17 set 2011

Tram | Slittamento fine lavori al 2016: replica dell’Amat


La notizia di qualche giorno fa ripresa da più testate giornalistiche (Gds, Corriere del Mezzogiorno) parlava di uno slittamento della consegna dell’opera (ovvero tre linee tranviarie) al 2016.

Riassumendo, il direttore generale del comune Lo Cicero contesta all’Amat (società appaltante del sistema tram) e al suo responsabile unico (l’Ing. D. Caminiti) la proroga al 2016 concessa alla Sis S.c.p.a (consorzio di aziende che stanno effettuando i lavori) per la consegna dei lavori. Tra le righe degli articoli giornalistici si evince come, sempre secondo i funzionari comunali, tale proroga sia stata concessa senza tener conto di determinate procedure. Per tali motivi, Lo Cicero avrebbe chiesto la sostituzione dell’Ing.Caminiti che, fra le altre cose, è fortemente candidato al ruolo di direttore generale della società di trasporti.

Passato qualche giorno, ecco la nota ufficiale del presidente dell’AMAT:

“Da quello che risulta ad oggi all’azienda Amat, stazione appaltante del sistema Tram di Palermo, la gestione nella costruzione della rete tranviaria ha seguito i canoni stabiliti dalla legge”. Lo dice Mario Bellavista, presidente dell’Amat, che interviene sulla contestazione mossa dal Comune al responsabile unico del procedimento del sistema tram.

La circostanza secondo la quale risulterebbe una proroga dei lavori al 2016 non corrisponde con quanto invece risulta agli atti aziendali, e cioé che la proroga è stata concessa, quale prerogativa del Rup (Responsabile Unico del Progetto, ndr), fino a giugno 2013.

Per sgombrare il campo da qualsiasi tipo di nube, come ho già annunciato, porterò la questione nel prossimo consiglio di amministrazione, che si terrà martedì 20 settembre, dove richiederò un parere pro-veritate da rendere da parte degli stessi professionisti che allora curarono il capitolato d’appalto – conclude Bellavista -, in maniere da avere non un parere di parte ma originale. Sarà questo il modo migliore per accertare chi ha ragione in questa vicenda e chi, al contrario, dovrà rispondere di quanto sostenuto.

Dunque, non resta che aspettare il 20 Settembre e l’esito del CdA per fare chiarezza sulla situazione e capire chi ha ragione e chi no.

 

 


amatbellavistacaminitifine lavori tramlavori tram palermolo cicerosisi scpatram palermo

Articolo successivo

26 commenti per “Tram | Slittamento fine lavori al 2016: replica dell’Amat

Comment navigation

  • rujari81 224
    19 set 2011 alle 10:30

    @rolaros
    A parte che a malaspina i cantieri in questione riguardano il Passante Ferroviario e non il tram,e poi i tempi di realizzazione non dipendono dagli operai e la durata del loro contratto ma dal progetto esecutivo con una tempistica già stabilita.A conferma di ciò i lavori a malaspina sono praticamente ultimati con la posa dei binari già effettuata il camerone realizzato e con solo la fermata Lolli da allestire.
    @bingo
    Raramente un infrastruttura dopo essere ultimata crea disagi.Normalmente eleva la qualità della vita di un quartiere.per quanto riguarda gli alberi sono previste piantumazioni compensative.
    Al forum non sarebbe bastato solo la fermata roccella del passante,perché con molta probabilità lì sarà realizzato il terminal dei bus extraurbani più altre attività e quindi quella zona diverrà un importante polo attrattivo e di servizi.

  • bingo 8
    19 set 2011 alle 12:12

    si quello che dici è vero,
    ma io esprimo solo un mio parere del tutto personale. spero di sbagliarmi, ma sono molto scettico sulla necessità di una simile opera anche perchè a gestirla sarà l’AMAT
    Con i problemi che l’amat ha, che non riesce neanche a pagare gli stipendi, come può gestire una rete tramviaria, con gli enormi costi di gestione di cui ha bisogno. Se poi ci aggiungiamo i tagli per i trasporti locali dell’ultima finanziaria!!!, già basta questo per essere pessimisti, e pensare che difficilmente andrà tutto a regime,e alla fine resterà solo una struttura che ostacola il normale flusso cittadino.
    L’altro giorno riflettevo, e pensavo se voglio andare al forum col tram, con tutta la famiglia 4 persone, e se il biglietto costa per esempio 2 euro, tra andata e ritorno spendo 16 euro, oggi con l’auto ne spendo meno di 1 euro.
    Cosa mi conviene prendere?
    questo solo per dire che sono convinto che a parte la curiosità, che il tram desterà all’inizio,
    dopo col tempo la gente lo snobberà e sarà un flop

    ps: pensate, sono così furbi che hanno gia comprato i treni,così quando potranno camminare saranno obsoleti.

  • rujari81 224
    19 set 2011 alle 14:14

    @bingo
    Bhe..allora lo stesso ragionamento vale per gli autobus visto che il biglietto costa 1,30€ non li usa nessuna famiglia perche tra andata e ritorno costerebbe circa 20e..ed invece nonostante il servizio su gomma sia carente oltre che il piu caro d’italia,c’è tanta gente che lo utilizza,ragazzi,anziani e tanta gente che non vuole stressarsi nel cercare parcheggio ed imbottigliarsi.Quindi figurati se non sarà utilizzato il tram.
    Tale infrastruttura non sarà un flop come non lo è in nessun altra città d’europa,dove il mezzo privato si utilizza per i grandi spostamenti.
    Con questa mentalità non si và da nessuna parte.
    Mi conforta il fatto che molta gente fa trasparire la netta voglia di utilizzare un buon mezzo pubblico a discapito del mezzo privato(vorrei ricordare che la benzina costa quasi 1,70€ al litro) e che non aspetta altro che i cantieri di tram e PFP siano terminati e di veder partire(forse) quello dell’anello e della metro leggera automatica.

  • alefsk 2
    21 set 2011 alle 13:56

    scusate, ma ci vuole così tanto a montare gli ascensori per il sovrappasso pedonale di via perpignano???siamo già a fine settembre e il ponte è pronto da più di due mesi!al solito!

  • Metropolitano 3205
    21 set 2011 alle 19:46

    Non siamo ancora a fine settembre, ma comunque se non finiscono di montare gli ascensori in ENTRAMBE LE TORRI non lo attiveranno mai. E non è finita quì: nonostante la torre di via Nazario Sauro sia stata ultimata, ancora non hanno iniziato neppure gli scavi delle fondamenta della torre lato monte di via Di Giorgi. I lavori li faranno, ma il problema è che non si sa quando inizieranno. Ormai per Ottobre mi sembra assai difficile che attivino il secondo sovrappasso. Ad Ottobre dovrebbe già essere attivo il primo. Forse lo attivano a Fine Settembre nell’ultima settimana, perchè dopotutto non ci vuole un tubo per mettere l’ascensore ed attivarlo…


Lascia un Commento