28 ago 2013

Parco Uditore: i lavori per la nuova recinzione


Il Parco Uditore, gestito interamente da cittadini volontari, continua le sue opere per renderlo fruibile e gradevole dall’intera cittadinanza.
Sono in corso i lavori di abbattimento del muro di cinta che verrà sostituito dalla recinzione, e  che permetterà anche a chi sarà di transito,  di poter osservare l’interno del parco.
Una barriera architettonica in meno che separa il parco da ciò che lo circonda.

Ringraziamo Sonia Tinnirello per gli scatti:


cancellatamuroparcoparco uditoreSegnalatiu parcouditorevia leonardo da vinci

7 commenti per “Parco Uditore: i lavori per la nuova recinzione
  • xemet 427
    28 ago 2013 alle 8:07

    Il vecchio muro da fuori sicuramente non era bello.

    C’è però da dire che neanche è bello dall’interno del parco vedere la circonvallazione, inoltre il muro sicuramente era un isolante acustico migliore rispetto alla cancellata.

  • Oggilla 56
    28 ago 2013 alle 8:54

    @Xemet
    hai pienamente ragione, infatti stiamo valutando di piantare una siepe che nel prossimo futuro possa schermare il frastuono del traffico.

    Il muro andava rimosso anche per questioni di sicurezza dato che era pericolante.

  • Micky 42
    28 ago 2013 alle 12:45

    scusate ma quei cartelloni pubblicitari enormi e, secondo me, non consoni con una area verde, quando verranno tolti definitivamente?

  • paolo23 4
    28 ago 2013 alle 15:26

    Cari amici, fate attenzione alla recinzione !! Il Consigliere di quartiere Limuli potrebbe passare per controllare la regolarità delle distanze come ha già fatto per quelle del Tram.

  • Coriolano 53
    31 ago 2013 alle 15:24

    Al di là della pericolosità del muro, la sua rimozione, secondo me, è un intervento di cui beneficierà l’intera area a livello estetico e aggiungo che andrebbe esteso anche ad altre ville di Palermo (Malfitano, Trabia, ecc..) i cui muri perimetrali sono un vero e proprio pugno nell’occhio. Con l’abbattimento di questi muri molte strade della città, limitrofe alle ville storiche e non (si pensi alle mura perimetrali del polo ospedaliero di Via La Loggia che se rimosse ed eventualmente sostituite da ringhiere o cancellate – magari realizzate con gusto – restituirebbero alla città la prospettiva su un’area verde secondo me molto bella ed oggi trascurata e isolata dal contesto urbano) acquisterebbero senz’altro tutt’un altro aspetto.

  • punteruolorosso 1847
    02 set 2013 alle 8:42

    @coriolano
    daccordissimo. qui in germania non esistono neanche le cancellate, si entra ed esce liberamente nei parchi concepiti come boschi urbani, con laghetti e percorsi ciclabili-pedonali. nelle nostre ville non è possibile andare neanche in bicicletta. in alcune solo coi bambini. non capisco perché


Lascia un Commento