06 dic 2012

In Botswana le strade sono migliori che a Palermo!


Facendo un giro su street view, non ho potuto fare a meno di notare come in Botswana le strade siano più pulite di quelle di Palermo, e asfaltate decisamente meglio! Proponiamo al Comune di Palermo di mandare i “nostri” in trasferta a Francistown, così che finalmente possano imparare il mestiere!

Visualizzazione ingrandita della mappa


botswanacomune di palermodegradoincuriamobilita palermoStrade

17 commenti per “In Botswana le strade sono migliori che a Palermo!
  • Otto Mohr 47
    06 dic 2012 alle 17:53

    A proposito di pavimentazioni stradali, proprio domani ho un esame che parla proprio di queste belle cose. :)
    Comunque, rapidamente, da esperto dell’argomento posso affermare che a Palermo il problema della rapide degradazione delle pavimentazioni stradali è da addebitare principalmente a monte, ovvero in fase di preparazione dell’asfalto in fabbrica.
    A mio parere, viene usata una quantità eccessiva di bitume e grani di dimensioni eccessivamente piccoli….cosa che, d’altronde, potrebbe anche intuire chiunque osservando quelle chiazze scivolose che si creano sulla superficie dopo pochi mesi di esercizio.

  • Kowalski 39
    06 dic 2012 alle 18:26

    A parte l’evidente pulizia delle strade e l’apparente quiete dei viali alberati, quello che più mi salta all’occhio è l’assenza di palazzoni a favore di costruzioni, al massimo, due piani.

  • xemet 427
    06 dic 2012 alle 18:51

    Purtroppo il 99% delle citta’ del mondo sono amate piu’ di Palermo e dunque meglio tenute…

  • Athon 827
    06 dic 2012 alle 20:02

    …E questo consente di ribadire che, almeno nel centro storico, l’asfalto, grigio e triste, andrebbe del tutto sostituito con belle pavimentazioni in pietra.

    Inoltre ormai sono anni che sogno di veder tornare l’Ottagono del Sole all’originaria funzione di piazza, magari arricchita di una pavimentazione in marmo o un bel mosaico circolare simile, per intenderci, a quello famoso di Joan Miró sulla Rambla di Barcellona. E’ chiaro che occorrerebbe prima pedonalizzare.

  • mediomen 1136
    06 dic 2012 alle 20:05

    @Otto Mohr, a Palermo gli impianti per asfalti sono pochi e quasi tutti in regime di amministrazione controllata, sara per questo?

  • Luca S. 129
    06 dic 2012 alle 20:09

    Anche a
    -> Siem Reap, Cambogia
    -> Nuova Delhi, India
    -> Jakarta (in media), Indonesia

    Ma tanto nessuno protesta, ci lamentiamo, lo segnaliamo, ma ancora i responsabili del disastro della nostra terra si godono i soldi nelle loro ville abusive e nelle loro case di vacanza all’estero…

  • thesearcher 163
    06 dic 2012 alle 21:17

    Avevo riportato anch’io questo tema ma sembra che a Palermo tutto cambia proprio per rimanere lo stesso.
    http://www.mobilitapalermo.org/mobpa/2011/02/12/lasfalto-delle-strade-in-realta-ha-un-suo-regolamento/

    Sarà perchè non ci sono fondi, volontà politica o ancora, penso io, che non vi sia mai stata nessuna accortezza da parte delle amministrazioni, e includo l’attuale, e dei singoli nel chiedersi perchè l’asfalto a Palermo faccia così pietà.
    E’ da tutta la vita che vedo le strade come specchi durante le pioggie, con buche, terriccio, rattoppamenti fatti alla buona, e molte altre vergogne…
    E’ proprio un problema culturale e di competenza di coloro che sono addetti al lavoro e che dovrebbero sollevare la questione e renderla punto di partenza da non continuare a rendere questa città una città NON normale, con standard NON europei.
    Non parliamo anche dell’incapacità della PA di controllare a monte le forniture, perchè, prima ancora di essere un problema di qualità del materiale, è proprio l’assenza del chiedersi se ci sia un controllo o meno. Non mi sorprenderei se venissero fuori casi di corruzione e stiamo parlando di corruzione e comportamenti collusivi perpetrati da decenni.
    In pratica, basta guardare la qualità dell’asfalto per rendersi conto di quanto questa bellissima città sia condannata a essere una fognatura a cielo aperto, socialmente e dal punto di vista infrastrutturale.
    E io mi sto seriamente rompendo di tutto questo schifo…non c’è una cosa che funzioni seriamente ed efficientemente.

