07 giu 2012

Vendere la frutta sulle strisce pedonali è una scelta strategica


Questa è la situazione di via dei Cantieri stamattina dopo il rifacimento delle strisce pedonali. Fino a quando dovrà durare questa situazione?

La mossa è geniale: calcolando che la segnaletica orizzontale a Palermo è attualmente inesistente, lo staff marketing di questo venditore ambulante ha pensato a questa location per due motivi:

in primis, un pedone palermitano che nota la presenza delle strisce pedonali appena rifatte, vista la novità, potrebbe decidere di utilizzarle prima che esse svaniscano nel grigiore dell’asfalto.

Di conseguenza, utilizzando le strisce, quello stesso pedone sarà costretto a “sbattere” sul venditore ambulante e possibilmente un kg. di ciliegie, che fa, non li compra?

Segnalate sempre e comunque al Comando dei vigili all’indirizzo segnalazioni@vig.comune.palermo.it


strade palermostrisce pedonali palermovenditori ambulantivia dei cantieri

19 commenti per “Vendere la frutta sulle strisce pedonali è una scelta strategica
  • grillo79 321
    07 giu 2012 alle 8:17

    l’analisi non fa una piega…ma se io incautamente inciampassi su una cassetta e finissi sulla frutta riportando lesioni varie – oltre le legnate dell’abusivo – credo che potrei far causa al comune?

  • xemet 427
    07 giu 2012 alle 8:26

    ricordo inoltre che c’è un servizio, che creo che il comune paghi per noi, di segnalazione web sul sito http://www.epart.it tutti lo possono usare gratuitamente, basta fare la segnalazione e il tutto viene inviato prima all’URP del comune e poi da questo alle autorità competenti e si viene aggiornati su tutti gli stati della segnalazione.
    Sorprendentemente vedo che sono comuneu troppo poche le segnalazioni dal comune di Palermo…

  • Roberto1 517
    07 giu 2012 alle 8:29

    Proprio questa mattina il fruttivendolo in questione, dopo anni di attività, è stato multato, sequestro della merce e della moto Ape. Dopo aver letto quest’articolo capisco il perchè.

  • mars 76 0
    07 giu 2012 alle 8:33

    Come riferito da un ragazzo su un altro forum, Skyscrapercity, stamattina blitz delle forze dell’ordine che hanno fatto sloggiare il commerciante abusivo sequestrando la merce.

    E segnalo pure che la pescheria abusiva in mezzo alla strada in via Lascaris, dopo due sequestri, ha finalmente deciso di trasferirsi in un locale adeguato dentro un palazzo.

  • The.Byfolk 43
    07 giu 2012 alle 8:39

    MA ALLORA QUALCUNO AL COMANDO CI LEGGE?
    Probabilmente non lo sapremo mai..

    MOLTO INTERESSANTE http://WWW.EPART.IT Non lo conoscevo!
    Chissà se al Comune conoscono la password della mailbox in cui arrivano le segnalazioni.. o forse qualcuno dice ‘nkia ra camurria tuttu stu spam!!

    AVETE NOTATO LA STRISCIA A DX SBIADITA?
    Ma perchè non si premurano di segnalare il divieto di sosta con rimozione? Anche la pulizia con le auto-pulitrici viene effettuata così, oppure a slalom tra un posto pieno ed uno vuoto

  • Fulippo1 1343
    07 giu 2012 alle 8:47

    @The.Byfolk
    Segnalare la rimozione forzata della auto sulle striscie in modo tale da farle correttamente???????
    Ma scherzi? si tratta di un ora di lavoro in più per loro…
    Che vuoi mettere il tempo di chiamare il carro attrezzi attendere e poi fare lastriscia al posto di ” amunnini o’ bar”?????

  • cirasadesigner 1010
    07 giu 2012 alle 9:21

    Ragazzi, ho davvero l’impressione che il sito funga da pungolo e ci sia qualcuno attento ai nostri commenti, del resto le interviste pre-elettorali, vi hanno fatto conoscere al grande pubblico e agli addetti ai lavori, Sindaco su tutti….Mi spiace non potervi aiutare direttamente essendo a Bruxelles, ma posso sempre essere utile comunicando idee che si vedono in giro… Chissa’ se anche quelle verranno ascoltate

  • xemet 427
    07 giu 2012 alle 9:55

    @The.Byfolk

    il sito funziona, invia le email a URP (e a chi fa la segnalazione in copia) e poi l’URP le smista agli organi di competenza a seconda il tipo di segnalazione. Quest’ultima operazione è fatta sicuramente da qualcuno in carne ed ossa perchè non può essere automatica in quanto io ho fatto numerose segnalazione e sono state smistate tutte in modo diverso tenendo conto del tipo di segnalazione.

    Strano invece che il sito sia disponibile, il che significa (credo) che il comune ha sottoscritto un abbonamento per permettere ai cittadini di utilizzarlo, ma non sia stato mai pubblicizzato. Credo che Mobilita Palermo dovrebbe fare un articolo su questo servizio e invogliare tutti gli utenti a utilizzarlo sempre. Spesso leggo segnalazioni di problemi fatte in commenti o nello spazio laterale…forse sarebbe più utile farle su quel sito.

  • xemet 427
    07 giu 2012 alle 10:03

    @The.Byfolk

    le autopulitrici non le vedo in città da 10 anni se non ogni tanto qualcuna che passeggia (senza pulire nulla) in via Libertà…ma tipo una volta ogni 6 mesi.

