16 set 2011

Trenitalia Sicilia: finalmente il contratto di servizio


Buone, anzi ottime notizie. AGI annuncia che a breve anche in Sicilia avremo il contratto di servizio con Trenitalia. Ricordiamo che attualmente siamo l’unica regione a non disporne, con conseguenze pesanti per quanto riguarda il trasporto su ferro, già sofferente di gravi carenze. Il contratto è anche fondamentale per dare un senso a quell’opera che rivoluzionerà il trasporto pubblico locale: il passante ferroviario; senza questo infatti, non sarebbe possibile acquistare alcun materiale rotabile, con la conseguenza di non poter realmente incrementare le frequenze sulla tratta.

FERROVIE: 111 MLN PER CONTRATTO DI SERVIZIO CON TRENITALIA

(AGI) – Palermo, 14 set. – Il trasporto ferroviario in Sicilia si prepara a compiere un notevole salto di qualita’. Su proposta dell’assessore alle Infrastrutture e ai Trasporti, Pier Carmelo Russo, la giunta regionale ha infatti autorizzato la sottoscrizione del contratto di servizio con Trenitalia per il potenziamento dei servizi sulle tratte dell’isola, per i quali sono disponibili oltre 111 milioni di euro. Tra l’altro, senza questo adempimento, si sarebbe rischiato di vedere dirottati altrove i fondi Fas. E, sempre in tema di trasporto ferroviario, da palazzo d’Orleans e’ arrivato il via libera all’utilizzo di risorse, per un importo complessivo di 48 milioni di euro, da destinare all’acquisto di nuovi vagoni.


agiassessore russocontratto di servizioferrovie dello statofondi fasmobilita palermopassante ferroviario palermopfprfiSegnalatisiciliaSIStrenitaliatrenitalia sicilia

16 commenti per “Trenitalia Sicilia: finalmente il contratto di servizio
  • Alessio.T 30
    16 set 2011 alle 12:39

    le acque si stanno muovendo, e sapete perchè? la costruzione del ponte di messina ormai è imminente! siamo agli sgoccioli e gli interessi per delle ferrovie decenti in sicilia ormai non sono più solo nostri! tutto si sta facendo in vista di unire i nostri trasporti a quelli d’italia, d’europa! Ben venga tutto ciò! sono felice!

  • Luca 129
    16 set 2011 alle 13:20

    Il cosiddetto corridoio 1, Berlino-Palermo, include somme allucinanti per ponte e ferrovie in Sicilia. Il problema serio e’ che la Lega, nella persona di Castelli, sta cercando di far cadere questo progetto proponendo Napoli-Bari-La Valletta.
    Follia si direbbe, visto che tutti ormai vedono il mediterraneo e i paesi del nord africa come la prossima frontiera commerciale (vedi Sarko, Erdogan e Cameron che sono tutti in Libia oggi…).
    La Cina, alla luce di questo corridoio 1, e’ di disposta a investire miliardi di euro in Sicilia, inclusi aeroporti intercontinentali, porti commerciali, ponte e quanto altro.

    Prima di cantare vittoria, speriamo solo di non perdere l’ultimo treno!
    Siamo idealmente la regione che dotata di infrastrutture adeguate potrebbe diventare il centro commerciale del mediterraneo. Ma l’Italia non lo capisce e questa e’ solo una briciola dell’immensa torta che la Sicilia potrebbe mangiare!

  • Orazio 764
    16 set 2011 alle 14:21

    Scusate ma contratto di servizio non vuol dire quelle mirabolanti cose che leggo, bensì semplicemente sancisce l’effettuazione di certi servizi dietro corrispettivo di certi compensi e con il pagamento di certe tariffe. Tutto qui, tu fare correre treno, io sganciare denari. Berlino non c’entra, il ponte nemmeno.

  • Calò 80
    16 set 2011 alle 14:45

    Bravo Orazio. Ponte sullo stretto, cina e altre fantasie scritte dai giornalai locali non c’entrano nulla con il contratto di servizio, che ricordo a tutti riguarda Trenitalia, ovvero la società del gruppo ferrovie dello stato che si occupa esclusivamente di far circolare i convogli sulla rete di RFI. Punto.

  • Alessio.T 30
    16 set 2011 alle 14:54

    si sappiamo di che si sta parlando, pensavo solo che dopo tutti questi anni, le acque si stanno muovendo in vista di… è un mio parere! non posso che essere felice di questo contratto!

  • rujari81 224
    17 set 2011 alle 11:25

    Speriamo vengano acquistati degli elettrotreni della Firema modello M.88,come quelli già in uso a Catania ma anche a Milano..ovviamente se dovessero essere implementati i minuetti non mi dispiacerebbe ugualmente,ma la mia prima scelta sarebbe per dei treni di tipo metropolitano con pianale ribassato ed accessi largi.

  • zavardino 226
    17 set 2011 alle 15:45

    il ponte è imminente???

    qual è la data d’inaugurazione che vado a presenziare?

    bastano treni dignitosi. Ai cinesi la sicilia non interessa particolarmente (la fonte? gds?).

    Facciamo presto Fiumetorto-Castelbuono e Palermo-Punta Raisi, poi parliamo di altro

  • Pendolare_palermitano 46
    17 set 2011 alle 17:10

    visto che si sta per firmare il contratto di servizio proporrei l’acquisto di questo treno http://www.railpictures.net/images/d1/7/1/1/7711.1307454776.jpg tanto con 48 milioni di euro almeno 5 esemplari sono acquistabili iN modo da utilizzarli per fare i messina e i punta raisi è simile al minuetto la differenza sostanziale è che ci sono 3 pezzi centrali invece di uno utile nelle ore di punta dove il minuetto normale non basta

  • Hall t. 30
    17 set 2011 alle 18:54

    mi dispiace l’ O.T. ma devo rispondere a zavardino….se come dici tu i cinesi non fossero interessati, ieri mattina non si sarebbero trovati a roma per sfogliare tutti i progetti siciliani, in particolare quello del ponte, per il quale nutrono un serio interesse! riguardo ai treni, penso che quelli destinati a trasporto pubblico debbano essere di tipo metropolitano, quindi ribassati (in modo da facilitare il viaggio anche ai disabili).

  • Metropolitano 3231
    17 set 2011 alle 23:13

    Io invece ho trovato qualcosa che riguarda proprio gli espropri !http://www.eurolinkpdm.it/ il che fa pensare che invece sia imminente, e francamente sono d’accordo nel migliorare i trasporti e la mobilità, difficoltà finanziarie a parte per realizzarlo. Può piacere o non piacere, ma come ormai non si conta più l’opinione estetica di qualcuno che ha manifestato orrore per il sovrappasso di via nina perchè architettonicamente grottesco, non conta più neppure colui che si lamenta delle stesse cose prendendo di mira qualche altra opera invece dei sovrappassi pedonali, anche un ponte ferroviario o una galleria autostradale per esempio. Limitiamoci a discutere solo delle opere che devono essere realizzate in Palermo e provincia, perchè il ponte frega ai messinesi ed ai villesi, e quelli non siamo certo noi.
    Concentriamoci sul contratto di servizio e spero che non sia lettera morta per vedere circolare nuovi e moderni rotabili quì. Io già mi immagino quali vorranno far circolare in una linea con le gallerie risagomate ed i binari infrastrutturalmente potenziati. E si vedrà quali effettivamente circoleranno sul passante ferroviario non appena aprono il primo binario per ricollegare le due stazioni principali della città.


Lascia un Commento