30 gen 2012

PFP Sferracavallo, la nuova deviata provvisoria


Aggiornamento fotografico dal cantiere del Passante Ferroviario a Sferracavallo. Ci troviamo lungo l’autostrada, in prossimità della prima galleria prima di Isola delle Femmine. In corso le operazioni per la messa in funzione della nuova deviata provvisoria. Anche qui successivamente si passerà a lavorare dal lato monte del cantiere.

Rinhraziamo Maurizio Firemi per gli scatti.

Visuale in direzione Tommaso Natale.


deviata provvisoriapassante ferroviario sferracavallopfp palermoSFERRACAVALLO

12 commenti per “PFP Sferracavallo, la nuova deviata provvisoria
  • tasman sea 20
    30 gen 2012 alle 7:03

    quella montagna sta perdendo colpi. andrebbe messa in sicurezza. hanno fatto una barriera per i massi, ma secondo me andrebbero ci piantati degli alberi, che frenino il dissesto.

  • Gr.685 8
    30 gen 2012 alle 14:18

    Ma siete sicuri che si tratta di una deviata provvisoria?
    Credo invece che si tratti del binario di raddoppio definitivo!

  • ultimo82 113
    30 gen 2012 alle 18:10

    Perchè si parla di deviata provvisoria? Il progetto non prevede che qui la linea sarà in suferficie?

    p.s. La deviata provvisoria ( o il definitivo binario lato mare) da ex e.m.s. la malfa a crocetta non è stata ancora attivata, ne è stata chiusa via minutilla. quindi non si è dato ancora seguito all’ordinanza

  • renfeit 1
    30 gen 2012 alle 19:41

    mah io ho fatto le foto, e parlando con l’ingegnere di Sis, mi ha detto che praticamente noi vedremo solo la testa del treno perchè a progetto completo, verrà interrato il tratto.. almeno cosi mi disse :D

  • huge 2211
    30 gen 2012 alle 22:08

    La deviata è necessariamente provvisoria giacché l’intero tratto da dopo Cardillo a poco oltre Tommaso Natale sarà interrato (escluso il breve tratto corrispondente alla stazione di T.N., la cui quota verrà comunque ribassata.

    Il tratto interrato terminerà alcune centinaia di metri dopo l’attuale PL di Sferracavallo. La fermata di Sferracavallo, che sorgerà nell’area della prima foto dov’è parcheggiato il furgone bianco, sarà in superficie.

    L’unico tratto che difatti definitivo è quello da Ex EMS a Cardillo, che sarà il futuro binario pari.

    L’attivazione della deviata sembra sia stata posticipata di due settimane, al 12 febbraio.

  • Gr.685 8
    30 gen 2012 alle 23:00

    Quindi il tratto in foto di Sferracavallo è anch’esso definitivo e non è una deviata.

  • Theone 40
    01 feb 2012 alle 13:22

    Ancora non capisco però il perché costruire un’intera linea ferrata che poi dovrà essere smantellata. Se è vero che tra Cardillo e T. Natale la linea verrà interrata, perché non fare subito la trincea invece di fare una linea provvisoria?

  • Gr.685 8
    01 feb 2012 alle 21:22

    Semplice, perchè non puoi scavare sotto il binario esistente. Sei costretto a fare la deviata in quanto devi realizzare la linea a due binari sullo stesso tracciato dove prima c’era la vecchia line ad un solo binario. E’ lo stesso procedimento quindi per la galleria artificiale solo che questa volta realizzi la deviata fuori il sedime dove verrà la linea in trincea. Una volta realizzata la deviata puoi smantellare il vecchio sedime e scavare la trincea per i due binari.

  • Theone 40
    01 feb 2012 alle 23:55

    @Gr.685: Ciao, grazie per la risposta ma ancora non mi è chiaro. Premetto che non ho le competenze per giudicare, cerco solo di capire perché si fanno certe cose. Invece di fare la linea provvisoria, non potevano cominciare direttamente a scavare la trincea e posizionare li il binario invece di costruire una linea allo stesso livello di quella vecchia? O forse la trincea si troverà più spostata rispetto all’attuale linea?

  • Gr.685 8
    02 feb 2012 alle 14:18

    @Theone:
    Occorre prima fare una premessa. La sede ferroviaria può essere ricondotta a tre tipologie: in rilevato se la sede si trova al di sopra del piano di campagna, in trincea se la sede è al disotto del piano di campagna e a mezza costa se la sede si trova in parte al di sopra e in parte al disotto del piano di campagna. Il tratto ferroviario fra Tommaso Natale e Sferracavallo ha attualmente una sede nel primo tratto da Tomaso Natale ai pressi del’autostrada in rilevato per poi diventare sostanzialmente a mezza costa lungo l’autostrada fino alle gallerie.
    Il tratto da Tommaso Natale all’autostrada verrà realizzato in galleria artificiale sotto l’attuale livello stradale. Per non interrompere l’esercizio ferroviario sostanzialmente si procederà in questo modo: si realizza dapprima una paratia verticale con micropali e una soletta in c.a. sulla quale verrà realizzata la deviata provvisoria. Attivata questa per mantenere sempre in esercizio la linea si smantella la vecchia linea e si realizza sempre con micropali la paratia verticale dall’altro lato della futura galleria artificiale e la relativa soletta che si collega a quella appena realizzata sotto la deviata. Si realizza così una galleria artificiale che dopo svuotata del terreno compreso fra le due paratie e la soletta diverrà la sede dei due binari pari e dispari. Attivati almeno uno di questi binari si smantella la deviata.
    Il tratto invece parallelo all’autostrada fino alle gallerie di Sferracavallo impropriamente classificato come tratto in trincea è in effetti un tratto a mezza costa presentando lato monte ad un livello superiore l’autostrada e dall’altro lato ad un livello più basso la circonvallazione di Sferracavallo. Questo tratto rimarrà alla stessa quota dopo il raddoppio come si vede chiaramente dalle foto pubblicate.
    La deviata a cui si fa riferimento nell’articolo che deve essere attivata è quella relativa al tratto che sarà in galleria artificiale da Tommaso natale all’autostrada e che suppongo prosegue per adesso nel tratto a mezza costa con il nuovo binario visibile in foto. Ecco il motivo per cui il nuovo binario delle foto impropriamente è chiamato deviata. Del resto non mi sembra probabile un abbassamento del piano del ferro nel tratto di Sferracavallo per realizzare una trincea. Nelle slide presentate al centro Mondadori non c’era alcun interramento e poi a poca di stanza ci sono le gallerie e il dislivello sarebbe eccessivo.

  • liberodipensare 3
    12 feb 2012 alle 23:33

    Ehi… finalmente oggi la “deviata” è stata attivata ho visto passare i primi treni sul nuovo tracciato…. speriamo continuino i lavori per avere presto le opere definitive…


Lascia un Commento