10 lug 2013

L’elefante che passa dal buco della serratura


Non c’è cosa peggiore di trovarsi imbottigliato nel traffico nelle ore di punta.

Ma come diceva un’immagine sui social, il traffico siamo noi  proprio mentre siamo incolonnati e ci lamentiamo del fatto che non arriveremo mai.

pullman

Ma si può essere traffico anche per una stupidissima mancanza di pianificazione. Un esempio?

Giornalmente in Corso Pisani, notoriamente riconosciuta come strada budello per le sue dimensioni da trazzera, si generano ingorghi dovuti alla presenza, lungo la via, di un deposito di pullman di una nota compagnia.

Parliamo di pullman di grandi dimensioni che ogni giorno paralizzano il traffico durante il loro transito su Corso Pisani in quanto, in certi tratti, occupano l’intera carreggiata. Figuriamoci poi quando si incrociano due pullman oppure un pullman e un autobus. Il caos totale.

Decine di minuti per fare manovre, automobilisti che scendono dall’auto per guidare l’autista nelle manovre, clacson strombazzanti.

E’ impensabile localizzare tali rimesse in punti così critici della città. Il Comune in tal senso dovrebbe far qualcosa, incentivando la delocalizzazione di queste aree fuori dai centri urbani o comunque lontani da budelli come Corso Pisani, antiche strade di collegamento tra la città alle campagne.

Sono testimone di autobus AMAT di dimensioni canoniche, quindi non piccole, transitare su questa via. E’ indispensabile riservare a queste arterie SOLTANTO vetture piccole della flotta, come questo raffigurata in questa immagine di repertorio:

1-3

 

Speriamo che dal Comune qualcuno ci legga…

 

 

 


amatcorso pisaniingorghipullman palermotrasporti palermoufficio traffico palermo

5 commenti per “L’elefante che passa dal buco della serratura
  • bloodflower 127
    10 lug 2013 alle 7:46

    Beh, ad onore del vero oggi in corso Pisani passa una sola linea (la 304). In passato le linee erano 4 (304-364-365-380) ed erano per lo più autobus di dimensioni contenute (anche perché nel loro percorso incontrano strade strette e piene di curve). Almeno da questo punto di vista dovrebbe essere più libera.

  • Portacarbone 70662
    10 lug 2013 alle 7:52

    @bloodflower
    è vero che passa soltanto una linea, ma i mezzi utilizzati sono spesso quelli di media/grande dimensione.
    Sebbene siano diminuite le linee, il problema permane anche per la presenza dei depositi di queste autolinee private.

  • The.Byfolk 43
    10 lug 2013 alle 8:50

    Il problema delle rimesse dei pullman esiste anche in via Portello, traversina stretta di via Tasca Lanza.

    Ogni giorno ogni pullman che deve accedere alla traversina fa una curva larghissima mettendosi di traverso in attesa che la stradina si svuoti delle auto che la percorrono in senso opposto e nel frattempo blocca tutto il traffico della via tasca lanza.

    Ogni mattina c’è la situazione opposta: i pullman escono dal deposito ed è un inferno per i molti che debbono percorrere la via portello per portare i figli a scuola o recarsi al lavoro.
    Si passa dalla desolata scorrevolezza al blocco totale per 10 preziosi minuti.

  • piero68 114
    10 lug 2013 alle 11:03

    Io abito in questa via e posso dire che gli ingorghi ed il blocco del traffico, non sono dovuti solo alla presenza del deposito dei pullman, ma anche per le seconde file per la farmacia,il tabacchi e soprattutto le poste.Questa strada non e’ stata concepita per il traffico veicolare ed e’ estremamente stretta e per giunta a doppio senso.forse andrebbero cerate soluzioni alternative.

  • maximus77 28
    18 ago 2013 alle 10:43

    il traffico è dovuto si ai pulmann, ma io che ho abitato decenni in corso pisani, posso sostenere che il problema peggiore è costituito dalla posta davanti alle case popolari dove parcheggiano in doppia e tripla fila i panormosauri…. e la cosa peggiore che le pattuglie della polizia di stato che passano in continuazione per entrare e uscire dalla Caserma Lungaro non si azzardano ad elevare una contravvenzione… ditemi voi se è possibile!


Lascia un Commento