01 ago 2013

L’Amia viene congedata e i suoi mezzi vanno in “vacanza”


Una curiosa quanto preoccupante immagine ci giunge da quel di Favignana, dove un nostro lettore ha scattato la seguente foto:

216338_10201563267022329_1015027499_n

Un mezzo AMIA (oramai fallita e sostituita dalla R.A.P.), perfettamente identificabile con tanto di numerazione sulla fiancata, è accostato ad un venditore ambulante, con cassette di prodotti alimentari a carico e rudimentale pannello posteriore di chiusura.

Sebbene l’azienda in questione sia fallita, è alquanto dubbio il motivo per cui tale vettura si trovi così distante dal capoluogo siciliano e soprattutto utilizzato impropriamente.

Consideriamo anche il fatto che l’AMIA possa aver ceduto i propri mezzi meno performanti, un pò come fecero le Poste Italiane qualche anno fa quando misero in vendita alcuni scooter oramai obsoleti. Non siamo sicuri che questa operazione sia sempre possibile, ci informeremo.

L’unica cosa certa è che questa moto ape targata “Amia” è andata in vacanza, in tutti i sensi.


amiaautomezzi amiarap

19 commenti per “L’Amia viene congedata e i suoi mezzi vanno in “vacanza”
  • cirasadesigner 1023
    01 ago 2013 alle 10:46

    sembra non avere manco la targa… chissà quante magagne ci stanno dietro e quanti milioni di € si sono mangiati… no quelli si conoscono, purtroppo

  • jaco74 5
    01 ago 2013 alle 12:16

    Segnalo che la vendita dei mezzi aziendali è una “ordinaria” attività che fa qualunque azienda. I mezzi che finiscono il proprio ciclo di vita (fisico e contabile) dopo un determinato numero di anni sono dismessi e se possibile venduti per sostituirli con nuovi, cosa che la ex AMIA certamente avrà effettuato anche con riferimento al parco Ape.

    Inoltre il mezzo in foto è vecchio e, oltretutto, chiaramente modificato. Pertanto quasi certamente fa parte dei mezzi della ormai ex AMIA che nel tempo sono stati dismessi.

    Di sprechi, cattiva gestione e malfunzionamenti nell’azienda in questione se ne possono raccontare enciclopedie, ma ritengo che non sia questo il caso e che, pertanto, si tratti di una notizia non corretta.

  • caudino 118
    01 ago 2013 alle 13:11

    Mi sa che avete preso una cantonata… anche se non capisco a cosa alludi l’articolo, è cosa normale che un’azienda venda i propri mezzi.

  • bkdagos 41
    01 ago 2013 alle 13:33

    …pessimo articolo condito da pressapochismo di 4 soldi! Dico Palermo piena di ladroni no??? sapete quanti “lapini” rubati ha denunciato l’amia? dico il moralismo di facciata lasciamolo ai radical-chic…parliamo di problemi seri

  • Irexia 714
    01 ago 2013 alle 13:41

    Però sarebbe corretto che al momento in cui si provvede alla vendita di un mezzo aziendale si abbia lmeno la cura di togliere gli stemmini e gli adesivi identificativi del vecchio proprietario, invece fa bella mostra di sì sullo sportello il nome dell’AMIA e il numero… :/

  • Giovanni 320
    01 ago 2013 alle 13:42

    a i tre dipendenti dell’AMIA che hanno scritto i post precedenti dico la patente ve l’hanno data dietro tangente?? può essere mai che l’Ape di un venditore di frutta debba avere lampeggiante e scritte aziendali?? è chiaro che si tratta di peculato!!!

  • caudino 118
    01 ago 2013 alle 13:56

    Personalmente non ho mai avuto nulla a che fare con l’amia. Però mi ritenguo ugualmente offeso e non dalle vili insinuaxione sul mio conto. Ma da cotanta tarataggine che vedo in giro. Secondo te un’azienda in fallimento prima di vendere i suoi rottami li porta dal carrozziere?

  • mastpalermo 115
    01 ago 2013 alle 14:28

    Personalmente ho posseduto 2 auto ex-aziendali e nella prima erano evidenti il logo e il numero di matricola della vettura che tolsi personalmente senza nessun obbligo dell’azienda. Quindi non vedo cosa ci sia di strano nel vedere quell’immagine, dubbitare è lecito ma bisogna procedere sempre con i piedi di piombo! ;)

  • jaco74 5
    01 ago 2013 alle 15:06

    …. il qualunquismo del sig. Giovanni è disarmante…. purtroppo è un male che ci caratterizza quello di volere vedere sempre il marcio ad ogni costo e attribuire a chi tenta di analizzare i fatti senza preconcetti il marchio di interessato!
    Per sua informazione e per mia fortuna non ho alcun rapporto di lavoro ne dipendente ne indipendente con la società in argomento e ne tantomeno con qualunque altra società comunale, regionale, provinciale, o comunque pubblica.
    Inoltre non è certamente interesse di chi vende togliere il logo (… sarà un problema di chi compra?); per quanto riguarda il lampeggiante, qualunque negozio di bricolage ne vende a tonnellate!

  • bergamotto 83
    01 ago 2013 alle 15:24

    Amia negli ultimi due anni ha denunciato una cinquantina di furti di queste motoape, quella nella foto sarà una di quelle spedite fuori dal territorio. Il fatto che non abbia la targa vi stimola qualche pensiero?

  • Giovanni 320
    01 ago 2013 alle 16:28

    falla Bergamotto così se risulta rubata o quantomeno ceduta senza nessun passaggio burocratico smentiamo i professori…

  • jaco74 5
    01 ago 2013 alle 16:37

    …..caro Giovanni ma non le viene il dubbio che chi eventualmente avesse rubato o ”peculato”, forse avrebbe qualche interesse a cambiare la targa o quantomeno a cancellare il numero di matricola mezzo, in bella mostra sotto il logo del mezzo … No! a pensarci bene solo ai professori sarebbe potuta venire in mente un’idea del genere…

  • jaco74 5
    01 ago 2013 alle 16:40

    …..caro Giovanni ma non le viene il dubbio che chi eventualmente avesse rubato o ”peculato”, forse avrebbe qualche interesse a cambiare la targa o quantomeno a cancellare il numero di matricola del mezzo, in bella mostra sotto il logo … No! a pensarci bene solo ai professori sarebbe potuta venire in mente un’idea del genere…

  • jaco74 5
    01 ago 2013 alle 18:16

    … giusta considerazione … infatti Favignana si trova in Australia … infatti non se ne è accorto nessuno….

  • Fabion54 48852
    03 ago 2013 alle 14:03

    Che sia stata venduta o no, ci sono alcune cose che non si capiscono… Come mai sia ancora presente il lampeggiate arancione, vietato dal CdS se il mezzo è privato e non autorizzato; il logo amia con tanto di numero sotto (che andrebbe rimosso).

    So per esperienza che ad esempio se si compra un veicolo dall’esercito si è OBBLIGATI a riverniciare lo stesso di un colore diverso dal verde e ri-targare il mezzo con una lunga procedura.

    Comunque vi faremo sapere se il mezzo risulta essere regolarmente immatricolato o rubato :)


Lascia un Commento