03 giu 2013

“La Polizia Municipale ha paura”: QUALCUNO si dimetta!


genuflessiBASE

Questo barile sembra non finire mai. Quando pensiamo di aver toccato il fondo, scopriamo strati ancora più bassi dove raschiare.

Siamo già stanchi delle parole, figuriamoci dei fatti, che sembrano abitare anni luce distanti da questa città.

Come ben saprete, è appena stata emanata una ordinanza sindacale che regolamenta orari e decibel consentiti per le attività ludiche e la musica dal vivo (chi volesse approfondire, la può trovare qui).

In breve, nei giorni feriali è consentita la musica dal vivo fino alle 24:00 mentre  venerdì,sabato e domenica fino alle 01:00. Poco male fino a qui, seppur vi siano dei limiti che hanno destato non poche perplessità tra gli addetti ai lavori. Ma eludendo un attimo questo problema secondario, ciò che desta preoccupazione è sentire un assessore parlare così:

Testo e musica sono del Sig. Marco Di Marco, Assessore allo Sviluppo e alle attività Produttive del Comune di Palermo. I controlli a cui fa riferimento nel suo inciso sono quelli inerenti locali ed esercizi commerciali che sono totalmente abusivi e violano drasticamente tutte le regole vigenti in materia.

Vi prego, ascoltatelo bene… ascoltate il tono delle sue parole. Anche a voi è sembrato che stesse parlando della mortadella che è aumentata di 20 centesimi al kg sui banconi delle nostre salumerie?

Se è il caso riascoltatelo. Riascoltate la tranquillità e la baldanza con le quali afferma che in certe zone i vigili hanno paura ad effettuare i controlli.

Mi verrebbe da chiedergli… ” fino ad adesso questo problema non era noto? Cosa si è fatto fino a questa sua esternazione  in pubblico!?”. Sebbene sia una “probabile” verità”, le parole enunciate dall’Assessore sono state sincere quanto pericolose.

Dunque, ricapitoliamo, il messaggio che sta passando è il seguente: “cari palermitani, la PM ha provato a fare le multe nelle zone più “ostiche”, ma siccome hanno paura, si fermano qua”. La conseguenza sembra che la legge sarà fatta rispettare laddove la PM non avrà paura ad addentrarsi.

Tralasciando il fatto che una frase del genere, estrapolata dal contesto può anche avere parvenze diverse, il solo fatto di averla pronunciata in pubblico, di aver ammesso questa enorme defaillance contro l’illegalità e l’abusivismo, ha del grave, gravissimo. Nella città in cui i posteggiatori abusivi bloccano la viabilità per protestare, nella città dell’ex comandante della Polizia municipale Serafino Di Peri che ammise i compromessi raggiunti con gli abusivi, nella città in cui nessuno apre bocca per paura di ritorsioni e reazioni incontrollate, nella città in cui “vince” chi è più prepotente e riesce a intimidire gli altri, parole del genere sono l’ennesima LEGITTIMAZIONE di questo sfascio sociale più assoluto.

Davanti ad una AMMISSIONE del genere è lecito che qualcuno paghi.

Bisogna dosare le parole a mio avviso. Come si vuole combattere l’illegalità? Scoperchiando la pentola della PM, cercando di risolvere i grossi nodi, oppure screditando la PM in pubblico per generare il solito giro di reazioni e aggravare ancora di più la situazione?  Bisogna scegliere.

Assessore, con queste parole LEI ha indirettamente rassicurato tutti gli abusivi, ha confermato loro l’assoluta inefficienza dei controlli in questa città e gli sta anche indirettamente suggerendo che, attraverso comportamenti mafiosi, arroganti e prepotenti questa gente potrà garantirsi tranquillità e serenità nella prosecuzione delle loro “attività”.

Ha ammesso quello che tanta gente pensa, ovvero che la Polizia Municipale non fa quanto dovrebbe, cosa di per se grave, e sicuramente non solo per responsabilità proprie. Allora si faccia gentilmente carico di far sospendere comunicati e annunci in pompa magna circa blitz contro posteggiatori e affini. Vi siete “sputtanati” da soli. Anzichè gettare fumo negli occhi della gente con interventi assolutamente sparuti e inutili, affrontate pubblicamente anche i problemi GROSSI, quelli con la P maiuscola.  Un corpo di Polizia che “ha paura” di far valere la propria forza e la legalità in un territorio è PRIORITARIO rispetto al fumo che provate a venderci con “Palermo Capitale Europea della Cultura 2019″ o “Palermo Capitale dello Sport 2017″. Che sia chiaro!

Sebbene non sia una giustificazione, i palermitani possono essere tanto maturi nel comprendere che un corpo come quello della Polizia Municipale è costituito da persone che, davanti ad un pericolo concreto come quello dell’incolumità fisica, abbia oggettive difficoltà ad intervenire in questo contesto, soprattutto quando parliamo di carenze nell’organico e via dicendo. Ma quanto Lei dichiara basterebbe per far saltare parecchie teste , tra Comune e Corpi di Polizia.

