23 dic 2011

Linea 230 Amat dove regna l’inciviltà !


Riportiamo una triste testimonianza di un utente che conferma come, in casi come quello seguente, un mezzo pubblico diventa quasi un pericolo:

Dopo diversi anni che prendo il mezzo dell’ Amat che porta dalla periferia di Villaciambra alla stazione centrale ho deciso di non prenderlo più !

I maggiori frequentatori di questa linea sono gruppi di ragazzi incivili che oltre a fumare sigarette sul mezzo liberamente, tengono telefonini con musica napoletana a massimo volume, usano frasi di una volgarità inaudita non curanti della presenza di donne, anziani e bambini e fanno tutto quello che rientra nella cerchia dell’ inciviltà assoluta.

E guai a dire loro qualcosa; infatti chi si lamenta viene minacciato da questi delinquenti. Gli autisti subiscono a loro volta, come fossero assoggettati a questo clima di terrore imposto, nonostante ultimamente sono stati affissi nei mezzi dei cartelli che richiamano a delle precise norme di comportamento.

Allora visto che ho notato che nel tempo la situazione è in crescita esponenziale ho deciso purtroppo con tutte le conseguenze che per me comportano di non avvalermi più di questo comodo e utile mezzo.
Sono certo che una situazione simile sarà presente anche su altre linee Amat periferiche, ma fino a quando le forze dell’ordine non prenderanno seri provvedimenti a tutela del personale dell’ Amat e degli utenti contro questi atti di “ spavalda inciviltà “ , non resta che abbandonare l’uso del servizio pubblico.


amatsicurezza autobusvilla ciambra

25 commenti per “Linea 230 Amat dove regna l’inciviltà !

Comment navigation

  • pacos87 21
    26 dic 2011 alle 11:38

    purtroppo quello che accade sulla 230 non può essere paragonado a tutto quello che accade sulle linee 250 (sperone) linea 226 (pomara passa dalla località roccella dove purtroppo salgono molti incivili. anche qui capita che mentre il mezzo è in corcolazione oltre le parolacce oltre fumare davanti ha persone anziane e bambini aprono le porte con le leve di emergenza del mezzo scendono mentre il bus è in movimento,le canzoni napoletane tascie e quasi sempre le vetture della 226 (vecchissime che l’altra volta pioveva all’interno una cosa vergognosa) si gustano oltre al fatto che dovrebbero ritirarle queste vetture ci mettono anche gli incivili che fanno casino è guastano i mezzi ed quasi sempre dobbiamo scendere dai bus perchè gli autisti sospendono la corsa o per volontà o perchè il mezzo è guasto è ci rimettono sempre i cittadini civili ed educati “quel poco che siamo”. L’amat dovrebbe prendere misure pesanti sulle linee 212 chè li l’inciviltà non ha limiti è se fosse per me la sospenderei la linea ma comunque oltre la 212 le linee 250 220 226 230 231,501 540 513 per citarne quacuna, perchè ogni giorno che passa l’inciviltà di questi porci continua senza che nessuno prenda provvedimenti. queste linee sono diventante un inferno è persone come noi che li prendono ogni giorno devono subire tutto questo. l’amat è il comune si devono dare una smossa perchè quello che succede è vergognoso ogni giorno che passa! gli autisi quando si vedono in difficoltà è vedono che le norne comportamentali non vengono applicati devono chiamare le forze dell’ordine invece di non far nulla. dico anche che è vero che molti linee come la 250 221 ecc camminano a passo d’uomo come ultimamente che un’autista della 250 ha impiegato 2 ore per fare una corsa dalla stazione allo sperone è viceversa ecco perchè molte corse saltano su questa linea. collegandomi al discorso di “Gallo Alessandro” gli dico che non tutte provengono da pomara infatti e il solo 226 che scende da pomara. la 211 proviene da “crove verde-giardina” la 250 dallo “sperone” e 231 dalla “zona industriale Branacaccio e Sperone è con lo stesso utente sono pienamente d’accordo che l’inciviltà arriva al suo massimo sopratutto sulle linee 226. 231 212.

  • p.Governatore 0
    26 dic 2011 alle 16:53

    Mi piange il cuore pensando che i tram della linea 1 percorreranno proprio queste zone, e immagino cosa succedera’ su tali convogli nei quali il conducente sta in una cabina isolata,mentre tutto lo spazio passeggeri e’ a disposizione di ogni sorta di mascalzone che potra’ liberamente fumare, sputare, suonare la cosi’ detta musica ad altissimo volume,insultare gli anziani e fare ogni genere di volgarita’. Poi non mancheranno di imbrattare tutto con le solite bombolette ,tagliare i sedili, rompere vetri ,lasciare immondizia sul mezzoe chi lo sa, potranno pure drogarsi e lasciare per terra le siringhe…….se il tram sara’ questo e’ meglio che non entri mai in servizio………..

  • p.Governatore 0
    26 dic 2011 alle 16:57

    Oggi intanto ho viaggiato su uno dei nuovi miniautobus : sono davvero un gioiellino: monitor con immagini della citta’,indicazione percorso della linea,annuncio prossima fermata e conferma all’arrivo alla fermata,sottofondo musicale gradevole e rilassante,massima pulizia……….sembrava di essere a MILANO…………speriamo che i nuovi mezzi vengano mantenuti cosi’ belli……………

  • incazzato84 6
    27 dic 2011 alle 15:38

    Purtroppo il discorso è sempre lo stesso. Amat gestisce un servizio pubblico, finanziato da noi, con a capo uno staff politico che se ne può tranquillamente (scusate il termine) strafottere perchè tanto lo stipendio loro l’avranno sempre, paghiamo noi! Se fosse gestita in maniera lucrosa e privata sarebbe mooolto meglio, non che privato sia meglio di pubblico, ma qui funziona così, il pubblico non è di nessuno, e chi può fottere fotte… se fosse in mano ad una compagnia privata avremmo tutto, i gabbiotti per i conducenti, i tastini di emergenza, e sopratutto tessera di pagamento sul modello inglese. I controllori sono superati!


Lascia un Commento