18 mar 2013

(Foto) Il nuovo accesso al Porto di Palermo


Da qualche giorno è visibile la nuova sistemazione data al viale d’accesso al porto sulla via Crispi, davanti la via Emerico Amari.

E’ stato sostituito un breve tratto della cancellata con una di disegno particolare, realizzata una pensilina di design moderno che evidenzia l’accesso al parcheggio (presenta anche dei faretti accesi alle ore serali), nuovi lampioni per l’illuminazione, aiuole, nuova segnaletica orizzontale, elementi d’arredo particolari anch’essi del colore viola scuro che si sta dando ai principali elementi del porto.

E’ stato eliminato quel brutto container al centro con alle spalle una “pagoda”, oltre alla disordinata segnaletica verticale che immagino dovrà ovviamente essere ricollocata, spero con più raziocinio.

Ho domandato anche se sono partiti i lavori di restauro e ristrutturazione della Stazione Marittima, e mi è stato riferito che ancora è in fase di completamento la struttura temporanea. Quindi a breve.

Questi lavori sono un’ulteriore conferma della validità delle intenzioni dell’autorità portuale. Speriamo quindi nell’effettivo decollo del PPE che a prevede demolizioni e sostituzioni con strutture contemporanee.

Ieri



Oggi


portovia crispi

Articolo successivo

44 commenti per “(Foto) Il nuovo accesso al Porto di Palermo

Comment navigation

  • Cesc 112
    18 mar 2013 alle 13:07

    Grande @Pamax, sempre a lamentarsi sta il Palermitano!
    Il viola è molto bello, finalmente avremo un porto in arte moderna, arte che manca a Palermo. Si la storia ci ha donato delle bellezze uniche, però è anche ora che Palermo si modernizzi con opere contemporanee e colori che ai più sembrano brutti. Continuiamo così!

  • fabdel 989
    18 mar 2013 alle 14:22

    azzardo un’ipotesi circa la scelta del colore: forse il viola è in onore a Cassani della fiorentina che ieri ha segnato contro il Genoa permettendo al palermo di mantenere una flebilissima speranza di restare in serie A. aahahahahahahahahah sto babbiando ovviamente :D

  • Pantera di Bellolampo 43
    18 mar 2013 alle 17:37

    @punteruolorosso, montepellegrino
    Sarebbe un grave errore eliminare la recinzione doganale del porto. Il porto è un’area commerciale dove transitano camion, container ed altri mezzi commerciali. Un pò come per le recinzioni aeroportuali, chi si sognerebbe mai di farsi una passeggiata sulla pista d’atterraggio?!
    Inoltre, a similitudine degli aeroporti, la normativa di security (risultato dell’11/9) ha limitato l’accesso ai veicoli autorizzati dalla Capitaneria o a quelli in possesso di biglietto per l’imbarco. Il politico di turno che promette questo non conosce la norma (vds. Reg.CE 725/2004, D.lgs.203/07).
    Personale della vigilanza privata è incaricata di eseguire i controlli all’ingresso. E’ cmq possibile entrare liberamente dal varco Amari,senza titoli, per parcheggiare l’auto nell’area a pagamento.
    Chi vuol farsi la passeggiata in riva al mare può andare alla Cala, Sferracavallo, Mondello ecc.(dove l’acqua è un pò più pulita…).

    Quanto al colore, penso sia bello ed essendo adoperato per le gru porta container, bitte e per altri elementi alla Cala da un senso di identità.