Dunque, se Lei pone questo grande problema, vada fino in fondo e faccia saltare fuori il/i responsabile/i di questa gravissima situazione. Altrimenti avrà lanciato il sasso e nascosto la mano.

Al contempo ha screditato ulteriormente la Polizia Municipale agli occhi della città, che adesso più che mai sarà portata a rivedere nel vigile urbano, nel poliziotto o nel finanziere una figura inutile, passiva e assolutamente “schiava” delle forze maggiori. Se mai le forze dell’ordine avessero acquisito un 1% in più di credibilità, Lei li ha delegittimate ancora una volta. La città ne sarà contenta.

Che certe zone siano “off limits” per le forze dell’ordine lo avevamo capito tutti, basta girare un pò la città. Ma è un problema che sta nascendo adesso? Dal suo insediamento non se ne era accorto?. Anzichè venircela a cantare, mi verrebbe da chiederle: “e cosa stavate facendo per superare questo ostacolo?”. Oppure la sua è una dichiarazione di impotenza manifesta che, teoricamente, dovrebbe sollevarvi da ulteriori responsabilità?

Così come per Di Peri, certe situazioni meritano altrettanti provvedimenti. Altrove ci si dimette per molto meno, mentre qui pur ammettendo di fallire in continuazione si rimane al timone della barca.

Caro Assessore, qui siamo stanchi, stufi, morti degli abusi che giornalmente subiamo. La gente non ne può più e tutto vorrebbe tranne che ascoltare quelle sue parole. Siamo nell’anarchia più assoluta, non funziona nulla o quasi e servono timonieri forti, caparbi e capaci di scelte forte e impopolari che affrontino di petto i problemi. Li stiamo aspettando da decenni, viviamo nella speranza che qualcuno ci metta la faccia e il coraggio nello scardinare quelle ataviche piaghe che stanno relegando Palermo ai gradini più bassi della civiltà.

Esca (lei e tutti i suoi colleghi) fuori gli attributi e sinergicamente a tutte le forze amministrative di cui dispone, faccia chiarezza sulle responsabilità. Non abbiamo bisogno di persone che ci raccontino le condizioni degradate di Palermo. Le conosciamo, le viviamo quanto e più di lei. Palermo ha bisogno di personaggi che, davanti alla paura della Municipale di penetrare in certi contesti, si adoperino per trovare una soluzione, che infondano fiducia al corpo stesso e alla cittadinanza sulla presenza dell’amministrazione  attraverso provvedimenti esemplari, forti, I M P O P O L A R I !

C’è già chi chiede le sue dimissioni, mettendo in dubbio quanto da lei affermato. Io chiederei le sue dimissioni invece nel momento in cui, sollevato il problema, lo lasciasse nel dimenticatoio. Se non si ritrova in questa “macchina comunale” che non riesce ad identificare i responsabili, si tiri fuori. Altrimenti ne sarà stato complice.

Il tempo delle mezze misure è finito.

Totò diceva: “Ogni limite ha una pazienza“.

Anche le persone perbene hanno un loro limite, e se per voi amministratori continuerà il tempo delle mezze misure per non scontentare nessuno (abusivi compresi), non potrà che aumentare il distacco e la disapprovazione.

Forse aspettate che anche la gente perbene rovesci cassonetti o lanci pietre per ottenere i propri diritti? …..


abusivismoassessore attività produttiveillegalitàmarco di marcopolizia municipale palermoposteggiatori abusivi

25 commenti per ““La Polizia Municipale ha paura”: QUALCUNO si dimetta!

Comment navigation

  • lorenzo80 582
    04 giu 2013 alle 8:08

    Ragazzi ma secondo voi il problema è andarci armati? I vigili hanno la pistola ma praticamente non possono usarla, a detta di uno di loro con cui ho parlato. Durante i controlli a volte vengono pure minacciati con coltelli, asce, martelli e quant’altro e non possono usarla perché se ci scappa il morto o anche solo il ferito sarebbero soggetti a indagini, processi, sospensioni dal servizio e sicuramente accusati di abuso di potere. Chi glielo fa fare?

