17 gen 2013

Viadotto Cannatello: spuntano le strisce gialle di inizio cantiere


Vi avevamo preannunciato l’inizio dei lavori in questo articolo.

Grazie a N. Calò che ci ha inviato questa immagine, possiamo finalmente presagire l’imminente apertura del cantiere. La foto è stata scattata lo scorso venerdì lungo l’autostrada A19 Palermo-Catania (dir. Palermo).

20130111141509

 

Con molta probabilità, la doppia linea continua centrale consentirà il doppio senso di marcia nella carreggiata direzione Palermo, permettendo così la chiusura del viadotto direzione Catania, oggetto dei lavori.

Attendiamo quindi la reale chiusura. Vi aggiorneremo anche su eventuali disagi alla circolazione.


austostrada pa-ctviadotto cannatello

4 commenti per “Viadotto Cannatello: spuntano le strisce gialle di inizio cantiere
  • INGEGNERE92 42
    17 gen 2013 alle 7:50

    Il termine dei lavori non necessariamente significa che l’opera sarà fruibile in poco tempo: prova ne è a Palermo il secondo cavalcavia pedonale sulla circonvallazione, di cui si sono perse le notizie di messa in servizio. Infatti l’apertura dell’importante attraversamento era data per imminente l’anno scorso 2012, già nel mese di giugno.

  • cirasadesigner 1021
    17 gen 2013 alle 8:46

    Il fatto che stiano predisponendo le linee gialle di cantiere il che lascia presagire che il viadotto lato Catania verrà chiuso per lavori, non da alcuna garanzia sui tempi, non vorrei che dopo decenni di ponte delimitato da dissuasori bianchi e rossi, si passi ad altri decenni di cantiere. Prendo spunto dal cantiere piccolo, un ponte di 500metri circa che ci sta dopo lo svincolo di Alcamo, aperto nel 2009 è ancora li, o meglio sono li le restrizioni, i limiti, le macerie, sono gli operai e i mezzi che mancano, saranno stati rapiti da qualche astronave aliena….

  • Metropolitano 3316
    17 gen 2013 alle 17:59

    @INGEGNERE92
    Ricorda che il gestore della tangenziale è sempre il Comune di Palermo e non l’ANAS purtroppo, e dipende tutto da lui se rimuovere il semaforo pedonale e attivare il secondo cavalcavia in modo da ridurre i problemi di percorribilità del Viale regione. Ormai conosciamo i ben altri interessi del Comune, sennò a quest’ora noi avremmo già assistito all’apertura del ponte pedonale e allo spegnimento di almeno 1 semaforo pedonale.
    Per il viadotto della A19 poi si vedrà, ma resta il fatto che ancora questi lavori devono partire.

  • INGEGNERE92 42
    18 gen 2013 alle 12:52

    Ovviamente che la gestione si diversa è noto. Ho voluto riaccendere i riflettori su un’opera pronta, ma non utilizzata che comporta gravi costi sociali in termini di tempi di percorrenza, carburante, inquinamento e sicurezza per i pedoni. D’altra parte sul web non si trova nessuna informazione sui suoi tempi di apertura ne delle cause che la ostacolano.
    Mi chiedevo se un’azione cittadina sullo stile di quelle perpetrate per richiamare l’attenzione su importanti aree verdi della città, non siano auspicabili.


Lascia un Commento