  • Arayashiki 44
    18 mar 2013 alle 21:46

    A me quel viola non dispiace, trovo anche interessante il fatto di identificare un ente con un colore: viola il porto, e verde acqua (che mi piace ancora di più) dell’aeroporto, sempre che si riesca a fare.
    La pensilina mi piace ha una bella linea. Per quanto riguarda quei container, ho visto riutilizzi molto interessanti fatti in altre città, anche in questo si potrebbe seguire l’esempio…

  • punteruolorosso 1950
    18 mar 2013 alle 22:59

    @pantera di bellolampo
    non conosco la normativa portuale, ma il fatto che l’intero fronte a mare di palermo sia in mano agli abusivi porta a odiare anche quelle barriere che giustamente chiami legittime. la cala e il foro italico sono le uniche isole felici (e a mio parere neanche tanto) di questo enorme spreco di bene pubblico che è il golfo di palermo: una discarica continua di sfabbricidi degli anni sessanta intervallata da fognature (l’oreto) e mammelloni. ecco perché pensavo che almeno quel brutto muro di cinta venisse giù. in ogni caso, come dice qualcuno, sarebbe bello avere le merci a termini e togliere dalle palle tutti quei camion che invadono il lungomare.

  • ing.giacomo 4
    18 mar 2013 alle 22:59

    Dispiace che su repubblica si pone l’accento sulle critiche al colore viola dal nostro sito, come se fossimo i soliti criticoni e nemici ra cuntintizza…Invece questo ” blog urbano” è essenzialmente voglia di nuovo e di futuro e non solo critiche

  • turi77 110
    18 mar 2013 alle 23:01

    Finalmente un tocco di colore!
    Tempo fa avevo letto di una grande rotonda da realizzare davanti all’ingresso del porto, eliminando così il semaforo. Qualche notizia in merito?

  • cirasadesigner 1024
    19 mar 2013 alle 9:32

    Anche io credo che il taglio dell’articolo di Repubblica non sia corretto, qui si discuteva della scelta del colore e non mi sembra che nel sito si fosse presa una decisione univoca in tal senso, ma se ne era intavolata una discussione che a dire il vero con il passare del tempo, ha promosso la scelta del viola.
    Io credo che in architettura molte volte è solo questione di coraggio nelle scelte e una scelta insolita venga digerita con difficoltà proprio perché insolita. Non esistono colori più o meno belli di altri, certo ci sono dei colori che hanno delle finalità tecniche, che ne so, il verde fosforescente, o l’arancione delle tute dei lavoratori, ma questo viola, lo trovo interessante in contrasto con i colori accesi della nostra bellissima città… Guardate cosa hanno fatto a Barcellona nel quartiere Fira!!!! Ci sta un intero palazzo di 25piani di colore bordeaux, e credo che tutto si possa dire tranne che non sia bello. Dobbiamo solo lasciare un po di spazio ai progettisti, sopratutto quelli giovani e vedrete che hanno delle idee valide per migliorare la nostra città.

  • Andrea 0
    19 mar 2013 alle 9:55

    lavori durati mesi, mesi e mesi (più di un anno) per una stupida pensilina finita -guardacaso- al termine del mandato di bevilacqua. ma che senso ha? ma che rivoluzione estetico-architettonica è? la città ha così riconquistato il mare? mi sembra tutta una grande presa in giro, come sempre. a proposito, quanto è costata?

  • MAQVEDA 17489
    19 mar 2013 alle 10:31

    Mesi e mesi? ma non diciamo fesserie, io ho visto il cantiere quasi quotidianamente, e le tempistiche non sono state “mesi e mesi”, da come parli tu sembra che si tratti di più di 12 mesi.
    Comunque ancora ci mancava un commento di questo tono.
    Poi qua ognuno si rapporta ad un cantiere come se si trattasse di imbiancare la propria cucina. Bah.

  • ruggys 276
    19 mar 2013 alle 11:22

    è inutile che si parla di barriere, quando il porto è nascosto da quasi una decina di palazzi a partire dal palazzo della capitaneria di porto fino all’orrore brancagel….dovrebbero abbatterli tutti (utopia)…
    invece i lavori in questione li promuovo, e promuovo anche il viola daje

