15 set 2011

Grandi Stazioni, Grandi Invenzioni


Traggo spunto da questo interessante articolo per porre un serio interrogativo: che fine ha fatto il progetto Grandi Stazioni a Palermo Centrale? Beh, il mistero si infittisce in quanto da più di un mese sono stati affissi questi cartelloni che ne indicano l’inizio dei lavori; se non fosse che dei lavori…non v’è traccia.



Stando all’articolo di Francesco Martini, la situazione a Palermo Centrale è più grave che in tutte le altre stazioni d’Italia.

All’inizio dell’anno i lavori erano ancora all’1%. Ma la stazione doveva essere pronta per il 2009. A parte il primo centesimo, cosa resta da costruire? La pagina dei “nuovi progetti per Palermo Centrale”  è scomparsa dal sito di Grandi Stazioni, ma ne abbiamo una copia (ndr: ecco il link): “scale mobili con parapetti di cristallo”, nuovo “piano ammezzato con terrazza interna e vista sui binari”, “ampie aree delimitate da vetrate a giorno”, “volta d’acciaio e vetro di 1.660 metri quadri” e “parcheggio coperto con 160 posti auto” sovrastato da “una grande piastra adibita a terminal per gli autobus”. Non c’è ancora nulla. Per costruire queste belle cose servono da due a tre anni di lavori.

Insomma, nell’attesa di ricevere lumi, non possiamo far altro che rammaricarci per l’ennesima opera incompiuta di cui nessuno parla. Se ci fosse più controllo e la stampa italiana, e soprattutto quella locale, facesse il proprio dovere ponendo ogni tanto qualche domanda anziché limitarsi a ingoiare tutto quello che viene servito loro sul piatto, magari le cose in questo paese potrebbero anche andare diversamente.


grandi stazionimobilita palermopalermo centraleSegnalatistazione centralestazione centrale di palermostazione di palermotrenitalia

30 commenti per “Grandi Stazioni, Grandi Invenzioni

Comment navigation

  • Neos 80
    16 set 2011 alle 9:51

    Il problema dell’eccessivo surriscaldamento estivo è di facile soluzione, e non c’è bisogno di fare uno spreco di energia. Basta che i pannelli fotovoltaici alimentino l’impianto di condizionamento in Estate. Non è fantascienza, già la Toyota Prius ha l’optionale di un pannello fotovoltaico montato sul tetto che evita di trovare la macchina rovente quando è lasciata sotto il pico del sole. E sono sicuro che già altri posti prevedano una cosa del genere, magari altre stazioni, mica la sto inventando io. Certo, queste cose si possono fare solo se ci sono 2 cose: soldi (perchè ad oggi il fotovoltaico è molto costoso) e volontà….Cmq, aspettiamo e vediamo come andrà a finire, come dice Alessio.T ci sono gli esperti per questo…

  • renard 228
    16 set 2011 alle 10:26

    @phrantsvotsa
    Sì è vero che l’edificio 19 all’università ha la volta di vetro, infatti hai presente il sistema di condizionamento bestiale che c’è? Non dico che non sia fattibile, solamente che è uno spreco di energia.

  • giuseppe77 99
    16 set 2011 alle 11:04

    @phrantsvotsa: sei mai entrato al Tribunale Penale di Palermo? a partire da giugno fino a ottobre ci si sente in una serra… anche con l’impianto di ocndizionamento acceso!!!

  • Paco 7942
    16 set 2011 alle 12:38

    Qualcuno parlava di Madrid… Ma ci siete stati dentro la stazione in estate???? Una serra nonostante l’aria condizionata…

  • Otto Mohr 47
    16 set 2011 alle 13:16

    Ma è sufficiente utilizzare dei pannelli a taglio termico (tralaltro obbligatori dalle nuove normative) per avere una copertura con caratteristiche simili ad una in cemento armato, dal punto di visto della resistenza al calore…

  • Pantera di Bellolampo 42
    16 set 2011 alle 19:54

    Dopo aver visto quella foto d’epoca direi che la cosa migliore sarebbe una copertura in stile liberty magari con poche rivisitazioni in chiave moderna. Una copertura serve e deve integrarsi con il resto della struttura che è e resta cmq molto bella.
    Qualcuno (per esempio la prossima amministrazione) dovrebbe far notare al gestore della stazione gli impegni presi e battere i pugni sul tavolo!

  • Robert_one 9
    17 set 2011 alle 20:10

    Per la copertura in vetro sarebbe bello utilizzare dei vetri Transitions, tipo quelli degli occhiali… Almeno in estate non si pone il problema dell’effetto serra, o meglio… si pone ugualmente, ma i vetri non fanno passare i raggi solari come nelle serre, anzi li filtrano, rinfrescando un pò l’ambiente… Nn sono un esperto, ergo unni capisciu nnt! ma penso sia ovvia una cosa del genere… La sera i vetri ritornano trasparenti regalando lo spettacolo del cielo stellato! sarebbe magnifico!


Lascia un Commento