05 dic 2011

PFP Fermata Policlinico-Vespri, ultimi ritocchi


Ultime rifiniture alla futura fermata Policlinico-Vespri. Da notare il piastrellamento delle pareti e la pensilina per le luci lungo la banchina d’attesa.

Ringraziamo Riccardo&Laura per gli scatti

Accesso ascensore in superficie. Siamo presso l’ex p.l. Vespri.

Condutture servizi, impanto elettrico e antincendio in fase di installazione lungo la banchina che verrà attivata a fine mese.

Particolare delle pareti.

Visuale in direzione Orleans

Particolare del percorso per non vedenti.

Particolare ingresso ascensore.

Pensilina/soffitto lungo la banchina d’attesa, proprio come quelle presenti a Orleans.

Visuale in direzione Guadagna.

Controsoffitto terminato, dove troveranno installazione aeratori e luci.


fermata policlinicofermata policlinico Vesprifermata vesprimetro palermopassante ferroviario

Articolo successivo

15 commenti per “PFP Fermata Policlinico-Vespri, ultimi ritocchi
  • piero82 503
    05 dic 2011 alle 13:33

    Guardando le immagini Nemmeno sembra di stare a Palermo,ottimo lavoro! passante ferroviario & tram renderanno sicuramente più vivibile la città.

  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    05 dic 2011 alle 14:09

    piero82, è semplicemente una fermata interrata, costruita nuova. Allora se uno guarda qualunque cosa nuova in città, “Non sembra di stare a Palermo”.

  • rujari81 224
    05 dic 2011 alle 14:42

    @Vendetta
    Sono d’accordo con te per quanto riguarda il poco colore e la poca fantasia nello stile della fermata vespri,però c’è da considerare che il passante è gestito da RFI e quindi le fermate avranno il classico colore delle ferrovie.Semmai sarebbe auspicabile che quegli esempi da te postati siano realizzati un giorno nelle fermate della metroleggera (se un giorno ci faranno sta grazia).

  • cirasadesigner 1013
    05 dic 2011 alle 14:56

    sono daccordissimo con “Vendetta”, perche dobbiamo pensare che il bello non esista, perche non immaginare che se ci circondassimo del bello staremmo meglio tutti quanti e sopratutto non saremmo vittime di atti di vandalismo.
    Anche se è vero ci sta RFI dietro queste stazioni, si poteva fare di più e spero che anche in futuro si possa fare meglio, le immagini mi ricordano la vecchia stazione Orleans che negli ultimi mes,i prima che venisse chiusa per i lavori di adeguamento del passante, non versava di certo in condizioni decenti, per non dire che era davvero molto brutta.
    Molto belle le foto messe in evidenza e ti posso dire che ti questi esempi ce ne sono a migliaia, speriamo che i vandali non le imbruttiscano ancora di più… ma temo che….

  • Faber 109
    05 dic 2011 alle 19:21

    scusate l’OT, non c’è molto da commentare su queste foto-reportage ; ) foto ben fatte di un infinito cantiere che tutti noi speriamo diventi attivo in tempi brevi.
    la terza e quarta foto linkata da vendetta sono stupende!! quella in rosso è un sogno, forse troppo cupa e tenebrosa per alcuni ma è davvero bella, dubai? e l’ultima di dove è??

  • wpalermo 14
    05 dic 2011 alle 20:02

    @Athon
    Penso proprio che il PFP sarà la nostra Metro, per molto tempo ! :)
    Quindi speriamo lo facciano bene, e mettano dei convogli stile metro, e che passino max ogni 10 minuti!
    p,s, Ma notizie della stazione Francia !?
    Oggi ci sono passato, è veramente in condizioni pietose. Pensilina con vetri rotti e niente altro ….
    Ciao.

  • giosafat 306
    05 dic 2011 alle 20:06

    Una idea carina a basso costo può per esempio pensare di organizzare un progetto scuola-mobilità, invitando i licei artistici e le scuole d’arte a dipingere le pareti della banchine di una stazione con rappresentazioni della città, stagioni, di vari stili, colori, ecc…
    Un po’ come il piccolo murales che c’è alla stazione di Cefalù. Ma anche quello (all’ingresso) di Orleans

    In ogni caso, il rispettabilissimo “stile bagno” di Orleans e ora anche di Vespri, non è così male. E in teoria la realizzazione in mattonelle consentirebbe una pulizia con idropulitrice rapida e accurata (e in origine, credo a Londra, le mattonelle sono state scelte proprio per questo). Ma parlare dell’efficienza della manutenzione ordinaria italiana, siciliana, palermitana è un altro affare…

  • piero82 503
    07 dic 2011 alle 19:26

    vendetta@
    non gioisco per una semplice fermata interrata..o per qualsiasi opera nuova in città, ma semplicemente per un cambiamento che porta palermo a livello di altre città.
    e dato che non abbiamo sta fortuna di vedere spesso cantieri in città,esprimo un giudizio positivo..c’è da piangere abbastaza guardando i problemi della città, ogni tanto fa bene sorridere.
    semmai non capisco il tuo commento riguardo ai colori della fermata, volevi le pareti dipinte a mano da qualche pittore famoso? gli stessi colori li trovi nella fermata metropolitana GRANVIA-MADRID!

  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    07 dic 2011 alle 20:25

    Tutto quello che vuoi, anche a new york ci sono fermate tristi e lugubre, ma a NY come alla tua citata Madrid le linee risalgono minimo a 30 anni fa; e si sa che se una cosa funziona bene per come è, è più difficile spendere soldi per renderla più bella. Qui, essendo il progetto nuovo di zecca, si poteva fare qualcosa che appagasse anche la vista, che non significa dipingere le pareti a fantasia ma, come nei miei 2 esempi più belli, è molto di più.
    Se uno fa un paragone, è meglio farlo con qualcosa di bello piuttosto che di brutto.


Lascia un Commento