09 lug 2013

E intanto a Piazza Bologni si recinta…


Grazie agli scatti di questa mattina riusciamo a restituirvi lo stato dell’arte di Piazza Bologni, già interessata dai lavori di riposizionamento e livellamento del basolato.

pzzabologni

La novità, da qualche giorno, è l’installazione di paletti dissuasori marchiati con il simbolo del Comune di Palermo, lato Corso Vittorio Emanuele, che lasciano presagire un intervento duraturo. Non si tratta infatti di dissuasori automatici a scomparsa nè di semplici paletti appoggiati sulla pavimentazione.

La loro installazione ha previsto un fissaggio dell’anima in ferro al di sotto della pavimentazione e ciò ci fa sperare che, forse, l’ora della pedonalizzazione di questa piazza sia finalmente arrivata.

pzzabologni2

Sebbene dalle foto si evinca ancora un varco per il transito di veicoli, ipotizziamo che i lavori ancora in corso sul fondo della piazza necessitino di un passaggio per i mezzi di cantiere. Ma attenderemo la fine di quest’ultimo per cantare vittoria.

Certamente sarebbe un bel fallimento recintare in tal modo l’intera piazza e poi lasciare ancora una volta che le auto transitino al suo interno. Staremo a vedere.

Una nota finale sui dissuasori: visto il “marchio” che riportano sul loro profilo, è probabile che rientrino nella fornitura di dissuasori che annunciammo in questo articolo.

pzzabologni3

 


centro storico palermodissuasorilavori piazza bolognipedonalizzazione centro storico palermopedonalizzazioni palermopiazza bolognipiazza bologni chiusa

21 commenti per “E intanto a Piazza Bologni si recinta…

Comment navigation

  • piero68 114
    10 lug 2013 alle 11:53

    Il palermitano e’ come quei bambini dispettosi che vogliono sempre tutto e subito, ai quali va insegnata l’educazione, il rispetto e le maniere.Ha maturato abitudini errate e comportamenti non consoni in una societa’ civile, per la latitanza di un’amministrazione quasi sempre assente e quindi si e’ convinto di poter fare quello che vuole.Allora ad estremi mali, estremi rimedi,non dico elettrificazione 220 v,ma sicuramente soluzioni efficaci e durature, a prova di panormitaurus incivilis.


Lascia un Commento