11 mar 2013

Dopo i furti di rame, incominciano i lavori alla Zisa


Riportiamo il comunicato del Comune:

Le squadre di Amg Energia Spa hanno iniziato oggi i lavori di ripristino dei cavi elettrici al Giardino della Zisa, dopo i furti avvenuti nei mesi scorsi. I tecnici stanno dando la priorità all’intervento volto alla riattivazione dell’alimentazione di autoclavi, sistemi di irrigazione e servizi igienici in modo da ripristinare immediatamente le condizioni di sicurezza dell’impianto e rendere la struttura fruibile.

Nel giardino sono stati compiuti tre furti, il 29 novembre 2012, il 1° gennaio e il 14 gennaio 2013: sono stati rubati circa settemila metri di cavo, di varie sezioni, lungo tutto il percorso della villa. Per avviare i lavori, infatti, Amg ha dovuto acquistare una quantità consistente di materiale, di ingente valore economico. E’ un lavoro complesso, in quanto si dovrà intervenire anche all’interno dei pozzetti, che dovrebbe concludersi entro la fine del mese.


amgilluminazione pubblicazisa

Articolo precedente

6 commenti per “Dopo i furti di rame, incominciano i lavori alla Zisa
  • selladelmondo 43
    11 mar 2013 alle 21:44

    @Punteruolo rosso, vigilanza?? noo troppo facile, chi lavora più se un servizio dura nel tempo? meglio piuttosto lasciare che un monumento venga vandalizzato affinchè poi sia necessario chiamare gli operai a rifare la manutenzione, in questo modo facciamo mangiare u zu totò, u zu nenè e u zu cicciu, chiaro no?

  • mardux 6
    12 mar 2013 alle 3:01

    Ma come è possibile? A Palermo abbiamo finalmente colui che il Sindaco la sa fare e ci lascia la villa della Zisa sguarnita di sorveglianza! Ho capito, quella è la villa di Cammarata pertanto non appartiene a Sua Maestà l’attuale Sindaco, va quindi dimenticata in quanto ricorda un periodo nefasto della nostra storia in cui poco, ma comunque qualcosa, si faceva. Bravo Ollando, tu si che hai capito tutto. Bisogna assolutamente rivoltarti, pardon, rivotarti.

  • rasputin 162
    12 mar 2013 alle 11:49

    @ mardux
    tu sei, secondo me, il caratteristico palermitano a cui “nè larga ci viene, nè stritta ci capi” e parla solo per denigrare qualsiasi cosa si faccia. si vede lontano un miglio che sei un cammaratiano e pertanto la raggia ti mangia vivo. Fattene una ragione, Orlando è il sindaco di Palermo. Vorrei chiederti: ma se l’amministrazione comunale non avesse cominciato questi lavori che avresti detto? che la Zisa sta andando a puttane e il sindaco se ne frega? e poi chi lo ha detto che non ci sarà una sorveglianza elettronica o fisica?

  • Pietro Bolenares 0
    13 mar 2013 alle 9:34

    Domenica scorsa ho notato che dentro le vasche delle fontane antistanti al Palazzo delle Poste in Via Roma erano “in bellavista” (nessun operaio presente dato il giorno festivo) almeno due matasse di fili (evidentemente si sta intervendo sull’impianto di illuminazione delle vasche di cui sopra).

    Com’è che lì nessuno ruba i cavi? Sorveglianza diretta delle Poste?

  • mardux 6
    29 mag 2013 alle 6:59

    @rasputin
    carissimo, si vede lontano un miglio che dopo più di un anno il caro sindaco non ha fatto nulla se non curare gli interessi dei suoi più diretti elettori (Gesip), e quindi i suoi, tra l’altro ad alto tasso di fannulloneria. Si vede lontano un miglio che per criticare qualcosa, ci dovrebbe pur essere “qualcosa”, mentre l’attività comunale è stata definitivamente tumulata, se si escludono i lavori affidati ad amici, oppure il polverone alzato nei confronti di una falsa promozione di una certa pseudo cultura, che ha l’unico scopo di dare qualche contentino a sinistra. Si vede lontano un miglio che tu sei il solito orlandiano di sinistra che forse ha pure tratto beneficio da qualche rivolo di favoritismo dell’attuale giunta… o sei tra quelli che ha lavorato gratis per il comune, magari con la promessa di un futuro più sostanzioso, così come è stato fatto con altri? Caro Rasputin, qui non si tratta di essere cammaritiani o altro, oggi ti posso solo augurare: buona munnizza a te ed ad tutti i palermitani.


Lascia un Commento