02 nov 2013

Il parcheggio diventa un mercatino “senza parcheggio”


In questi giorni vi abbiamo mostrato l’imbarazzante utilizzo che si fa a Palermo dei parcheggi.

167qmv7

Adesso, oltre il danno, la beffa.

Il parcheggio di via Nina Siciliana, anch’esso adoperato per accogliere centinaia di bancarelle “natalizie” (?), ovviamente ha attirato come una calamita tanti visitatori a se, congestionando in determinati orari le zone limitrofe.

Una di esse è la corsia laterale di viale Reg. Siciliana, dir. Trapani, proprio in corrispondenza del sovrappasso pedonale. La situazione che si è venuta a creare è paradossale: essendo il parcheggio occupato dal mercatino, la gente è costretta a parcheggiare tutto intorno l’area, viale Regione Siciliana incluso.

Non solo, i parcheggiatori abusivi di turno (prevedibilissimi), “gestiscono” la disposizione dei parcheggi lungo tale corsia a spina di pesce per recuperare più posti auto possibili, con il risultato che le auto aggettano non poco sulla carreggiata già degradata da un fondo stradale del tutto sconnesso, e contribuiscono a saturare il traffico già elevato.

C’è un sovrappasso pedonale, ma dall’altra parte della carreggiata non esiste alcuna area di parcheggio che possa giustificare l’esistenza del mercatino, semmai servissero altre motivazioni.

Una vera vergogna che mostra come certe scelte siano figlie di chissà quali illuminati.

Potrebbe essere facile richiedere l’intervento della Polizia Municipale, ma stavolta “picchiamo” giù duro su chi ha disposto questo provvedimento, non curante dell’immensa e contraddittoria situazione generata, facilmente prevedibile.

Non si può andare avanti con provvedimenti raffazzonati come questi. Palermo ha bisogno di un minimo di ordine e coerenza, che tutt’ora non vediamo. I mercatini vanno fatti in aree apposite e in mancanza di questi spazi, non si può cercare sempre il jolly di turno che posticipa il problema o lo sposta altrove.

E anche quando si ricorre a questi espedienti di fortuna, la mente umana ci sorprende sempre per l’assoluta incoerenza dei provvedimenti.

 

 


comune palermomercatino natale palermonina sicilianaParcheggiposteggiatori abusiviufficio traffico

8 commenti per “Il parcheggio diventa un mercatino “senza parcheggio”
  • cirasadesigner 1016
    02 nov 2013 alle 13:36

    come volevasi dimostrare, è davvero assurdo gestire la cosa pubblica in questo modo, mi cheido perche non fare queste cosa nell’area della fiera ad esempio, è tornata al Comune quaindi poteva benissimo spostare la fiera dei morti e quella natalizia dentro i viali della vecchia fiera del mediterraneo… magari qualcuno si leggerà questi post, e memore di cosa è successo, ne trarrà delle riflessioni

  • peppe2994 2876
    02 nov 2013 alle 15:48

    L’ex fiera avrebbe lo stesso problema. Non c’è posto per le auto.

    Io al momento non ho idea di dove sarebbe opportuno spostare questo genere di eventi di bassissimo livello per cui secondo me hanno fatto la scelta migliore allo stato attuale.
    Poi è stato tutto un caos ma non così tragico.

  • pikacciu 182
    02 nov 2013 alle 17:46

    Mercati e mercatini meglio nei grandi parcheggi una volta a settimane o per pochi giorni al mese anziché bloccare le strade comuni. Sono realtà locali e di quartiere e l’agente si reca in questi posti solo a piedi senza auto quindi è inutile istituire parcheggi per i mercatini.

  • pikacciu 182
    02 nov 2013 alle 17:49

    errata corrige: “la gente” anziché “l’agente”…errore dovuto alle auto correzioni dei dispositivi mobili

  • KINGDOM 20
    03 nov 2013 alle 9:59

    mamma mia che abominio sto mercatino!! quello che stanno spacciando per mercatino dei morti è niente di più di un classico mercatino rionale!! mi chiedo quando passerà a palermo sta moda delle tendopoli. ma poi che c’entra con la festa dei morti le bancarelle che vendono mutande o cacciaviti? Bah. . .sempre più sconcertato

  • Tinnirello Salvatore 3
    04 nov 2013 alle 12:05

    Se il motivo è quello di fare questi mercati o mercatini o fiere chiamateli come volete, vicini al centro abitato, una soluzione da mettere sul tavolo di studio, potrebbe essere quella di utilizzare una parte dell’area all’interno dell’aeroporto di boccadifalco per tale scopo. Trattandosi di provvedimenti temporanei, con piccoli interventi strutturali, quali: ingresso dedicato da realizzare su Via Pitrè, servizi, etc.. Tale soluzione avrebbe sicuramente un impatto limitato rispetto a quelle sin ora utilizzate.


Lascia un Commento