24 set 2011

Riapre il Giardino della Zisa


Apprendiamo attraverso le pagine del Giornale di Sicilia della riapertura del Giardino della Zisa, dopo i recenti lavori nelle aree vandalizzate.


GdS: Riapre al pubblico il Giardino della Zisa rimesso a nuovo dopo gli interventi del Coime, voluti dal sindaco di Palermo, Diego Cammarata, che hanno riguardato le aree a verde, le fontane ed i Dammusi vandalizzati, purtroppo, nel corso del tempo. “Sono felice – dice Cammarata – di vedere che in poche settimane siamo riusciti a recuperare questo magnifico spazio di cui ho affidato al Coime la cura e la custodia, insieme allo Spasimo, al Parco d’Orleans e al Teatro di Verdura. In un tempo breve si è provveduto a riparare i molti danni che i vandali avevano procurato a questo bellissimo giardino, al quale sono particolarmente affezionato perché poco distante dalla casa in cui sono nato ed ho trascorso la mia giovinezza”. “Il Giardino della Zisa è di nuovo bellissimo – dice il sindaco – e sarà controllato meglio che in passato. Ma nessun risultato sarà duraturo se i cittadini che lo vivono non saranno i primi ad esercitare il controllo e la cura di questo spazio che è un patrimonio di tutta la città. Mi rivolgo soprattutto ai molti giovani che ne percorrono i viali, chiacchierano e si danno appuntamento in quello che deve essere per tutti un luogo piacevole, sicuro e curato”.


apertura giardino della zisacastello della zisagiardino della zisazisa palermo

23 commenti per “Riapre il Giardino della Zisa

Comment navigation

  • mariannuzza 36
    26 set 2011 alle 8:10

    @hall t: pardon, posso dire PROTO-INGEGNERIA?.. oppure dimmelo tu come dobbiamo definire il sistema di ventilazione del castello… se proprio vogliamo fare i ”pillicusi”, allora i templi greci non sono ARTE, perché il concetto di arte non corrispondeva a quello odierno e i templi del resto rispecchiavano l’architettura residenziale della popolazione bla bla bla… cerca di andare più in là della prima entrata sul vocabolario o sull’enciclopedia!
    una ripulita non risolve il fatto che un luogo PUBBLICO è stato deturpato da cemento e dammusi che sembrano robaccia abusiva: un intervento che non ha tenuto conto della natura storica del luogo e lo ha rovinato se non per sempre, almeno per un bel po’…
    per il resto, io non sono proprio il tipo che si lamenta e basta, ma questo è importante che lo sappiamo io e la mia coscienza…

  • dominick 0
    27 set 2011 alle 21:33

    ho visitato la Zisa quando e’ stata inaugurata la prima volta, e devo dire che sono rimasto affascinato dalla sua bellezza, da quel gioco di profondita’ che dava risalto al castello, in un’atmosfera orientale, io sono ignorante in materia, ma a me e a molti altri visitatori che si trovavano li, e’ sembrato molto bello.
    Sono ritornato poco tempo fa’ a visitarlo con mia moglie, e sono rimasto disgustato da come era ridotto a causa dei vandali, ora ho appreso la notizia che e’ stato rimesso a nuovo dal comune, e questo non puo’ che farmi piacere, anzi prima possibbile vorrei visitarlo (prima che i vandali lo deturpino nuovamente), ora pero’ mi chiedo perche’ di tutte queste critiche, di tutte queste obiezioni, andava fatto cosi, andava fatto in questo modo e cosi via, questa e’ una polemica di parte, non c”e’ giustificazione, per non dare il giusto plauso alla contro parte, si fa polemica e basta. Ma finiamola, una volta tanto date il giusto merito, a chi se lo merita, da qualunque parte sta.

  • Pantera di Bellolampo 37
    28 set 2011 alle 17:36

    Leggo troppe critiche. Tutto è perfettibile, ovvio. Ho voluto visitare il giardino domenica sera in occasione di una sfilata di moda (un pò alla buona) e sapete una cosa? L’illuminazione soffusa, l’acqua che scorreva quieta mi hanno trasmesso un’atmosfera di pace e bellezza. E quanto agli alberelli che sono stati piantati dovete sapere che questi hanno la pessima abitudine di crescere e farsi grandi ;-). Ben venga il giardino della Zisa purchè sia preservato dai custodi, interdetto a motorini vari e vigilato con telecamere.


Lascia un Commento