19 nov 2011

Cambio nome per alcune fermate del Passante Ferroviario?


Alcune proposte inoltrate a Rfi sul cambio nome di un paio di nuove fermate del Passante Ferrovario, cominciano a trovare riscontro. Si tratta della fermata Brancaccio Residenziale che potrebbe essere intitolata a Padre Pino Puglisi, e la futura fermata Tribunale-Imera che darebbe spazio a Papireto

 

La futura fermata Papireto?

L’attuale fermata Brancaccio Residenziale che darebbe spazio a Padre Puglisi.

 


fermata brancaccio residenzialefermata padre puglisifermata papiretopassante ferroviariotoponimi palermovia papireto

36 commenti per “Cambio nome per alcune fermate del Passante Ferroviario?

Comment navigation

  • gkm 94
    19 nov 2011 alle 18:05

    Quoto totalmente i due interventi di Huge: le fermate della metro devono seguire un criterio di praticità, e non c’è proprio nulla di male o brutto o negativo che l’aeroporto si chiami Falcone e Borsellino – per curiosità l’aeroporto JFK a voi cosa vi ricorda?

    Aggiungo inoltre che l’uso continuo dei nomi delle vittime della mafia (SANTI LAICI a tutti gli effetti) è un modo squallido per i politici di lavarsi le mani, mentre in pratica non fanno nulla contro di essa, e contemporaneamente banalizzano tristemente tali nomi.

  • AlbertoDaidone 178
    19 nov 2011 alle 19:27

    Spero che questo criterio si usi anche in futuro.
    E’ assurdo chiamare la fermata in Aquileia “Lazio”, ad esempio come quella in prossimità di via De Gasperi “Belgio”.

  • Luca 129
    19 nov 2011 alle 20:05

    @huge
    Libero di pensarla come vuoi, e concordo con te sul fatto di essere orgoglioso di essere concittadino di Falcone e Borsellino, cosi’ come di altre ,igliaia di persone famose per altri fatti.
    Per il resto, ridicolo sarai tu, soprattutto per il tuo modo di esprimerti.
    Concludo: vivendo all’estero mi capita spesso di aver chiesto perche’ il nostro aeroporto e’ dedicato a vitrime della mafia, segno evidente del legame stretto tra la nostra citta’ e il suo triste passato…

  • Luca 129
    19 nov 2011 alle 20:07

    @huge
    Libero di pensarla come vuoi, e concordo con te sul fatto di essere orgoglioso di essere concittadino di Falcone e Borsellino, cosi’ come di altre ,igliaia di persone famose per altri fatti.
    Per il resto, ridicolo sarai tu, soprattutto per la tua mancanza di rispetto verso il pensiero altrui. Ognuno la pensi come vuole, se poi non sei d’accordo, limitati al tuo parere.
    Concludo: vivendo all’estero mi capita spesso di aver chiesto perche’ il nostro aeroporto e’ dedicato a vittime della mafia, segno evidente del legame stretto tra la nostra citta’ e il suo triste passato…

  • riccardo e laura 0
    20 nov 2011 alle 1:34

    Sinceramente sono in totale disaccordo nel cambiare il nome delle 2 fermate.Per me le fermate devono prendere il nome della zona,nn di un fiume che passa vicino(naturalmente pensiero personale) ;)

  • marcone83 94
    20 nov 2011 alle 11:52

    ma non ha senso!!!! Papireto può starci, ma padre puglisi no!!! che zona è? è nuova? no meglio i nomi geografici o che riprendono una caratteristica della zona

  • Paco 7942
    20 nov 2011 alle 14:41

    PAPIRETO: assolutamente d’accordo, quella zona è l’alveo del Papireto. Quella zona si chiama così da migliaia di anni, non ha senso cambiare nome. Tra l’altro il tribunale è assolutamente lontano.

    BRANCACCIO; scelta sbagliata, sarebbe stato più opportuno chiamaral Brancaccio-Mille per identificare la zona.

  • gianca 3
    20 nov 2011 alle 14:50

    le varie esperienze di metropolitane in italia e nel mondo mi indicano che è uso dare il nome delle fermate a via o piazze adiacenti alle fermate, in alcune città al massimo indicano tra parentesi o barretta (es. ottaviano-san pietro a roma) il nome del monumento più vicino alla fermata. non ricordo di fermate intotalate a chissà chi, ci son tanti modi per ricordare la figura di Don Pino e intotlargli una fermata francamente non lo vedo come prioritario.

  • Davide Epifanio 0
    20 nov 2011 alle 14:52

    Una città europea deve facilitare la mobilità e la fruizione dei suoi luoghi sia ai cittadini e sia agli stranieri.Per tanto risulta auspicabile e consigliabile fornire nomi alle fermate dei servizi pubblici il più possibile coerenti con lo stradario circostante. A Milano le fermate metro hanno per la maggior parte nomi di vie principali, ville, monumenti, o quartiere. Un turista svedese non capirà mai che brancaccio si trova alla fermata “padre puglisi”.
    Come se poi il rispetto di questi martiri venisse dato attribuendo il nome ad una stazione, ridicolo!

  • riccardo e laura 0
    21 nov 2011 alle 14:42

    AL massimo Imera-papireto,ma solo papireto nn ha senzo per me,mentre brancaccio con tutto il rispetto per lui,nn la chiamerei cosi’,almeno una fermata metro

  • Athon 839
    23 nov 2011 alle 10:37

    Concordo con paper8. C’è la proposta di cambiare il nome del quartiere Brancaccio in Maredolce, per cui la fermata la chiamerei semplicemente così.


Lascia un Commento

Ultimi commenti