06 apr 2012

Tram linea-1, l’abusivismo in via Portella della Ginestra


Alcuni scatti dal cantiere Tram di via Portella della Ginestra, dove sono in corso i lavori per la piattaforma tranviaria lungil medesimo asse stradale. Ecco a voi l’anarchia applicata da parte di chi abusa del territorio, di chi occupa abusivamente lo spazio pubblico, di chi viola palesemente le regole  più basiliari in una città che fa parte della Comunità Europea, di chi sfregia il territorio ammettendo pure che  il tram crea solo disagio.
E i cari candidati politici della zona cosa ne pensano??

Foto by A.Gallo

 

 

E ancora altri scatti…notare la particolarità delle immagini: sono più le auto che le persone!
Foto by M.Marino. 


abusiviabusivismo palermosperonetram brancacciotram palermovia diaz palermovia portella della ginestravia sperone

10 commenti per “Tram linea-1, l’abusivismo in via Portella della Ginestra
  • griffild 327
    06 apr 2012 alle 11:40

    è una vergogna, poi la gente incivile ke posteggia d’avanti la bancarella nelle prime foto, rende praticamente, la strada già stretta ancora più corta,,,, vergogna… e la municipale che fa????????? vergognaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!

  • globo73 28
    06 apr 2012 alle 12:06

    situazione analoga per il cantiere del Tram sulla linea CEP – CALATAFIMI.
    In via Paladini è stato spostato il mercato del mercoledi affinchè non ostacolasse i lavori. Sapete com’ è finità?
    L’ area lasciata vuota dai commercianti regolari è stata occupata dai venditori abusivi, cosicchè tutto è come prima, anzi peggio.
    Abbiamo la polizia municipale più scarsa d’ Italia, sono buoni solo a fare i forti coi deboli.

  • chrispalermo 40
    06 apr 2012 alle 13:34

    Correggetemi se sbaglio, ma il fruttivendolo che vedo nelle prime foto mi sembra “il fratello” che adesso si è trasferito in via Pecori Giraldi dopo che la municipale gli ha sequestrato la merce una o due volte.

  • Freddie 1052
    06 apr 2012 alle 14:41

    ll problema è che questi venditori sono comunque dei cagnoli e nessuno ha il coraggio di dirgli niente…basterebbero 10 poliziotti inglesi per rastrellare palermo in poche settimane.

  • Incredibile 331
    06 apr 2012 alle 14:46

    chrispalermo ti sbagli, non è ” il fratello”. Infatti qualche mese fa loro erano all’incrocio tra la via padre puglisi e via Alagna, mentre gli altri venditori (come da foto) erano e sono all’angolo della via Bazzano. Poi i lavoro sono avanzati, e “il fratello” si è spostato. Confermo comunque l’arroganza di questi venditori che occupano il marciapiede a discapito dei pedoni…soprattutto di chi è col passeggino

  • rosario.a 0
    06 apr 2012 alle 15:48

    In prossimità del conca d’oro, i vigili multato e sequestrato la merce ai vari ambulanti della zona. Nonostante tutto, uno di loro è tornato al suo posto riducendo l’ingombro di suolo pubbico.

  • galloalessandro 33
    08 apr 2012 alle 8:34

    C’è un errore le prime foto non sono del signor Ciriminna, Comunque sono appena tornato da Roma per volontariato…Posso capire perche anche i classici “marocchini” nelle bancarelle danno lo scontrino e hanno tanto di apparecchietto per pagare tramite postepay?

  • galloalessandro 33
    08 apr 2012 alle 20:02

    Ma non c’era bisogno,l importante è che prendiamo coscenza di chi è la colpa se andiamo male come nazione al livello economico e che facciamo schifo al livello regionale,sogno una Palermo diversa…che quando morirò dovrò dire”finalmente quanto tempo ho dovuto aspettare!” Palermo all altezza di questo nome,una Palermo che non faccia scappare le persone con un minimo di cervelo da qui ma che attragga teste e non solo Turisti..Roma e lavorare li mi ha cambiato..mi sono chiesto “cosa possiamo fare di più per rendere Palermo un bel posto dove vivere?”

  • Riccardo Nuti 0
    08 apr 2012 alle 21:09

    Sulla tolleranza zero e sul rispetto del codice della strada ricordo, se non erro, di essermi espresso nell’ intervista fattami da mobilitapalermo a novembre-dicembre.
    In ogni caso sono sicuro di aver ribadito tale concetto in altre interviste rilasciate in questi mesi dove ho espresso il concetto chiaramente.
    Il comandante della polizia municipale va rimosso, il codice della strada va rispettato perché è il primo ed il più importante strumento per riuscire ad avere una mobilità sostenibile.

    Riccardo Nuti


Lascia un Commento

Ultimi commenti