20 giu 2013

Evoluzione del venditore ambulante a Palermo


Mi fa piacere condividere con gli utenti del gruppo un mio studio zoo-etologico sulla specie Panormosaurus abusivus subspecie impunitus...
Sarà una deformazione professionale (lavoro al museo di zoologia) ma mi viene spontaneo fare paragoni con i sistemi animali, ed ecologici piu in generale, e ciò che accade in questa città e ai suoi abitanti…in questo caso relativamente all’evoluzione di un fruttivendolo abusivo!!
Ebbene si, evoluzione!

Immagine


Alcuni mesi fa infatti (sarà stato gennaio), davanti il supermercato Todis di c.so Finocchiaro Aprile vedo un ragazzo vendere aglio in sacchettini trasparenti ed in testa mia pensavo:”Mischino, pur di campare…”
Passano i giorni e lui sempre li, poi dopo alcune settimane all’aglio si aggiungono i limoni! Poi a febbraio addirittura cipolle! Tutto esposto li a terra, su una cassetta…be che ve lo dico a fare…siamo arrivati al mese di giugno e adesso lo stesso venditore di aglio possiede un intera bancarella con decine di cassette (stabilmente sulla carreggiata) e motoape di corollario con pomodori, ciliegie, mele, pere, melenzane e chi piu ne ha ne metta!!
E’ meraviglioso perchè questa “evoluzione” ha seguito perfettamente i meccanismi che in natura valgono per la crescita di un organismo o l’evoluzione di una popolazione!!
- comparsa di un organismo/popolazione in un territorio senza competitori (il primo fruttivendolo è a circa 100 metri di distanza….)
- assenza di predatori (vigili urbani, polizia,comune)
- presenza di risorse primarie (acquirenti)
- crescita dell’organismo/popolazione

Non c’è niente da fare…la natura vince sempre!!


abusivismoabusivismo corso finocchiaro aprileaglioambulantebancarellacipollecorso finocchiaro aprilelimonivenditori abusivi palermo

Articolo successivo

12 commenti per “Evoluzione del venditore ambulante a Palermo
  • xemet 427
    20 giu 2013 alle 11:23

    e vedrai che tra un po’, con i soldi risparmiati grazie alla concorrenza sleale nei confronti di chi rispetta le regole, acquisterà un locale con due tre vetrine su strada e metterà su un mega negozio di frutta e verdura.
    Ci sta che tra una decina di anni, sempre grazie alle piccole e diffuse illegalità, il tizio metta su un impero della frutta con decine di punti vendita, e tutti staremo li a dire mi guarda che bravo, da solo partendo dal nulla ha messo su un impero.

  • Roberto1 520
    20 giu 2013 alle 11:51

    Come i conigli in Australia!!! Grande cugino! Eppure ti dirò che non tutte le condizioni da te elencate sono essenziali: in via dei Cantieri c’è un abusivo che ormai da anni occupa marciapiedi e strisce pedonali con una “lapa” e vari “espositori”, tanto che ormai è diventato un emporio. Anche in questo caso la crescita è stata progressiva, seppur mancando alcune delle condizioni. In particolare per quanto riguarda i competitors, ce ne sono svariati a pochi metri lungo la via Montalbo. Anche riguardo all’assenza di predatori, qualcosa di diverso c’è: svariate volte i vigili hanno sequestrato tutta la merce e hanno fatto smantellare tutto. Giusto il tempo di fare nuovo rifornimento al vicino mercato ortofrutticolo e tutto come prima. Il Panormosaurus abusivus è purtroppo una specie con la subcultura nel dna, più forte di qualsiasi timore nei confronti delle forze dell’ordine (che tanto per legge possono fare poco). Certo che se gli interventi fossero continui invece che sporadici … Ma poi ci troveremmo con tutti i carciofari e broccolari a protestare davanti al Massimo per queste “persecuzioni”.

