08 nov 2013

Sovrappassi pedonali, dove servono?


I numeri che il comune ha fornito negli ultimi giorni sull’utilizzo dei sovrappassi pedonali dimostrano il loro assoluto successo, inoltre, anche se minimamente, ci sono stati dei vantaggi per la circolazione. Diciamo minimamente perché comunque il semaforo spento si trovava incastrato tra gli altri semafori pedonali, gli ultimi 3 rimasti sull’arteria. Quale sarebbe allora la risoluzione definitiva per questa situazione, per eliminare le lunghe code e, allo stesso tempo, facilitare l’attraversamento dell’arteria minimizzando i disagi per chi deve attraversarla.

Questa è la nostra proposta, naturalmente disponibile a modifiche. Ipotizziamo altri 7 sovrappassi pedonali (uno di essi è già in costruzione), per un totale di 9 attraversamenti pedonali e l’eliminazione di tutti gli incroci a raso.

Mappa sovrappassi

Analizziamoli singolarmente partendo dal primo, sovrappasso Sardegna, situato tra le vie Sardegna e Emanuele Mandalà Oliveri, nonostante sia presente un sottopasso il sovrappasso sarebbe davvero un toccasana. Infatti le code che si creano al semaforo pedonale sulla corsia laterale spesso bloccano anche il mini-svincolo situato poche centinaia di metri prima. Lo spazio si potrebbe ricavare facilmente da una piccola parte inutilizzata dalla pompa di benzina e una parte del vecchio parcheggio di Grande Migliore.

Sovrappasso Sardegna

Sovrappasso Giotto/Bernini, probabilmente uno dei semafori più odiati dalla cittadinanza. La vecchia amministrazione aveva previsto dei mega-ponti pedonali (progetto pagato ad al famoso architetto francese Dominique Perrault), i ponti non sono mai stati costruiti ed attualmente andrebbero ad intaccare il parco Uditore che allora non era ancora stato pensato. Il ponte si potrebbe facilmente collocare all’incrocio tra via Giotto e viale Regione (poco distante dagli attuali semafori). Ampio spazio è presente lato mare su piazzale Giotto, lato monte vi è uno slargo del marciapiede tale che permetterebbe l’istallazione del pilone senza grossi problemi.

Sovrappasso Giotto Bernini

Terzo sovrappasso Perpignano, nonostante sia previsto (al momento purtroppo a lungo termine) , il sottopasso stradale, creare un sovrappasso pedonale sarebbe molto più sicuro per i pedoni stessi. La possibile collocazione sarebbe tra l’area libera lato monte ed una piccola parte dell’ampia pompa di benzina, altrimenti spostato all’altezza di via Evangelista di Blasi. In entrambi i casi sarebbe obbligatorio spegnere entrambi i semafori rimasti in questo tratto dell’arteria.

Sovrappasso Perpignano

Sovrappasso di via Nave, il prossimo ad essere realizzato, è già pronto il pilone centrale e presso il parcheggio di via Nina Siciliana è possibile vedere la struttura del ponte semi terminata. La SIS che sta costruendo i sovrappassi, attende gli ultimi atti dell’esproprio per completare i lavori.

Sovrappasso Nave

Sovrappasso Palmerino, eliminerebbe i tragici attraversamenti di pedoni nelle corsie laterali che cercano di attraversare a raso driblando le auto. Lo spazio per i piloni è sicuramente compatibile con la dimensione degli stessi.

Sovrappasso Palmerino

Il sovrappasso Aloi potrebbe essere molto importante per questa zona di Bonagia, questo sovrappasso è previsto dal piano comunale, quindi tra i più probabili da vedere realizzati.

Sovrappasso Aloi

Ultimo un altro sovrappasso previsto dal comune, collegherebbe due zone abbastanza popolate, anche questo ha ottime possibilità di essere realizzato.

Sovrappasso Belmonte

Probabilmente se realizzassero tutti questi sovrappassi ci potremmo sentire “sazi”, voi che ne pensate? Quali realizzereste assolutamente? Quali altri suggerireste compatibilmente con gli spazi necessari?


sovrappassi viale regione palermovia giotto palermovia perpignao palermoviale regione palermo

48 commenti per “Sovrappassi pedonali, dove servono?

Comment navigation

  • Metropolitano 3236
    09 nov 2013 alle 20:43

    Concordo con Fabrivit: il semaforo pedonale del Grande Migliore può restare, mentre per la tangenziale c’è il sottopasso e fin li ci siamo. Senza quel sottopasso le code arriverebbero fino alla A29, ma questo non può succedere sulle carreggiate laterali poichè la mole di veicoli è di gran lunga inferiore !

  • Paco 7942
    10 nov 2013 alle 23:44

    @fabrivit e Metropolitano. Forse non lavorate o non vi dovete spostare velocemente. Il semaforo di via Sardegna crea file che arrivano fino allo svincolo e bloccano anche le corsie centrali. É davvero una vergogna il traffico che si crea.

    Metropolitano, quante volte ti si deve dire che NON esiste una tangenziale ma solo una circonvallazione. Non ti bastó la batosta su Wikipedia?

  • Fabrivit 256
    11 nov 2013 alle 17:52

    Paco, mi spiace, ma si vede che non vivi in zona. Il traffico si crea in quella zona per diversi motivi: 1.panificio all’altezza di via del quarnaro che crea un primo imbottigliamento; 2. benzinaio 3. incrocio via dei nebrodi – via sardegna che crea un traffico infinito (se si becca la cataplasima è la fine, e il traffico arriva fino a borgo nuovo) 4. doppiafila di persone che aspettano che i figli che vanno a scuola all’istituto privato a monte attraversino dal sottopassaggio. Ti assicuro che il semaforo non da alcun fastidio, poi se vuoi convincerti che sia così fai pure, ma quel semaforo ha esattamente 15 secondi di verde e il traffico pedonale non è continuo.

  • Fabrivit 256
    11 nov 2013 alle 17:56

    ps. ovviamente il panificio è gargano e non è all’altezza di via del quarnaro ma 50 metri più avanti. pps l’ordine degli ostacoli corretto per chi viene da viale lazio è: 1-3-2-4.

  • Paco 7942
    11 nov 2013 alle 19:27

    Vivo a 500 metri da lì e lo attraverso tutte le mattine per andare a lavoro…

  • Fabrivit 256
    12 nov 2013 alle 17:57

    Non mi sembra una gara, ma comunque vivo a meno di 100 metri, se l’attraversi tutte le mattine dovresti renderti conto meglio di me che il problema non è il semaforo, ma quelli che ti ho descritto, e sicuramente sai meglio di me che il semaforo dura pochissimi secondi ed è uno di quelli che dura meno in città. Se il problema fosse il semaforo il traffico sarebbe congenito e a qualsiasi orario, e fortunatamente non è così.


Lascia un Commento