09 nov 2012

Proposta | Una Rivoluzione per Palermo: ritocchiamo le strade


Premettendo che il desiderio di chi scrive sarebbe una Palermo con un centro(non solo centro storico ma intendo un quadrilatero compreso tra viale regione,viale Lazio,Via Crispi e Corso Tukory) totalmente pedonale con una rete tramviaria e ciclabile capillare ed efficiente, oggi invece espongo una proposta più attuabile in una città come la nostra,dove l’arretratezza mentale e culturale la fa da padrone:

Ridurrei la larghezza di quasi tutte le strade della città (esclusi gli assi principali) così da permettere il passaggio di appena una macchina (per intenderci parlo di strade in cui le macchine camminano in fila indiana,cosa comune in molte città europee come Barcellona);in questo modo si otterrebbero 2 grandi migliorie per il nostro tessuto urbano:

(esempio della proposta: via Balbi – Genova)

1) Si eviterebbe il crearsi di doppie e triple file in strade che di corsie dovrebbero averne una sola,evitando così il crearsi di ingorghi; si ridurrebbe pertanto il traffico secondo me (e non solo per questo ma anche per il secondo punto)

2) Si potrebbero allargare i marciapiedi munendoli di piste ciclabili che consentirebbero un uso più agevole delle biciclette per uso lavorativo e non solo per farsi la cosiddetta “passiata” della domenica mattina;

inoltre agevoleremmo anche i pedoni, che nella nostra città vengono sempre penalizzati, incentivando la gente a camminare di più a piedi e la gente che cammina a piedi più probabilmente si ferma e fa acquisti (si aiuterebbero un po’ anche le attività commerciali cittadine).

Ovviamente a questo andrebbe integrato un sistema di Bike Sharing ben gestito che incentiverebbe ancor di più l’abbandono dell’automobile.

Penso che ci vorrebbero cifre discrete ma non astronomiche e che un provvedimento del genere potrebbe essere il preambolo di una rivoluzione culturale più completa (con zone pedonali ampie e uso della bicicletta capillare) alla quale i nostri concittadini non sono ad oggi ancora pronti.


bicicletteecologiamarciapiediPiste ciclabiliverdeZone pedonali

41 commenti per “Proposta | Una Rivoluzione per Palermo: ritocchiamo le strade

Comment navigation

  • Irexia 723
    13 nov 2012 alle 20:42

    A ora di fare marciapiedi e piste ciclabili io sono d’accordo! Via Ruggero Settimo, quello che dovrebbe essere il salotto buono della città, è invece il suo bagno di servizio: i marciapiedi sono microscopici e la pavimentazione (quando c’è) fa orrore, è frammentata e in vari colori, stili e materiali, insomma una vergogna. Si potrebbe cominciare da qui!

    @ Caudino e fabion 54, però mi permetto di fare notare che in Francia e Inghilterra i marciapiedi sono talmente bassi da essere rasenti all’asfalto, non alti mezzo metro! Stiamo parlando,vorrei sottolineare, di paesi dove piove molto più che da noi, eppure i negozi e gli ambienti al primo piano non si allagano perché le fogne funzionano! Sedie a rotelle, passeggini, anziani, persone con stampelle non hanno quindi alcun problema ad attraversare, e non devono aspettare, quando c’è, di trovare lo scivolo. Il problema di evitare alle macchine di posteggiare dove non devono, là, è risolto con i paletti che nessuno si sogna di tagliare o rompere (ah, che bella cosa la civiltà!)

    @phrantsvotsa
    Le foto dal Marocco sono meravigliose… Una domanda: si vedono molte palme, ma a punteruolo rosso come stanno messi?


Lascia un Commento