25 set 2013

Borgo Nuovo/Cep fra degrado e abusivismo-prima parte


Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto una email da parte di un gruppo di residenti della zona  di viale Michelangelo, e che ci invitavano a fare un sopralluogo in zona. Lo scopo è quello di denunciare alcune anomalei, purtroppo trascurate da politici e media. Dedichiamo pertanto una prima puntata al tour che abbiamo fatto lungo viale Michelangelo, partendo dallo svincolo di viale Lazio fino a Borgo Nuovo.

 

20130923_190946

Si comincia subito con delle auto in sosta selvaggia presso una nota pasticceria e fruttivendolo (abusivo). Il tutto a creare un imbuto alla circolazione stradale.

 

20130923_191009

 

Proseguendo in direzione monte, la situazione non migliora.

20130923_191057

 

“Avanzi” del fruttivendolo…

20130923_191116

 

Fogliame non raccolto e sacchetti di munnezza cumulati sotto gli alberi.

 

20130923_191125

 

20130923_191150

 

20130923_191231

Il fogliame sembra non essere stato pazzato da decine di giorni.

20130923_191304

 

20130923_191403

Erbacce e tratti di marciapiede impraticabili.

20130923_191430

 

20130923_191440

 

In appena 1,5km, abbiamo notato tanti venditori abusivi dispiegati sul marciapiede, auto in sosta selvaggia in prossimità delle attività commerciali e un elevato grado di sporcizia tale a rendere impossibile una passeggiata a piedi. Il tour continuerà la prossima puntata raggiungendo la linea tranviaria in costruzione. Ed è proprio lì che abbiamo trovato molte sorprese….

 


borgo nuovocep palermocruillasinciviltàrapviale michelangelo

5 commenti per “Borgo Nuovo/Cep fra degrado e abusivismo-prima parte
  • riccardo23 10
    25 set 2013 alle 9:05

    Nella prima foto manca il venditore di frittola che si mette accanto l’edicola!! É un piacere passeggiare in viale michelangelo! Anzi, c’é da dire che stanno pulendo tutte le aiuole centrali!

  • Luca S. 129
    25 set 2013 alle 9:24

    Io ho scene molto simili in Via Sammartino, via Emilia e cmq zone anche centrali della citta’.

  • cirasadesigner 1021
    25 set 2013 alle 9:35

    veder queste foto purtroppo sconforta parecchio, non mi abituavo quando stavo li a tanto squallore, immaginatevi adesso che abito all’estero.
    Credo che questo sia fondamentalmente il risulato di una politica di gestione assente, fatta da chi non vuole che si responsabilizzi nessuno per nulla.
    Se ci fossero dei piani di lavoro da rispettare con dietro nomi e cognomi, non sarebbe cosi facile lasciare all’abbandono questi posti, se le municipalizzate organizzassero i loro lavoro in maniera scientifica, si conoscerebbe il nome dell’operatore ecologico di turno, il nome dell’autista di turno, del vigile e cosi via.
    Invece nell’anarchia tutto diventa terra di nessuno, una aiuola piena di spazzatura, un marciapiede pieno di foglie, una auto in doppia a terza fila, una ambulante di troppo.
    Purtroppo la cosa più triste è notare come ci si possa facilmente abituare a questo squallore senza indignarsi e gridare allo scandalo, ma questo fa parte dell’indole siciliana e palermitana…

  • peppe2994 2996
    25 set 2013 alle 10:06

    La gente si lamenta ma la classe politica è sorda, io ho perso le speranze certe cose chissà quando cambieranno ma fino ad allora emigrare e basta. In caso di nostalgia c’è l’aereo anzi no anche la macchina basta, SOLO Palermo è così.


Lascia un Commento