  • Orazio 715
    06 dic 2012 alle 21:59

    Quanto a livello generale, e sempre restando in Africa, pure in tutte le città di Tunisia tutte le strade sono migliori di quelle palermitane (e tutte le città più pulite), almeno ai tempi di Ben Alì, ora con la presunta democrazia non so.
    Lo stesso vale per l’Egitto, almeno fino ai tempi di Mubarak. Per non parlare di Capo Verde, dove per aria non vola nemmeno una mosca o una zanzara, tanto è pulita. In Botswana non sono mai stato però, ma mi fido.

  • PalermitanoDocc 1
    06 dic 2012 alle 22:38

    @Otto Mohr, ma sei veramente sicuro di quello che hai scritto? Non mi sembra che tu sia così esperto. Da un punto di vista scientifico e didattico le tue affermazioni sono prive di fondamento. Credo piuttosto che il vero problema sia nella corretta stesa del bitume e dei trattamenti degli strati che vanno a comporre il rilevato, più che sulla scelta del materiale.

  • Otto Mohr 47
    06 dic 2012 alle 23:16

    @PalermitanoDocc
    Certo che le mie affermazioni hanno un fondamento didattico e scientifico, altrimenti sicuramente non le avrei fatte. Comunque, senza entrare a fondo nell’argomento dato che questo non mi sembra il luogo più adatto, posso affermare che la posa in opera (stesa e compattazione) sia eseguita in modo corretto. Non toglie alcun dubbio il fatto che molto spesso (quasi sempre) l’asfalto precedente non viene sufficientemente scarificato, per cui il livello stradale risultante risulti più alto di quello precedente, ma le operazioni di stesa e costipamento eseguite sono quelle eseguite realmente. (trasporto–> vibrofinitrice per la stesa —> rullo liscio per il costipamento).
    Diversa la situazione della miscela che, ripeto a mio parere, è troppo ricca di bitume e con aggregati di dimensioni troppe piccole.
    Per confronto, basti guardare la differenza fra la pavimentazioni ad oggi presenti in città e quella nuova di via Libertà…a mio parere ben realizzata.

  • thesearcher 163
    07 dic 2012 alle 8:57

    @Otto Mohr

    Concordo. L’aggregato o ghiaia è troppo piccola e la stesura del nuovo manto si va ad aggiungere su quello precedente perchè nonostante si dovrebbero scarificare almeno 3cm, il più delle volte non si va oltre 1cm.

    Domanda: ma perchè pensi che via Libertà abbia una pavimentazione di qualità superiore? In base a quale evidenza? Dici che abbia un aggregato di dimensioni superiori rispetto al normale?

  • phrantsvotsa 462
    07 dic 2012 alle 11:29

    @Orazio
    Sono stato a Praia…porca miseria che civilità, che ordine…se Palermo fosse sistemata almeno un decimo di questa meravigliosa città….

  • Roberto1 517
    07 dic 2012 alle 13:57

    Non penso che nel mondo esistano città nelle quali le città dei quartieri residenziali non vengano spazzate e ripulite per mesi. Forse in qualche periferia si, ma in centro e nei quartieri residenziali solo a Palermo.

  • Roberto1 517
    07 dic 2012 alle 14:59

    EDIT: Non penso che nel mondo esistano città nelle quali le strade dei quartieri residenziali non vengano spazzate e ripulite per mesi

  • gmc59 10
    15 dic 2012 alle 17:29

    Perchè, poi, andare così lontano. E’ sufficiente spostarsi nei paesi e nelle province della Sicilia sud-orientale (Ragusa, Siracusa, Noto, Modica, Augusta etc…etc…) per avere un’idea di pulizia urbana…


Lascia un Commento

Ultimi commenti