  • fabdel 989
    20 giu 2013 alle 16:05

    però danno colore alle strade. ha iniziato con la cipolla perchè è quella che costa di meno quindi in caso di sequestro non sarebbe stata una gran perdita, la cipolla ha fatto da test per sondare il terreno. il passo successivo sarà che scaveranno l’asfalto e si creeranno un piccolo orto in loco, così palermo ritornerà finalmente ad essere una campagna

  • fabdel 989
    20 giu 2013 alle 16:27

    quelle delle bancarelle della frutta sparse ovunque è una cosa che mi piace tantissimo. la frutta, oltre a costituire l’80% del mio nutrimento, ha dei colori bellissimi che rendono le strade meno mostruose di quelle che sono. w le bancarelle!

  • fabdel 989
    20 giu 2013 alle 16:31

    d’altronde se hanno ispirato il neo allenatore :del palermo Gattuso :) per il suo famosissimo quadro pieno di colori “La Vucciera”, un motivo ci sarà pure?

  • KINGDOM 20
    20 giu 2013 alle 16:32

    SCUSATE L’OFF TOPIC: ho felicemente notato che le belle piantine che erano state piantate nelle appena rifatte aiuole di corso vittorio emanuele sono già state prontamente estirpate e il praticello con l’erba verde si è trasformato in una gialla e arida steppa. al posto dei fiori, tuttavia, sono spuntati spontaneamente dei bellissimi e rarissimi esemplari di cartacce, cicche di sigarette e lattine di ogni gusto. a casa mia in questi casi si dice: cuinnuti ri razzi!!

  • fabdel 989
    20 giu 2013 alle 16:33

    d’altronde se quei colori hanno ispirato il neo allenatore del palermo Gattuso :) per il suo famosissimo quadro “La Vuccieria”, un motivo ci sarà pure?

  • grillo79 321
    20 giu 2013 alle 20:15

    non vedo il nesso tra i mercati storici e degli abusivi che occupano la carreggiata ed il suolo pubblico…essendo quindi un intralcio alla circolazione ed un pericolo per l’incolumità di pedoni ed altri utenti della strada, oltre che violare svariate norme (a cominciare dall’evasione fiscale) che nuociono a chi invece ha un’attività commerciale in piena regola…

  • renard 244
    21 giu 2013 alle 8:12

    In via ten. Ingrao ad angolo con via Goethe c’è un fruttivendolo che occupa un paio di posti e le strisce. Prima la sera piazzava delle cassette vuote per tenersi il posto ed evitare che delle macchine potessero inopportunamente occupargli il posto, ora si è espanso ed ha messo dei blocchi di cemento. Non contento, ha messo anche un cartello, ben stampato al pc, in cui gentilmente chiede di non posteggiare per non occupare il SUO posto.

    @KINGDOM: l’assessore Barbera ha detto che i gerani nelle aiuole non erano stati concordati con il Comune e che erano dannosi in quanto le abbondanti innaffiature estive necessarie avrebbero fatto morire i platani secolari nelle stesse aiuole, motivo per cui sono stati tolti.

  • Fulippo1 1357
    21 giu 2013 alle 9:56

    L’abusivismo in città forse è una delle maggiori piaghe, ieri sera ho visto la “putia” improvvisata dentro la fermata (o ex fermata credo in disuso) dell’amat, del venditore di “stigghiole” in zona porto/ucciardone.

    Una cosa cosi evidente, ed assurda che chiunque passa di li si accorge della situazione assurda.
    Come passo io o tutti i comuni cittadini, di li passano ogni giorno tante pattuglie di vigili urbani, polizia, carabinieri, e guardia di finanza che addirittura li accanto risiede.
    Questa è la chiarissima dimostrazione che NON VOGLIONO fare nulla affinchè questo non accada, quindi fino a quando non dimostreranno il contrario loro, che sono le forze dell’ordine pubblico, CHIUNQUE si sentira in diritto di fare quello che vuole.

  • NIGILA 81
    22 giu 2013 alle 10:40

    Perchè il fioraio in viale delle scienze, ne vogliamo parlare??? Tutto il marciapiede dell’università…TUTTO!!!!!!!!!!!! GIORNO E NOTTE!


Lascia un Commento