    La striscia sbiadita è perchè al momento della pittura (come spesso accade) ci sarà stata un’auto parcheggiata sopra…quindi non l’hanno dipinta…semplice e geniale.

  • xemet 427
    07 giu 2012 alle 10:04

    Ah…ricordo oltretutto che non c’è alcun bisogno di segnalare la rimozione forzata delle auto sulle strisce. Questa dovrebbe avvenire sempre in modo automatico senza alcuna segnalazione…

  • The.Byfolk 43
    07 giu 2012 alle 10:42

    RAGAZZI FORSE NON MI SONO SPIEGATO BENE
    ..non mi aspetto la rimozione per l’infrazione del parcheggio sulle strisce, cosa che deve essere rilevata dai vigili.
    Io intendo dire che dovrebbero installare cartelli integrativi di sosta vietata per il giorno X con orario di inizio e fine per ogni motivo che lo necessiti, in modo da non doversi trovare impossibilitati a svolgere un degno servizio.
    E’ chiaro ovviamente che in presenza dei suddetti cartelli, le auto che restassero parcheggiate andrebbero rimosse senza scrupoli.

  • The.Byfolk 43
    07 giu 2012 alle 10:50

    Quella che ha intralciato il rifacimento delle strisce andava rimossa comunque!!
    Ma questa è anche pistola fumante del misfatto!!
    Perchè il comune non procede contro chi ha lasciato il lavoro a metà?
    Perchè non è stato fatto ciò che era necessario per completare il lavoro, in maniera da non dover rimandare una seconda squadra a finire quanto lasciato a metà?

    Il responsabile di questo lavoro e quindi dell’omissione compiuta ha la responsabilità del danno economico procurato alle nostre casse comunali quantificabile nel costo di un nuovo intervento integrativo

  • capricorno 60
    08 giu 2012 alle 7:52

    Non è così. Mi sono informato direttamente con il responsabile della segnaletica amat (molto disponibile)… gli interventi sono contabilizzati a cottimo non ad intervento, cioè ogni passaggio pedonale costa all’amministrazione in egual modo anche se fatto a più riprese. Parlandoci ho capito che non è così semplice lavorare con la segnaletica mobile, anzi impossibile a Palermo. Intanto per il codice della strada se metti la segnaletica mobile devi attendere 48 ore prima che diventi valida, significherebbe pertanto, visto che amat fa una cinquantina di interventi a notte e per ogni passaggio ci vogliono 4 segnali, avere disponibili almeno 600 pali di segnaletica e squadre di persone che le mettono e le tolgono e allora sì che la segnaletica costerebbe il doppio (col doppio del personale). Non contando il fatto che siamo a Palermo, ossia in una città dove le regole sono solo teoriche, per cui i segnali mobili vengono spostati, girati, capovolti, rubati… per cui occorrerebbe risistemarli ancora prima che scatti la validità.
    E poi… ammesso che si utilizzi la segnaletica mobile, cosa può fare l’UNICA autogrù della rimozione prevista in servizio di notte (prevista da contratto di servizio)…
    non voglio difendere nessuno, ma secondo me con le risorse che il comune passa ad amat per la segnaletica, amat fa miracoli

  • Guly75 6
    08 giu 2012 alle 8:24

    Purtroppo ho potuto verificare personalmente che segnalare alle forze dell’ordine ha scarso risultato.
    Infatti per ben due volte ho assistito elevare due verbali, una volta dalla guardia di finanza con annesso sequestro di tutta la merce e la seconda volta dalla polizia municipale, la fruttivendolo di viale Strasburgo all’altezza dell’ ex Blockbuster.
    Risultato: il fruttivendolo è sempre lì tranquillo e sempre più grande ( infatti per chi non lo conoscesse stiamo parlando un mega abusivo) e sempre pieno di clienti ai quali naturalemte non si sogna nemmeno di rilasciare lo scontrino.

  • Fulippo1 1343
    08 giu 2012 alle 9:38

    Successo anche a P.za Europa, merce sequestrata verbale e il giorno dopo come se nulla fosse….

    Sarebbe bello far luce su questo genere di problematiche, parlando visto che è molto disponibile con il responsabile amat per la segnaletica.
    Capire cosa c’è che non funziona correttamente.
    Ma poi come è possibile che ci sia un solo automezzo per rimozione la notte?

  • The.Byfolk 43
    08 giu 2012 alle 11:01

    Ah..beh…Se stiamo parlando di Palermo… possiamo anche risparmiare di appaltarle le strisce con tutto quello che ne consegue…
    Ma che discorso è????

    Se ci stà il segnale a norma di legge il 95% che non vuole rogne toglie l’auto! Il resto deve essere prima multato e poi rimosso.

    Se faccio parte del 5% e nessuno mi punisce per le mie infrazioni continuerò sempre a commetterle, finchè non diventa economicamente svantaggioso, nel senso che non basta una multa da 70 euro all’anno, ma ci vuole una attività costante ed efficiente in tal senso.

    E’ necessario far tornare ad essere la multa non un evento sfortunato ma la conseguenza di un comportamento sbagliato!

  • capricorno 60
    08 giu 2012 alle 15:34

    mah… Sembra che tu viva ad Helsinki… a Palermo le percentuali sono invertite… 5% rispettano i segnali di sosta vietata, il 95% no… Sono d’accordo con te su tutto… Ma la realtà della nostra città è mooooolto lontana dalla idealità cui aspiriamo.


Lascia un Commento

Ultimi commenti