23 feb 2013

Palermo-Genoa: variazioni al traffico


Riportiamo disposizioni sul traffico del Comune di Palermo:

Dalle ore 18 di sabato 23 febbraio diventerà pedonale l’area attorno al perimetro dello stadio “R. Barbera”, in occasione della partita di
calcio Palermo-Genoa che inizierà alle ore 20,45. Saranno chiuse al transito veicolare fino alla fine della gara ed in ogni caso fino a
cessato bisogno,  Viale del Fante (nel tratto da Piazza Leoni a Piazza Salerno), Via del Carabiniere (da Via Croce Rossa a  Viale del Fante)
e  Via Antonio Cassarà (da piazza Papa Giovanni Paolo II a  Viale del Fante).

I veicoli provenienti da Piazza Leoni potranno percorrere Viale Diana in direzione Mondello e Via Croce Rossa in direzione Villa Sofia,
mentre quelli provenienti da Pallavicino attraverso Viale degli Abruzzi,  potranno svoltare a sinistra per Via Case Rocca in direzione
Parco della Favorita o immettersi a destra per Piazza Salerno e Via Croce Rossa in direzione centro città. Gli autobus di linea
circoleranno su Via Croce Rossa che rimarrà percorribile in entrambi i sensi di marcia.

La zona sarà presidiata dalle pattuglie della Polizia Municipale.


palermo genoapolizia municipaleStadioStradetraffico

24 commenti per “Palermo-Genoa: variazioni al traffico

Comment navigation

  • lorenzo80 582
    25 feb 2013 alle 13:03

    @Robysmiles
    Per carità, tutto il rispetto per chi ha una passione che io non ho, ci mancherebbe. Però quando penso che c’è gente che ha votato Berlusconi perché ha comprato Balotelli o che ha preso a calci la macchina dell’allenatore un po’ mi vengono i brividi…

  • drigo 404
    25 feb 2013 alle 23:25

    Se la macchina era una di quelle posteggiate in quinta fila a Piazza de Gasperi a me non fa orrore. Me ne fa ancora meno se la macchina vandalizzata era quella della Municipale, ferma a 2 mt dalle auto in sosta ultra-vietata e totalmente immobile di fronte al delirio.

  • franz 200
    27 feb 2013 alle 9:10

    Purtroppo, come diverse volte ribadito, questa zona è diventata lo sfogo per tutto il traffico veicolare, a partire dalle targhe alterne, motivo per cui tutta la città e chi viene da tutte le parti della regione vi si riversa, a finire con i mezzi pesanti da e per il porto. Risultato: aumento all’inverosimile dell’inquinamento; quando invece parlando di tutela della salute dei cittadini, si sono prese decisioni alla faccia della salute di coloro che vivono in questa zona. In occasione delle partite poi tutte le strade attorno allo stadio, sono inaccessibili, le zone blu, chissà perchè, non sono più controllate dagli ausiliari al traffico, vengono sostituiti d’istituto dai posteggiatori abusivi che, devo riconoscere, hanno una fantasia come non pochi, riescono a far diventare parcheggi anche gli spazi più impensabili (e dire che i nostri amministratori non riescono a trovare un area di parcheggio nell’intera città da decenni). Mi è capitato poi di assistere all’efficienza dei vigili urbani che, in occasione di una partita pomeridiana (mercoledì), fecero passare un Tir in viale del Fante e questi trovando le transenne davanti la piscina comunale, fu fatto deviare in via del Carabiniere, dove, non potendo girare per viale Croce Rossa (corsia laterale dove a malapena transita una macchina), dovette fare inversione di marcia in controsenso, ritornare in viale del Fante e prendere non so quale percorso. Ora provate ad immaginare quanti Tir passano giornalmente in queste strade e capirete i disagi cui i residenti e commercianti della zona sono sottoposti, senza tenere conto che anche le ambulanze dirette al pronto soccorso di Villa Sofia, devono anch’esse rispettare il blocco creato per le partite. La presenza dello Stadio nell’attuale sito aveva motivo di esistere allora perchè era una zona periferica e quindi non gravava sul traffico (che era quasi del tutto inesistente fra l’altro), oggi che la città si è espansa, fagocitando ogni metro quadro attorno ad esso, e con un traffico da terzo mondo, non si capisce come in tutti questi anni, nonostante ci sia un progetto per la realizzazione del nuovo stadio in altra zona, non si sia riusciti a realizzarlo in un sito più appropriato; che ci siano interessi che non conosciamo? E la salute dei cittadini?


Lascia un Commento