  • Andrea 0
    19 mar 2013 alle 11:32

    MAQVEDA non dico proprio fesserie. una mia amica abita nel palazzo difronte l’ingresso del porto e lamentava spesso la lentezza dei lavori (senza sapere quale fosse il risultato dell’opera che si stava costruendo). penso sia lecito poi poter dubitare della buona riuscita di un lavoro, perché a me qui sembra che alla prima stron_ata circondata da un po’ di erba si grida tutti al miracolo.. penso che le energie dell’autorità portuale di palermo vadano spese per ben altro (es. PRP). insomma sembra un po’ fatto ad hoc per incantare i turisti che arrivano con le navi da crociera. un angolo di pulizia nella decadenza generale, ma a che serve? sarebbe stato meglio vedere un cantiere gigantesco, anche per mesi, ma che poi avrebbe abbattuto le barriere tra mare e città, facendo rivivere il porto con centri culturali, zone commerciali, servizi ecc… non è una questione di pessimismo, avete rotto le scatole con questo discorso, sarà sbagliato pure lamentarsi sempre, ma anche accontentarsi di così poco non è un bene! dovremmo pretendere molto di più dalla costosa lungimiranza di chi ci amministra!

  • Neos 80
    19 mar 2013 alle 11:42

    Wow!! Me gusta, me gusta.
    Il viola è un po’ tasciuliddo in genere come colore, ma in fondo questo mi piace…
    Bello davvero!

  • MAQVEDA 17489
    19 mar 2013 alle 13:59

    E’ una piccola opera che si, nasce principalmente per fare scena, anche davanti i turisti, che c’è di male? non lo capisco. A breve parte il cantiere della Stazione Marittima, appena terminata la struttura temporanea, e si lavora anche al molo Santa Lucia.
    Io la trovo un’ opera di design ben riuscita, senza eccessivi fronzoli, dimostrazione che non si devono fare chissà quali sforzi per ottenere un ambiente decoroso e di linea moderna.
    Il piano particolareggiato del porto è ancora bloccato da troppi pareri che devono essere espressi, almeno di sei enti differenti, ossia sei tribunali purtroppo, tra cui il Comune, quindi se non parte il mega cantiere un motivo c’è. Non stiamo sempre a parlare di cose di cui non si conoscono i retroscena, questo è qualunquismo all’ennesima potenza. Anzi, che in questo pantano di lentezze si riesca a procedere per tasselli la trovo una cosa assolutamente buona. Pure a me piacerebbe se domani partisse un mega cantiere di riqualificazione dei nostri 18 km di costa, e si rendesse il porto un’attrazione contemporanea, ma non per questo non apprezzo questo seppur minuscolo passo che oggi è stato fatto. E’ proprio vero, ‘sta città è nemica ra cuntintizza anche quando si potrebbe esserlo, per un pochino.
    Il tizio con cui ho parlato, nonostante fosse cosciente delle lentezze estreme di questo processo era sicurissimo di una cosa, che il porto in questi ultimi anni è cambiato, e in meglio, da un punto di vista di gestione.

  • Cesc 112
    19 mar 2013 alle 14:28

    @MAQVEDA
    Bravo! Bisogna essere contenti delle nuove opere di Palermo. Ma il palermitano deve essere sempre lì a cercare il pelo nell’uovo. E’ un’opera ben riuscita e soprattutto risalta agli occhi di chi passa magari di sfuggita anche da fuori.

    @Blackmorpheus
    Su, stavo scherzando…facciamoci due risate ogni tanto!

  • Andrea 0
    19 mar 2013 alle 14:56

    @MAQVEDA: c’è di male che in altri paesi le opere vengono pensate in modo intelligente, e costruite non per fare scena, ma per renderle fruibili e utili alla cittadinanza. la pensilina va bene se inserita in un contesto globale pensato, la piccola tessera di un grande mosaico che abbia un filo conduttore architettonico e filosofico. purtroppo, come dici anche tu, il piano per il porto è stato approvato ma non decolla e finché è tutto bloccato non si può progettare seriamente. in sostanza, vedere una pensilina così carina circondata da cancellate desuete, silos che cadono a pezzi e gru arrugginite (oltre ad un porto praticamente sempre chiuso ai cittadini, perchè non ha nulla da offrire), è decisamente penoso


Lascia un Commento