04 feb 2012

Poi li dovremmo chiamare “mischini”?


Questo articolo è più che altro uno sfogo oltre che un fatto realmente accaduto.

Proprio ieri ero in auto su Viale Regione Siciliana, dir. TP, lungo la corsia centrale. Ad un’andatura di circa 60km/h e con la strada libera davanti me, improvvisamente vedo l’auto che mi precedeva frenare di botto proprio sotto il nuovo ponte pedonale.

Di botto freniamo tutti e per poco non ci scappa il tamponamento a catena. Motivo della frenata? Un “pazzo”, un signore sulla quarantina, distinto con tanto di ventiquattrore alla mano che attraversa tutte e quattro le corsie con tanto di faccia evidentemente dispiaciuta perchè stava rallentando il traffico.

Mentre attraversava tendeva la mano sinistra verso di noi come a dire “fermatevi, rallentate altrimenti mi investite!”.

Cioè, ma ci rendiamo conto? Cose da pazzi. Stava rischiando la sua vita proprio sotto l’ombra del tunnel del sovrappasso che è aperto da mesi e che è lì per evitare queste situazioni. Molte volte ci lamentiamo della mancanza di infrastrutture, ma siamo i primi noi a fare di testa nostra. Tra l’altro gente adulta che fa queste cose ti fa proprio riflettere sul fatto che mancano le basi del senso civico a TUTTI!!!

Poi ogni tanto uno accende la tv e sente di pedoni investiti dagli automobilisti e esclama “mischini!”.

Beh, in questo caso “mischino” un corno! Certuni se la cercano. E proprio in questo caso senza nessun attenuante.

Paolo Delfiore


incidentipedoniviale regione siciliana

Articolo precedente

22 commenti per “Poi li dovremmo chiamare “mischini”?

Comment navigation

  • Infogreg 6
    06 feb 2012 alle 17:59

    L’altro giorno mentre transitavo con la macchina per via Emerico Amari, tutta ad un tratto una persona esce correndo dal marciapiede e per fortuna non l’ho investito io e altre auto che come me transitavano.
    Questa persona nonostante fosse in difetto si mette e gridare “sono sulle strisce e vi dovete fermare”. Giusto ma lameno fatti vedere e non scendere senza guardare se arrivano auto. Mica siamo a Mosca dove passa una macchina ogni quarto d’ora.
    Oppure come quella signora che camminando in auto parlava al telefonoandando piano e a zig zag si è arrabiata perchè le auto dietro suonavano. E’ scesa gridando che se continuavamo a suonare con il clacson non le facevano sentire nulla.
    P.S.: c’erano i vigili che si misero a ridere dicendole “la smetta e vada avanti che blocca il traffico”.


Lascia un Commento