22 set 2011

Parco urbano “Ninni Cassarà”, presentata diffida contro il Comune di Palermo


E’ stata presentata ieri a Palazzo delle Aquile, da parte del comitato che ha promosso la manifestazione lo scorso mese di Agosto,  la diffida formale contenente le firme raccolte da molti cittadini e  rivolta all’amministrazione comunale; tale atto  attiverà   il procedimento di class-action contro la pubblica amministrazione. Ciò per arrivare celermente all’apertura del grande spazio verde di via Ernesto Basile.

Qui di seguito alcune foto della conferenza stampa e il momento della consegna delle firme alla Segreteria Generale del Comune e all’Ufficio Protocollo.

 

 


class actionclass action contro il comune di palermoparco ninni cassaràparco urbano orleans

14 commenti per “Parco urbano “Ninni Cassarà”, presentata diffida contro il Comune di Palermo
  • The.Byfolk 43
    22 set 2011 alle 14:53

    1. Chi sono queste misteriose associazioni e comitati promotori? Non possiamo chiamarli per nome?
    2. Cosa succederà al comune se non risponderà entro i 90 giorni?

  • antony977 165912
    22 set 2011 alle 16:02

    The.Byfolk, ci siamo pure noi in quelle foto.
    MobilitaPalermo ci ha messo la faccia: Andrea Baio, Giulio Di Chiara, Antony Passalacqua, Pascal Borrelli.
    E ancora autorevoli nomi: Mario Pintagro (scrittore e giornalista), Aldo Penna (scrittore), Carmelo Sardegna (docente universitario), Marianna Marino (attivista cittadina), ed altre persone ancora

  • mariannuzza 36
    22 set 2011 alle 17:35

    Caro ”Bifolco”,
    le tue curiosità possono essere facilmente soddisfatte leggendo gli articoli in archivio che citano nomi, ruoli, fonti e quant’altro.
    Qua di misterioso c’è solo il motivo per cui tu ti sia battezzato con questo nick…

  • Portacarbone 70662
    22 set 2011 alle 18:13

    @TheByfolk:
    ti inviterei ad essere più rispettoso nel tuo linguaggio e evitare aggettivi come “spilungone” riferiti a persone che non conosci. Grazie.

  • giosafat 306
    22 set 2011 alle 23:34

    ma dai, e che sarà mai…

    comunque sono curioso anch’io di sapere la risposta alla seconda domanda di the byfolk

  • mariannuzza 36
    23 set 2011 alle 0:37

    per la risposta alla seconda domanda, basta consultare il testo di riferimento per la class action contro la PA, ovvero il Decreto Legislativo 20 dicembre 2009, n. 198, precisamente all’articolo 3, comma 2 che ti riporto di seguito in modo da risparmiarti estenuanti ricerche:

    2. Il ricorso e’ proponibile se, decorso il termine di cui al primo periodo del comma 1, l’amministrazione o il concessionario non ha provveduto, o ha provveduto in modo parziale, ad eliminare la situazione denunciata. Il ricorso puo’ essere proposto entro il termine perentorio di un anno dalla scadenza del termine di cui al primo periodo del comma 1. Il ricorrente ha l’onere di comprovare la notifica della diffida di cui al comma 1 e la scadenza del termine assegnato per provvedere, nonche’ di dichiarare nel ricorso la persistenza, totale o parziale, della situazione denunciata.

  • The.Byfolk 43
    23 set 2011 alle 7:40

    @ Portacarbone

    NON FARE IL PERMALOSO!

    Spilungone non è certo offensivo!

    Ero solo curioso di riconoscervi, visto che non sono mai venuto ai vs. summit.

  • Metropolitano 3205
    24 set 2011 alle 8:38

    Questa azione di gruppo dovrà pur servire a qualcosa. Vogliamo il parco aperto, è una vergogna che per aprire un’area pubblica devono passare anni !

  • aware 255
    25 set 2011 alle 7:32

    questa amministrazione non ha la cultura della gestione delle opere pubbliche che realizza. Finita l’inaugurazione di ultimazione delle opere si completa l’attività istituzionale. L’apertura a pubblico delle opere ultimate e la relativa gestione negli anni sono dettagli di poco conto per questa classe politica di amministratori. Anche perche mancano i soldi in bilancio ogni anno per le attività di gestione, manutenzione ordinaria e straordinaria.
    Se non ci sono le risorse finanziarie per gestione e manutenzione le opere pubbliche sarebbe meglio non realizzarle.


Lascia un Commento