

    @ruggys
    Dicevo di sostituirli ai minuetto, perchè per esempio i treni a due piani sono più adatti ad un assetto da viaggio quale potrebbe essere la tratta Pa-Me o Pa-Ag , invece il minuetto ha più un assetto metropolitano e potrebbe essere più adatto al passante ed anello.

  • Otto Mohr 47
    10 gen 2014 alle 10:55

    I nuovi 5 treni li realizzerà chi vincerà la gara d’appalto…sembra una cosa ovvia ma da alcuni commenti mi è sembrato che ad alcuni non lo è ancora.
    Infine, un treno a due piani non lo vedrei sul passante ferroviaio che collega l’aeroporto alla stazione centrale. Un treno di tale tipo lo vedrei maggiormente sui treni a media percorrenza….
    Ad esempio ricordo che su alcuni treni dela RER che cllega Parigi centro all’aeroporto vi erano composizioni con treni con due piani, col risultato che si creava un macello con le persone che salivano e scendevano di continuo dalle scale per le numerose fermate presenti, per non parlare della mancanza di spazio in cui andare a sistemare le valige per chi doveva prendere l’aereo…

  • pendolare palermitano 46
    10 gen 2014 alle 11:24

    per chiarire ,i treni li farà chi vincerà la gara d’appalto e per vincerla bisogna ottenere il miglior punteggio possibile nella scala di valutazione,questo se si presenterà più di una società,perchè potrebbe anche accadere che se ne presenti solo una,possibilità molto remota.Perchè di questi tempi quale azienda si può permettere di rifiutare 50 milioni di euro?
    Comunque molte ditte anche straniere negli ultimi tempi hanno stretto collaborazioni con società italiane per quanto concerne la manutenzione e la costruzione in parte del convoglio.Quindi chiunque vincerà porterà lavoro sicuramente

  • Fulippo1 1343
    10 gen 2014 alle 11:48

    Esatto, ormai la Bombardier che è leader nel settore, costruisce treni con la collaborazione di AnsaldoBreda, che utilizza gli stabilimenti italiani che mi pare siano tre, liguria calabria ed un alto che non ricordo.

  • ruggys 275
    10 gen 2014 alle 11:55

    a fulippo
    al massimo il treno a due piani lo potrei vedere per la tratta palermo-termini, ma per quella fino a messina od agrigento onestamente no…però è una mia impressione :) considera che andando a punta raisi comunque intercetti paesi molto popolosi come isola, capaci e carini

  • pendolare palermitano 46
    10 gen 2014 alle 11:59

    @filippo non solo la bombardier anche la Stadler ha una collaborazione con l’ansaldo di pistoia per le ordinazioni per il nord,magari per il sud si rivolgerebbe agli stabilimenti di carini chi lo sa.

    Comunque prima di fare ipotesi vediamo quali società si presentano alla gara d’appalto

  • pendolare palermitano 46
    10 gen 2014 alle 18:51

    sono treni destinati a 3 linee compreso il passante,ma non in esclusiva,mi spiego uno di questi treni potrebbe farsi andata e ritorno su punta raisi e poi farsi un’andata e ritorno su agrigento…per questo motivo saranno treni a carattere regionale ,usati sia per tratti di media percorrenza,sia per tratti metropolitani

  • cirasadesigner 1016
    11 gen 2014 alle 20:19

    Credo innanzitutto che chiunque si aggiudichi la fornitura offrirà mezzi tecnologicamente all’altezza e soprattutto rispondendo agli standard europei, peccato che gli standard si fermano scendendo dal treno.
    Credo che un mezzo a doppio piano abbia senso la dove ci sono tanti passeggeri e soprattutto una linea che non preveda fermate con movimentazioni di massa di passeggeri.
    Secondo me avrebbe senso pensare a queste carrozze per una linea che potrebbe fare andata e ritorno di continuo tra Cefalù e Punta Raisi, facendo nel tratto metropolitano, da metropolitana, modello RER.
    La cosa strana è vedere configurazioni con sole tre carrozze, i “Minuetto” non si possono comporre treni cosi corti almeno si verifichino le lunghezze della banchine delle stazioni e configurare i treni in funzione di questo, credo potrebbero essere almeno il doppio.
    Spero davvero che le cose possano andare avanti, e spero anche che questi mezzi possano essere costruiti presso l’Ansaldo Breda di Carini, visto che il 16 gennaio andranno in cassa integrazione.
    Anche se poi Ansaldo Breda ultimamente ha perso davvero tantissimo verso i concorrenti Alstom e Bombardier, lo scorso anno hanno sciolto un contratto di fornitura per dei treni veloci, tra Amsterdam e Bruxelles, il Feria, per gravissime carenze progettuali e l’appalto se lo sono presi i francesi di Alstom

  • pendolare palermitano 46
    12 gen 2014 alle 13:03

    come manutenzione e costruzione la stadler ad esempio si appoggia all’ansaldo per la costruzione dei treni al 50%.
    I minuetti a 3 casse sono stati un’errore di organizzazione,come sempre si è pensato che 144 posti erano sufficenti ,invece poi si sono dovuti ricredere e adesso girano in doppia una parte.
    Proprio per non cadere in questi errori la regione ha richiesto che ogni convoglio sia lungo 110 metri,limite della banchina credo di orleans, e che ogni convoglio abbia almeno 180 posti a sedere,cioè più posti avrà il convoglio e meglio è.Infatti a vincere sarà la società che offre più posti a sedere

  • Fulippo1 1343
    12 gen 2014 alle 18:20

    Ma l’Ansaldo non produce anche i zafiro o zefiro (i freccia rossa etr) Bombardier? Mi pare addirittura che abbia messo dentro una bella fetta di progettazione, almeno per quanto riguarda gli ETR italiani

  • salvatore84 4
    07 mar 2014 alle 14:49

    Salve ragazzi, sono un dipendente dell’ ansaldobreda di Palermo, oggi stiamo vivendo una situazione difficile nel nostro stabilimento, come del resto tutta l’industria siciliana.
    Che dire questi treni non si sa’ chi se li aggiudicherà, non so’ se neanche parteciperemo noi, una cosa è certa questa terra è stata rasa al suolo dalla politica, noi dell’ Asaldobreda di carini, oggi potremmo essere fiorenti, abbiamo la migliore manodopera del gruppo, ma abbiamo uno stabilimento che è stato mutilato e diviso keller, Ab ed oggi questi sono i risultati keller da 10 anni o più in cig e noi ad un passo dalla loro stessa fine, sempre per volere dei vertici e della politica, oggi ci vorrebbe un grosso investimento per far ripartire questa azienda, riunire i due siti in ansaldobreda e ritornare a produrre il nuovo partendo proprio da queste nuove carrozze, reintegrare le persone in cassa e creare nuovi posti di lavoro, fare carrozze nuove e continuare con la ristrutturazione delle vecchie, ma voi immaginate in questi ultimi anni: messina i tram, regione sicilia minuetto, palermo i tram, e quest’ulmtia gara e chissà quante altre me ne sfuggono. Io sono fiducioso e spero sempre per il meglio !!!


Lascia un Commento