28 gen 2013

FOTO| Branco di “bestie” vandalizza autobus AMAT


Lo scempio è avvenuto in via della Libertà Sabato 12 Gennaio per mano di un branco di ragazzacci proveniente dal parco divertimento sito a Piazzale Giotto. La dinamica dell’accaduto è la seguente:

i ragazzi premeditano tutto in via Galileo Galilei togliendo le guarnizioni del vetro della porta posteriore; al semaforo che fa ad angolo con via Leonardo da Vinci con forte veemenza spingono fuori il suddetto vetro che fortunatamente rimane infranto; alla fermata di via Libertà angolo via Notarbartolo gli stessi con un oggetto non identificato, si pensa una pietra o una mazza, infrangono il vetro laterale che sta a fianco della 4a porta posteriore di un Iveco 490.18 Turbocity.

 

Dopo, l’intervento invano della pattuglia dei Carabinieri che era nelle vicinanze del mezzo.

Ringraziamo Pepito91 per la segnalazione.

Supponiamo che all’interno di questa autovettura vi siano videocamere per la sorveglianza. La giustizia, speriamo, faccia il suo corso.

 

 


amatautobus amatvandalivandalismo

9 commenti per “FOTO| Branco di “bestie” vandalizza autobus AMAT
  • antony977 166208
    28 gen 2013 alle 15:20

    Risultato? 1 autosnodato (quello ritratto in foto) in meno sulla linea 101, e che starà fermo alcuni giorni.
    E la gente poi attende alla fermata…

  • drigo 404
    28 gen 2013 alle 16:17

    Ma una descrizione così dettagliata della dinamica degli eventi, che addirittura fissa il momento in cui le bestie partoriscono l’idea, è forse frutto della testimonianza oculare di qualcuno? Se si, è ovvio che hanno agito indisturbati in mezzo ad altri passeggeri. Che quindi, si meritano di viaggiare sui carri bestiame. Se ci fossi stato io, la mazza l’avrei usata per spezzargli le mani. In francia, per molto meno, la Gendarmerie sale sui mezzi e sfodera il manganello. Quando non hanno il bastone telescopico, che è molto più “convincente”.

  • Luca S. 129
    28 gen 2013 alle 17:46

    C’è chi in questa città si diverte (o forse agisce su comando) a distruggere scuole, monumenti, aiuole, macchinette trenitalia autobus e così via.
    Il vandalismo a Palermo è a livelli estremi e a mio parere andrebbe combattuto alla base. Vogliamo intanto analizzare il tasso di evasione scolastica?
    Vorrei far notare che questi piccoli vandali di oggi sono presumibilmente la manovalanza della mafia domani…

  • miguel orlando 20
    28 gen 2013 alle 19:32

    questa gentaglia le cose le capisce solo quando viene fottuta a bastonate senza pietà. e me ne fotto se sono ragazzini. io fotterei a legnate sia loro sia quei porci di genitori che si ritrovano. quando le ossa iniziano a fare male la gente inizia a capire. questi non sono ragazzi. sono vandali, gente socialmente inutile che non farà mai un cavolo in vita sua, se non rubare e parassitare a destra e a manca

  • caudino 118
    29 gen 2013 alle 13:28

    continuo a chiedermi perchè?????
    dov’è lo sfizio?…, la risata dove sta?!

    P.S
    Piccola testimonianza da Lisbona: e anche qui si sta meglio che a Palermo, se non Italia.
    Sono qui da ormai un mese e posso testimoniare una città pulita, ordinata con educazione civica sentita. Senza traffico (nemmeno nelle ore di punta, il clacson usato in modo intelligente, mezzi di trasporto infiniti e integrati TRAM, METRO, BUS, TRENO, TRENINO, TRAGHETTO…. PARCHEGGI quanti ne volete?! ovunque in citta centro storico, sotto ogni piazza o sopra ogni supermercato…. dove non lo hanno potuto scavare sotto lo hanno costruito sopra, anche solo nello spazio di una palazzina di due appartamenti loro ci fanno un parcheggio a 5 piani. Con la macchina si può arrivare ovunque senza ingorghi traffico o inutili isole pedonali perchè tu arrivi parcheggi sotto il colosseo e sali sopra a vederlo!
    Tutto questo per ricordarmi tutta la tristezza di casa mia!

  • dcirri 30
    30 gen 2013 alle 12:00

    Purtroppo ero sull’autobus della linea 102 successivo (già colmo prima di quella fermata), abbiamo solo visto l’altro autobus fermo e, a quella fermata, un numero spropositato di ragazzi (tra cui immagino anche gli autori di questi vandalismi) invadere l’autobus…fumare, tenere la musica ad alto volume e prendersela con gli altri passeggeri. In certi casi e soprattutto in certi momenti servirebbe un controllo sui mezzi pubblici. Già non godiamo di un servizio efficiente, ci manca soltanto non essere nemmeno sicuri. Non sapevo dell’accaduto…ma sono scesa da quell’autobus pensando che non li avrei più ripresi il sabato pomeriggio!

  • gae 13
    31 gen 2013 alle 0:30

    Io mi trovavo li per caso quella giornata. Una ragazza, che era presente all’interno dell’autobus, mi ha raccontato ciò che era accaduto. Queste bestie avevano già intenzione di manomettere qualche parte dell’autobus infatti alcuni passeggeri hanno immediatamente avvisato l’autista il quale però commette l’errore di dire ai ragazzi che a breve arriverà una volante. Appresa la notizia,come dei fifoni, questi ragazzi scappano. A questo punto la polizia chiede alla ragazza e al conducente del mezzo di identificare questi vandali ottenendo però scarsi risultati. Non potendo fare più nulla, all’autista arriva disposizione da parte dell’ AMAT di rientrare in rimessa. Purtroppo l’autobus, avendo circa 20 anni di servizio, è sprovvisto di telecamere. Qualche anno fa l’ amat fece istallare all’interno di questi autobus dei monitor che inquadrano lo spazio delle bussole e che per sfortuna non registrano ciò che accade all’interno. La vettura, 1509 , adesso è stata riparata e continua a circolare.


Lascia un Commento