07 ott 2011

PFP Guadagna-Bivio Oreto, aggiornamento fotografico


 Aggiornamento fotografico dal cantiere del Passante Ferroviario in zona Guadagna. Rispetto alle foto, i binari sono già stati posati.

Si ringrazia Riccardo&Laura per gli scatti.

All’interno della nuova galleria Guadagna, rimodulata e pronta per la posa dei binari (già posati).

Uno degli accessi alla futura fermata Guadagna.

 Visuale in direzione Stazione Centrale.

L’ingresso della galleria Guadagna , lato via Oreto.

Da sinistra arriverà il doppio fascio di binari proveniente dalla Stazione C.le mentre da destra i binari da Brancaccio.

 

 

31 commenti per “PFP Guadagna-Bivio Oreto, aggiornamento fotografico

Comment navigation

  • Metropolitano 3251
    07 ott 2011 alle 23:42

    @giovanni75
    Sarebbe spettacolare, ma questo passante nasce come ferroviario e non autostradale come alternativa a Viale Regione ;)
    Avremo modo di percorrerlo non appena rimettono i treni in circolazione con il nuovo orario, nel dicembre 2011 o almeno per questa data riteniamo che riprenda il servizio. Speriamo bene.

  • MGM 18
    08 ott 2011 alle 12:35

    @Pendolare_palermitano
    Ho parlato anche io con alcuni addetti ai lavori e mi hanno “assicurato” che l’11 Dicembre sarà riaperto il singolo vecchio binario. A onor del vero, sempre secondo quel che mi hanno detto, i ritardi accumulati e lo slittamento da Ottobre a Dicembre NON sono imputabili alla SIS a cui va dato atto del lavoro svolto sinora in modo esemplare. La causa dei ritardi credo sia dovuta, se non ho capito male, alla spostamento di un elettrodotto, per il quale chi di competenza non a ottemperato agli accordi presi. Se non erro però ad oggi il problema credo sia stato risolto ed il lavori dovrebbero continuare senza intoppi anche per non incorrere nelle penali, vi assicuro molto salate, cui faceva riferimento @Fabion54.

  • MGM 18
    08 ott 2011 alle 12:41

    P.S. Ringrazio Riccardo&Laura per le foto fatte fino ad ora senza le quali chi non ha mai messo piede in un cantiere come questi non avrebbe potuto veder crescere e proseguire i lavori svolti. Grazie anticipatamenti per i prossimi servizi.

  • Pendolare_palermitano 46
    08 ott 2011 alle 13:33

    @MGM il fatto che venga riattivata la vecchia linea lo so….cmq lo ripeto l’importante è riaprire la circolazione perchè a palermo è impossibile camminare per prendere un amat devi attendere 40 minuti e poi ne partono 3 contemporaneamente tra l’altro poi sempre strapieni..insomma una faticaccia..tra l’altro con la firma del contratto di servizio difficilmente vedremo treni soppressi il chè è tutto dire

  • Metropolitano 3251
    08 ott 2011 alle 14:58

    Quello che mi lascia a desiderare dei piani di Trenitalia è che se entra in vigore il nuovo orario, quando la gente durante il corso dell’anno ha delle esigenze in un peridodo piuttosto che in un altro, oppure quando completano un’infrastruttura durante il corso dell’anno come in questo caso, TI dimostra mancanza di flessibilità nel variare le corse anche durante il corso dell’anno cioè senza far attendere l’entrata in vigore dell’orario successivo. Con questo voglio dire che non ha senso dover attendere l’11 Dicembre 2012 per usare il servizio se si riattiva il singolo binario un giorno dopo e non prima dell’entrata in vigore dell’orario nuovo cioè l’11 Dicembre 2011; oppure che a Giugno 2012 (per esempio) completano anche la posa del secondo binario dopo aver completato gli scavi delle nuove gallerie, per poi fare attendere 6 mesi dal completamento dell’opera per avere nuove relazioni e più corse. Trenitalia ci fa impresa con questo sistema dei nuovi orari, ma sulla nostra pelle.

  • Pendolare_palermitano 46
    08 ott 2011 alle 15:23

    @metropolitano io sono del parere che loro gia a metà novembre potrebbero riaprire eppure attendono l’11 dicembre per farlo,tra l’altro già in internet compaiono gli orari in vigore per i treni a lunga percorrenza dico io perchè non mettere pure quelli regionali ora invece che una settimana prima? cmq alla fine l’importante è riaprirla…fa discutere il fatto che a vespri non facciano come orleans ovvero stazione abilitata per incroci se facevano cosi già potevamo vedere qualche corsa in + esempio i notarbartolo-piazza giachery prolungati fino a centrale e fare un servizio sub metropolitano palermo centrale-piazza giakery…..e voi vi chiedete e con gli orari semplice fare le core ogni mezz’ora al minuto 14 e al minuto 44 con i ncroci a vespri e notarbartolo treni utilizzati 2 uno che sale e uno che scende…ovviamente sono idee che dovevano venire a trenitalia in questo modo c’erano un paio di corse in + e sicuramente qualche abbonato in pù rispetto ai 6 mila di prima

  • Metropolitano 3251
    08 ott 2011 alle 17:10

    Ma i treni a lunga percorrenza fermeranno solo a Palermo Centrale, non penso che li hanno istituiti pure per Notarbartolo o Orleans. E poi Io dico solo di non differire l’istituzione dei treni locali dall’effettiva apertura della linea. Se possibile si facciano circolare prima. Sia a Guadagna e Vespri che a Orleans potevano mettere un binario di supporto per i treni in sosta provenienti dall’altra direzione. Ma niente doppio binario, niente scambi. Boh hanno deciso così, le teste sono quelle…

  • Metropolitano 3251
    08 ott 2011 alle 17:17

    Comunque sia, vedremo come sarà lo schema solo dal momento della riattivazione effettiva delle corse locali tra Palermo Centrale e Punta Raisi.

  • Amo_Palermo 161
    10 ott 2011 alle 8:28

    @metropolitano: il “binario di supporto”, come lo chiami tu, avrebbe senso per fare un incrocio con un treno che non fa servizio viaggiatori, altrimenti dove li fai scendere i passeggeri del treno che si trova sul “bianrio di supporto”?
    Se fai un incrocio tra due treni passeggeri hai bisogno di una Stazione (tipo Orleans finchè ci sarà un solo binario) o di una fermata (quando avremo il doppio binario), ma con entrambi i marciapiedi funzionanti, con le uscite ed i collegamenti tra i due binari.
    Dato che l’intento, per fare prima, è quello di riattivare nelle medesime condizioni presenti il giorno della chiusura, non ha senso parlare di “miglioramenti”.

    Tutto si può fare, ma ci vuole tempo…


Lascia un Commento