27 ago 2013

Svincolo Brancaccio: Proposta risolutiva


Ormai quasi tutti noi sappiamo la fine che ha fatto lo svincolo Brancaccio, che dal 1996 continua a far parlare di se. L’ultima ditta che sembrava poter chiudere questo capitolo amaro sulla storia infrastrutturale della nostra Palermo, è fallita, lasciando tutto come Beirut negli anni ’80.

Basandosi sul fatto che, visto che il comune ha rescisso il contratto con la ditta e visti i tempi lunghi per riavviare nuovamente un appalto ex novo, proponiamo:

il comune affidi l’ultimazione dei lavori a:

RAP: asfaltare le rampe e la bretella

COIME: piccoli lavori murari

AMG:  allacci illuminazione

così facendo, si risparmierebbe tempo e denaro, visto che bandire una gara ha un costo e dei tempi biblici, così da dare finalmente:

-alleggerimento traffico su via Giafar

-un collegamento veloce e diretto all’area industriale sud

-accesso diretto all’autostrada per i vigili del fuoco che hanno proprio nell’area una postazione

-accesso centro commerciale Forum.

-alleggerimento traffico mezzi pesanti su via Messina Marine

 


amgcoimecomune palermoinfrastrutture palermomobilita palermorapsvincolo brancaccio

Articolo successivo

11 commenti per “Svincolo Brancaccio: Proposta risolutiva
  • peppe2994 3097
    27 ago 2013 alle 12:04

    Ma magari !

    E’ sostanzialmente terminato, una settimana di lavori potrebbe portare al completamento di una strada che risulterebbe fondamentale.

  • manu70 79
    27 ago 2013 alle 14:02

    seeeeeee !!! tutto questo in una citta dove prevalga il buon senso ma a Palermo , la vedo dura

  • Metropolitano 3348
    27 ago 2013 alle 19:20

    Ancora nessuna novità per completare questa importante uscita almeno in direzione Trapani ? Ricordiamo che è tutto nelle mani di un sindaco che sa farlo. Intanto provate con l’invio di queste proposte direttamente al Comune.

  • loggico 387
    27 ago 2013 alle 19:35

    orlando e’ il classico sindaco che ti fa fare una mala fiura.. presto detto.. sindaci mafiosi e ne abbiamo avuti tanti erano sempre pronti a fare opere per la propria pubblicita.. il sindaco ( a modo loro) lo sapevano fare.. lo so.. si mangiavano il 60%,ma le cose le facevano.. io che tanto l’ho difeso.. che tanto ho detto meglio lui che un’altro.. e ora ? a quindici mesi. dal suo insediamento non si e’ preoccupato dico di una Una UNA opera niente di niente niente.. manco delle cose pronte.. la rampa.. il sovrapassaggio la strada allo zen.. la strada al civico.. niente.. meglio rassegnarsi.. se sei gay o musulmano non temere di te si occupera senz’altro..

  • Otto Mohr 47
    27 ago 2013 alle 20:27

    Dimenticate che esistono anche altri lavori da fare. Tempo fa leggevo che si devono fare pure dei lavori per lo smaltimento delle acque piovane. Non vorremmo mica che una volta aperta la strada si allagasse tutto per poi gridare al lupo al lupo? :)

  • joyce973 134
    28 ago 2013 alle 10:33

    Perché non portare la proposta direttamente al Comune?
    Finché scriviamo qui rimane tutta aria fritta. Cosa costerebbe, più di sfancularci non possono fare

  • Fulippo1 1356
    28 ago 2013 alle 11:46

    Tanto comunque poi sarebbe da collaudare….
    E sappiamo che ci vorrano altri 2-3 anni per effettuare il collauido della strutture…….

  • David 0
    29 ago 2013 alle 6:47

    E’ un’ottima proposta ma come ha sottolineato qualcuno ci sono una marea di ostacoli. Primo fra tutti il collaudo.
    Credo inoltre che ci siano di mezzo anche altri enti e non solo il Comune. Ad esempio se non sbaglio anche l’anas deve dare un parere.
    Ricordo che per il compianto palazzetto dello sport si ripescò un regio decreto che consentì la ripresa dei lavori in tempi rapidissimi.
    Occorrerebbe, anche in tal caso, trovare una scappatoia normativa di questo tipo.

  • Otto Mohr 47
    29 ago 2013 alle 10:45

    @peppe2994
    ? è necessario un sistema di smaltimento delle acque che consenta il passaggio delle acque piovane da mare a monte delle due bretelle. Sistemi di smaltimento delle acque non vogliono dire soltanto tombini e e cunette che l’automobilista medio è abituato a vedere per strada…

  • mediomen 1142
    26 ott 2015 alle 8:52

    @peppe2994
    le opere non si completano solamente materialmente ma anche burocraticamente, chi fa qualcosa deve avere anche la documentazione conforme e con tutte le autorizzazioni e i collaudi. Riprendere un lavoro iniziato da altri talvolta è più difficile di quando si inizia da zero!


Lascia un Commento