11 mag 2013

“Nel blu dipinto di blu”: l’AMAT dipinge parcheggi anche nelle fermate degli autobus


Quello che sto per raccontarvi ha dell’assurdo e mi lascia senza parole.

Ieri mi trovavo a transitare in prossimità di via Duca Della Verdura e giunto difronte la scuola Vittorio Emanuele III mi accorgo che qualcosa luccica più del normale. Qualcosa di veramente anomalo.

Mi fermo col mio scooter e focalizzo meglio: una squadra di operatori AMAT stava definendo con il canonico spray blu le strisce che delimitano gli stalli a pagamento lungo i marciapiedi. Dove sta l’anomalia?

Eccola qua:

IMG_20130510_191719

Hanno dipinto le strisce blu anche davanti la fermata dell’autobus e di conseguenza le auto ci hanno parcheggiato sopra. Forse volevano risolvere il problema atavico della mancanza di parcheggio?

Scherzi a parte, il fatto è gravissimo perchè un’attività del genere NON PUO’ AMMETTERE ERRORI!

Qualcuno evidentemente ha disposto l’apposizione delle strisce proprio li oppure degli operai veramente inetti l’hanno combinata grossa.

Ma la cosa che mi porta a pensare “male” è la perseveranza: 50 metri più in la, in direzione mare, lo stesso episodio in un’altra fermata dell’autobus:

IMG_20130510_191917

IMG_20130510_191929

Due indizi fanno una prova. Ma qui non abbiamo indizi, abbiamo due prove….

Il giorno, l’orario e la via sono noti. Pertanto sarà facilissimo individuare all’interno dell’azienda il responsabile o i responsabili che in quel posto e in quell’orario erano incaricati del rifacimento delle strisce. Il Comune e l’AMAT DEVONO indagare a fondo e far saltare fuori i nomi di coloro che DOVRANNO rispondere di questo episodio che reputo un grave abuso verso la collettività.

Il Codice della Strada fonda i suoi principi in primis sulla sicurezza delle persone. E’ inutile sottolineare come in questo caso sia impossibile per gli autobus non intralciare la carreggiata durante una fermata. Inoltre le persone che attendono l’autobus sono incentivate a esporsi sulla strada per cercare di farsi notare dal conducente del bus.

Mi aspetto delle sanzioni verso l’azienda per questa trasgressione del Codice Della Strada, ma so già che non si verificherà questa possibilità. Per non lasciare cadere nel vuoto questa segnalazione, la girerò al Comando dei Vigili Urbani, al Comune di Palermo, all’AMAT e al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Quando un cittadino sbaglia, paga. E’ il momento che anche un’azienda comunale, un ‘ente o un’amministrazione venga multata quando sbaglia.

Evidentemente ancora qualcuno non ha capito che non ci sono più le condizioni per nascondere la polvere sotto il tappeto. Vedremo se questa volta qualcuno all’AMAT pagherà per l’episodio.

 

 


ABUSOamatcomune di palermofermate autobusministero delle infrastrutture e dei trasportistallistrisce blustrisce blu illegittime

9 commenti per ““Nel blu dipinto di blu”: l’AMAT dipinge parcheggi anche nelle fermate degli autobus
  • ligeiro 248
    11 mag 2013 alle 12:18

    ormai siamo allo sbando più totale, credevo che peggio di cammarata non si potesse fare… ma vedo che ci simo riusciti.. rimango nell’attesa di dimissioni e nuove elezioni del sindaco possibilmente a 5 stelle!!!!

  • drigo 404
    11 mag 2013 alle 14:19

    Io li ho visti all’opera proprio ieri tra via Castriota e via Borrelli. Stendevano la vernice facendo il contorno alle auto posteggiate e, chiaramente, senza completare la “chiusura” dell’area di parcheggio, in quanto le auto posteggiate impedivano di realizzarla. Ovviamente, non c’era segnaletica che indicasse questo tipo di intervento (e quindi i divieti di sosta).

  • Faber 112
    12 mag 2013 alle 12:03

    ma su questo sito non esisteva un account-utente registrato a nome della polizia municipale di Palermo e gestito dagli stessi? Non leggono più il blog e non rispondono più a quello che i cittadini vedono coi propri occhi e sulla propria pelle e documentano coi propri mezzi?…

    comune forze dell’ordine comunali e non solo, amat, enti pubblici e in appalto privati, una sola parola, qualcuna in più magari per rendere più chiaro il concetto: inettitudine e incompetenza, e mancanza di professionalità, civiltà e rispetto delle regole e delle persone, nonché dell’ambiente e dei beni storici e della città stessa.

    scomode verità: concorsi fatti per persone con la licenza media inferiore e favoritismi, Palermo funziona con queste persone.

  • klone123 96
    12 mag 2013 alle 20:49

    @ligeiro
    Ma che cavolo c’entra il sindaco?! Qui c’entrano persone molto più “interne”. Basta andare sul sito e i nomi si trovano: consiglieri d’amministrazione Rosalia Sposito e Diego Bellia, direttore generale e direttore pianificazione e programmazione Pasquale Spadola.

  • mediomen 1139
    13 mag 2013 alle 5:44

    Esatto, troppi dirigenti e poi le colpe si disperdono! e nessuno vuole riformare questo paese…………..

  • KINGDOM 20
    13 mag 2013 alle 8:49

    non pagate mai le strisce blu!!! sono quasi tutte illegali a palermo quindi non possono farvi multe!! il codice della strada dice che i parcheggi a pagamento non possono essere ricavati all’interno della carreggiata!!


Lascia un Commento