27 apr 2012

Approvato il Piano urbano generale del traffico di Palermo, monco!


In questi giorni la commissione urbanistica del comune di Palermo, dopo 13-14 anni, ha approvato il Piano urbano generale del traffico di Palermo. Da notizie che si possono reperire sulla rete, si apprende che il piano è stato approvato solo per il centro storico e che temporaneamente non avrà effetto sulle altre parti della città. In particolare viene dato risalto al fatto che vengono pedonalizzate molte piazze ed alcune strade della città che di fatto già lo sono come piazza San Domenico o le vie dei mercati storici.

Secondo me questo risultato non risponde affatto alle esigenze di una città come Palermo e della sua area metropolitana. È sicuramente un compromesso pre–elettorale per dire che è stato approvato il PUGT senza però di fatto fare nulla o quasi, una vicenda gattopardiana,

un modo per rimandare azioni semplici che porterebbero miglioramenti immediati a questa città. Mi preme evidenziare che nessuna notizia viene data sul fatto di istituire immediatamente il catasto incidenti per mettere in risalto le criticità della rete stradale per poi porvi rimedio. Nessuna notizia viene data sulle aree di interscambio dove lasciare la propria autovettura per poi utilizzare i mezzi pubblici, eppure vi sono ampi parcheggi inutilizzati sparsi per tutta la città tipo: viale Francia, Piazza Giotto, il Nuovo posteggio della Zisa vicino villa Eleonora il parcheggio di via Basile. Nessuna notizia viene data sulla gestione dei grandi mezzi che transitano dal porto, nè sulla relativa viabilità o sul miglioramento della circolazione stradale di quella parte della città che è stata di fatto tagliata in due da viale Regione siciliana dopo la chiusura di via Perpignano. Per gestire la rete stradale di Palermo non basta mettere autovelox fissi su viale Regione siciliana o istituire un servizio per il controllo della doppia fila con filmati fatti dalla Polizia Municipale, o istituire ZTL o soste blu a pagamento, bisogna prima ottimizzare e razionalizzare l’esistente.

Una considerazione: se il PUGT, nato zoppo, è da applicare al solo centro storico allora tutte le zona con sosta a pagamento al di fuori del centro storico sono tutte illegittime, perché non supportate del piano, e quindi è come se non esistessero. Immaginate cosa accadrebbe nella stagione estiva a Mondello senza la sosta tariffata ed a quanti ricorsi si espone il comune di Palermo pretendendo il pagamento della sosta delle auto fuori dal centro storico. Per concludere è giusto elencare gli artefici di questo “ grande risultato”: Sesta Commissione (Lavori pubblici, Urbanistica, Edilizia privata e residenziale, Edilizia scolastica, Edilizia pericolante): Sede: Via Ausonia 69 091.7401451 fax 091.7402624 – Presidente : Nadia Sapllitta; Vice Presidente: Di Maggio Giovanni; Componenti: Filoramo Rosario, Inzerillo Gerlando, Lombardo Giovanni, Pellegrino Maurizio, Tantillo Giulio.

Va precisato che il PGTU non è stato ancora approvato dal Consiglio Comunale, pertanto non è ancora vigente.


pgtu palermoPiano urbano generale del traffico di Palermoput palermo

8 commenti per “Approvato il Piano urbano generale del traffico di Palermo, monco!
  • monte_Pellegrino 597
    27 apr 2012 alle 17:03

    Aiutoo!! Stanno mettendo un ulteriore semaforo pedonale in via Ernesto Basile(si vede già il traliccio)! Se potete, chiamate uno psichiatra per impedire al pazzo che ha avuto una tale idea di continuare a fare del male alla città! Gà nella via Ernesto Basile ci sono già 5 semafori pedonali, l’ultimo dei quali messo di recente in corrispondenza dei capolinea degli autobus. La via è già ingorgata. Ricordo a tutti che più semafori = più ingorghi =più inquinamento con polveri sottili= più morti per cancro. Fermateli!

  • sandman 255
    27 apr 2012 alle 20:29

    un Piano Generale del Traffico Urbano deve essere approvato dal Consiglio Comunale per definirsi vigente ed avere effetti concreti ed essere vincolante. Dubito totalmente che venga approvato in Consiglio un PGTU per 1/10 del territorio comunale, non avrebbe alcun senso urbanistico di regolamentazione della mobilità visto che i veicoli non si muovono solo nel centro storico.

  • Metropolitano 3347
    28 apr 2012 alle 12:43

    L’importante è che non ce lo mettono sul viale Regione quel semaforo pedonale. Dovrebbero essere tutti quanti rimossi invece..

  • Fabion54 48852
    28 apr 2012 alle 13:03

    @monte_Pellegrino: Ricordo sempre che sono semafori a chiamata, che vengono quindi attivati solo se la gente ha effettivamente bisogno di attraversare la strada.

    Io direi che dovrebbero essere sdoppiati così come si è fatto per il semaforo di Via Perpignano, ma questi semaforo sono necessari a tutti gli studenti che hanno bisogno di attraversare via Ernesto Basile senza dover aspettare il primo conducente che non ha premura e che ti lascia attraversare.

  • Francy1000 44
    28 apr 2012 alle 13:47

    “nessuna notizia viene data sul fatto di istituire immediatamente il catasto incidenti ”

    http://www.comune.palermo.it/comune/uffici/direzione_generale/bilancio_sociale_2010.pdf alla pagina 411

    http://www.comune.palermo.it/polizia_municipale/piano_incidentalita_2010_palermo/relazione_piano_incidentalita.pdf

    O per avere un piano ancora più dettagliato

    http://www.comune.palermo.it/polizia_municipale/index_pm.htm alla voce “Piano Incidentalità 2010″

    Saluti.


Lascia un Commento