  • gomez 122
    04 giu 2013 alle 8:38

    @lorenzo80 Hai centrato il problema. In Italia orami c’è troppo buonismo, cioè uno ti minaccia con armi e tu non hai diritto di difenderti cone le armi (parlo di polizia e di legittima difesa) ormai siamo alla pazzia. In USA la legge sulle armi è troppo permissiva in Italia è il contrario troppo “perbenista e bigotta”, non hai neanche diritto di difenderti da chi manaccia la tua vita, la sicurezza..ecc. e ovviamente i fuori legge lo sanno e ne approffitano. Ovviamente nasce tutto anche da una classe politica debole e collusa con i fuori legge.

    ps: io conosco i miei limiti e riconosco che non so fare il poliziotto e non ho il coraggio che serve e quindi non mi sogno certo di fare concorsi e altro e non ho neanche fatto il militare. Il problema che in italia ci sono troppi poliziotti così (sia chi comanda, sia i sottoposti):

    http://images1.wikia.nocookie.net/__cb20120311204423/simpsons/it/images/b/bc/Clancy_Winchester_2.png

    Il poliziotto non è un lavoro da scrivania, ma ormai in Italia questo mestiere è solo un ammortizzatore sociale, e quindi le motivazioni sono basse. :) :(

  • medoro 132
    04 giu 2013 alle 9:09

    Ribadisco: i vigili urbani eseguono ordini dai loro superiori.. non c’entra la meritocrazia in questo caso. E’ evidente che per qualche motivo ci sono cose che non devono vedere, ad un vigile urbano che, preso dalla zelo, arresta un parcheggiatore abusivo potete stare tranquilli che non daranno una medaglia se non aveva avuto il preciso ordine di farlo… Dietro una semplice multa per divieto di sosta ci trovi un semplice cittadino, dietro un parcheggiatore abusivo ci trovi ben altro. Per questo le multe per divieto di sosta fioccano, ed invece i parcheggiatori abusivi (o i grossi illeciti..) sono sempre lì.

  • Faber 112
    04 giu 2013 alle 12:17

    è vergognoso vedere come asessori e comune intero mi [e intendo CI] prendono per il culo facendo finta di nulla.
    mi [CI] sbattono in faccia una ordinanza “salva centro storico” per la notte-locali-musica [cui la mia rabbia e dissenso eviterò di sbrodolare anche qui] e poi ammettono pubblicamente E SENZA SMENTITE CON FATTI [FATTI!!!!!] che in alcune zone ben note a tutti NON FARANNO CONTROLLI. DUE PESI E DUE MISURE.

    censurata la mia rabbia…

    questo porterà ad un unico panorama, che già esiste tra l’altro da decenni: la gente se vuole entro le 23:59 sta nel locale in regola [se in regola è il locale con le varie licenze... licenze per fare da mangiare o solo per vendere bevande d'asporto, e però hanno i tavolini.. fanno suonare e le altre licenze?... vabè, fatti loro.......] e dopo si rintana in quei posti DOVE LE FORZE ARMATE NON ENTRANO NANCHE SE C’E’ GENTE CHE VIENE FERMATA E PICCHIATA E DERUBATA [CRONACA LOCALE DEGLI UTLIMI MESI!!!] E PARLO DI BALLARO’ [DOVE PERALTRO PROSEGUE IL MERCATO NERO E DEL RUBATO DI MATTINA] DELLA VUCCIRIA, PIAZZA GARRAFFELLO, PIAZZA MAGIONE…
    qui si può trovare alcool in bottiglie di vetro al costo inferiore del 40-60% circa, alcool scadente, birra come gli altri locali; musica senza limiti e si può schiamazzare e fare tanto altro in tranquilla libertà anarchica…….

  • Faber 112
    04 giu 2013 alle 12:19

    è vergognoso vedere come assessori e comune intero mi [e intendo CI] prendono per le felle facendo finta di nulla.
    mi [CI] sbattono in faccia una ordinanza “salva centro storico” per la notte-locali-musica [cui la mia rabbia e dissenso eviterò di sbrodolare anche qui] e poi ammettono pubblicamente E SENZA SMENTITE CON FATTI [FATTI!!!!!] che in alcune zone ben note a tutti NON FARANNO CONTROLLI. DUE PESI E DUE MISURE.

    censurata la mia rabbia…

    questo porterà ad un unico panorama, che già esiste tra l’altro da decenni: la gente se vuole entro le 23:59 sta nel locale in regola [se in regola è il locale con le varie licenze... licenze per fare da mangiare o solo per vendere bevande d'asporto, e però hanno i tavolini.. fanno suonare e le altre licenze?... vabè, fatti loro.......] e dopo si rintana in quei posti DOVE LE FORZE ARMATE NON ENTRANO NANCHE SE C’E’ GENTE CHE VIENE FERMATA E PICCHIATA E DERUBATA [CRONACA LOCALE DEGLI UTLIMI MESI!!!] E PARLO DI BALLARO’ [DOVE PERALTRO PROSEGUE IL MERCATO NERO E DEL RUBATO DI MATTINA] DELLA VUCCIRIA, PIAZZA GARRAFFELLO, PIAZZA MAGIONE…
    qui si può trovare alcool in bottiglie di vetro al costo inferiore del 40-60% circa, alcool scadente, birra come gli altri locali; musica senza limiti e si può schiamazzare e fare tanto altro in tranquilla libertà anarchica…….

    e non parliamo della scena musicale palrmitana, che già non era florida.. adesso come caspita potremo lavorare?!!!!… -__-


Lascia un Commento