12 set 2012

L’Amia interviene ma tutto rimane accatastato nei marciapiedi


Riportiamo la segnalazione di D. Saia che, dopo aver contattato Amia per far spazzare via Ugo La Malfa da chilogrammi di pattume e fogliame vario, ha assistito ad un intervento a metà:

Avevo segnalato tramite il portale Epart.it la necessità di intervenire in via Ugo La Malfa per pulizia strade + marciapiedi.
Dopo un paio di giorni una Vs squadra è intervenuta ma sono passati 15 giorni e tutto resta accatastato nei bordi dei marciapiedi.
Come mai chi effettua la pulizia non fa pure il conferimento sui mezzi?

Visto che l’Amia ci legge, invitiamo qualcuno dell’azienda a spiegarci meglio come funzionano le dinamiche di spazzamento stradale e di raccolta dei rifiuti.


amiarifiuti palermospazzamento stradalevia ugo la malfa

11 commenti per “L’Amia interviene ma tutto rimane accatastato nei marciapiedi
  • fabdel 989
    12 set 2012 alle 8:56

    ovunque fanno così, è una cosa vergognosa. e non avete idea di come sono conciati i marciapiedi della salita/discesa di mondello (v.le margherita di savoia). gli spazzini dell’amia sono addirittura peggio dei “lavoratori” gesip

  • turi77 110
    12 set 2012 alle 9:08

    ..e non ci vuole un genio per capire che con la pioggia tutto questo pattume andrà ad ostruire i tombini. Guarda caso via ugo la malfa diventa sempre un lago quando piove

  • Luca S. 129
    12 set 2012 alle 9:55

    Il ciglio dei marciapiedi di Palermo – a mio parere – non viene pulito da anni.
    Ho fatto un report fotografico recentemente, e ho notato proprio che in tutta la citta’, non solo periferie o via ugo la malfa, il confine tra marciapiede e strada e’ LURIDO.

    Che AMIA svuoti i cassonetti non vuol dire nulla.
    Talvolta ho visto degli operai in tenuta arancione spazzolare un poco, ma devo dire che il grosso era rimasto in loco. Quindi oserei dire che il servizio e’ inefficiente.
    Che poi manchi anche la macchina che pulische le strade e il ciglio delle stesse e’ ormai ben noto.
    Ricordo prima che verso le 6 del mattino se ne vedeva qualcuna.
    Ce ne vorrebbero una decina di queste macchine, per ripulire la cittta’. Due operai a raggruppare la sporcizia davanti, e la macchina a raccoglierla al passaggio. Funziona cosi’ in base a quello che vedo altrove.

  • peppones 1
    12 set 2012 alle 10:29

    Buongiorno,
    volevo unirmi alla segnalazione di Portacarbone per evidenziare anche che nel mese di luglio squadre di operai hanno pulito lo spartitraffico di Viale regione Siciliana dallo svincolo di via Belgio allo svincolo di via Oreto creando decine e decine di cumuli di rifiuti senza che nessuno, ad oggi, li abbia mai raccolti. Volevo inoltre segnalare che le corsie che costeggiano l’autostrada da Via Belgio fino a Tommaso Natale non vedono l’ombra di uno spazzino da almeno due anni. Sapete dirmi se “a munnizza” rientra tra le specie protette (come la macchia mediterranea) per la quale non può essere toccata?

  • Anton 2
    12 set 2012 alle 11:03

    Per tutto il periodo estivo nessuno “operatore” di AmiaEssemme ha mai spazzato i marciapiedi di via Ugo La Malfa (lavoro nella zona e quindi la conosco bene). Alcuni giorni ne è apparso uno e il risultato è quello mostrato nella foto. Tra l’altro i marciapiedi coperti da aghi di pino diventano estremamente scivolosi: diverse persone hanno rischiato di farsi veramente male!!

  • Kowalski 39
    12 set 2012 alle 12:24

    Vorrei segnalare, anche se di marciapiede non si tratta, che all’uscita per Mondello-Sferracavallo-Tommaso N. dall’autostrada direzione Trapani, sopra il ponte dello svincolo, ai lati della strada è cresciuta sterpaglia ormai a livelli vergognosi, con piante che invadono la carreggiata per almeno un metro e mezzo…

  • Roberto1 517
    12 set 2012 alle 13:50

    La spiegazione è semplice: AMIA Essemme spazza mentre AMIA Spa dovrebbe raccogliere i rifiuti accatastati (spesso posti in sacchi verdi). Ma siccome non c’è un minimo di organizzaziome e sincronizzazione, AMIA Spa non viene mai a sapere dei rifiuti accatastati da rimuovere. Questo è uno dei tanti disservizi legati al fatto di avere tante aziende di servizi e non una soltanto.

  • Micky 42
    13 set 2012 alle 7:47

    @CinoMedium, puoi illustrare meglio cos’è ePart e se effettivamente le segnalazioni vengono prese in carico e poi evase?
    Grazie, saluti.

  • CinoMedium 169
    13 set 2012 alle 9:20

    @Micky
    tramite il sito/portale http://www.epart.it l’utente inserisce la segnalazione, la quale viene presa in carico dall’URP del comune.
    Saranno poi loro, dopo le opportune valutazioni, ad approvare e trasmettere la segnalazione all’ufficio competente (AMIA, POLIZIA MUNICIPALE, AMG, ECC)
    Riguardo la mia esperienza personale più del 50% delle mie segnalazioni sono state risolte, ma ho dovuto verificare con i miei occhi perche dopo che l’attività viene eseguita la segnalazione non viene chiusa


Lascia un Commento