06 set 2011

Una variazione alla rotonda d’ingresso al porto


Salve, sono iscritto da poco a questo sito che apprezzo per lo spirito costruttivo che lo alimenta.
Premetto che lavoro in porto e quotidianamente, per recarmi in ufficio, noto il traffico costante che affligge l’incrocio antistante il varco “Amari” (il varco portuale principale alla fine della via E. Amari).

Il traffico del mattino è caratterizzato dal transito di ogni genere di veicolo, (pullman, “lapini”, “Gnuri”) con conseguenti code che, nelle ore di punta, partono dalla Cala.

La variazione che desidero portare alla vostra attenzione è concettualmente semplice:

sostituzione dell’incrocio con semaforo con una rotonda di adeguato diametro sul modello delle piazze Vittorio Veneto o A. De Gasperi (non come certe rotonde in zona viale Olimpo che hanno le forme più disparate).

Ovviamente questo comporterebbe una variazione del muro di delimitazione dell’area portuale ma ritengo che, senza semaforo, il traffico scorrerebbe molto più velocemente.

L’attraversamento pedonale potrebbe essere consentito con semafori a richiesta che hanno di sicuro una frequenza di attivazione molto inferiore all’attuale semaforo all’incrocio.


ingressoportorotonda

14 commenti per “Una variazione alla rotonda d’ingresso al porto
  • giramondo855 17
    06 set 2011 alle 11:13

    Quello da Lei sottolineato é un problema grave!
    Ma non penso possa essere risolto da una rotonda…si ricordi che siamo a Palermo e qui nessuno sa fare le rotonde…tutti vogliono passare per primi…poi li é una zona ad alta frequenza pedonale soprattutto quando arrivano le navi da crociera…un semaforo pedonale insieme ad una rotonda non farebbe che peggiorare la situazione… Io pensavo che la soluzione potrebbe essere quella di creare un sotto passo come quello di piazza 13 vittime. e preservare la corsia superiore ai soli imbarchi..la città sarebbe molto più vivibile

  • Pantera di Bellolampo 42
    06 set 2011 alle 12:40

    E’ chiaro che qui si fanno proposte e nel confronto di diversi e costruttivi modi di pensare si trova sempre la soluzione.
    Il sottopassaggio (forse intende modello piazza XIII Vittime poco più in là) potrebbe essere una valida alternativa ma è sicuramente un’opera vera e propria (comporta volontà politica, reperimento e stanziamento di fondi, progetto, appalto e immancabile relativo ricorso da parte della ditta seconda classificata per mancata assegnazione dell’appalto ). Il nostro porto non può estendersi e non possono trovarsi percorsi alternativi. A mio avviso una rotonda, anche sperimentale, sarebbe la soluzione migliore al costo minore.
    E per quanto riguardo l’atteggiamento di certi palermitani allergici al rispetto delle precedenze, io non cesserò mai di credere che un futuro migliore è possibile per la nostra città.

    p.s. invito la gentile redazione a inserire la foto da me inviata via e-mail. Grazie.

  • Portacarbone 70682
    06 set 2011 alle 12:53

    @Pantera di Bellolampo: dovresti inviarla nuovamente perchè quella precedente era in un formato file differente da jpeg o gif. Grazie.

  • Michele79 113
    06 set 2011 alle 13:49

    Anchio quasi tutte le mattine mi “assuppo” il traffico del varco di via Amari ma credo che la soluzione migliore sia quello di chiudere tutti i varchi della via F.sco Crispi creando una rotonda non in via Crispi ma bensi in Piazza della Pace.
    sicuramente e molto più facile da realizzare li ce non all’incrocio con tra via crispi e via amari

  • Gianfranco 109
    06 set 2011 alle 14:00

    L’idea migliore a costo zero e quella di sincronizare il semaforo in modo tale da che le macchine che salgano per via emerico amari non sostino accanto alla rotonda/isola pedonale creando dietro di se un ingorgo magistrale sviare il semaforo in 3 tempi anziche 2 è l’unica soluzione

  • Michele79 113
    06 set 2011 alle 14:34

    @gianfranco
    complimenti!! non ci avevo mai pensato la tua idiea è la più semplice e facile da realizzare.
    Scrivero una raccomandata al Servizio Traffico e Authority per sugerire questa soluzione.

  • lilibeo 29
    06 set 2011 alle 15:36

    Un sottopassaggio tipo piazza XIII Vittime oltre ad essere un’opera vera e propria credo che sia anche impossibile da realizzare in quanto lo spazio rispetto a piazza XIII Vittime è nettamente inferiore. In questo punto poi è prevista la fermata ”Porto” dell’anello ferroviario appena sotto il livello stradale, in contrasto dunque con un eventuale sottopassaggio.

  • Otto Mohr 47
    06 set 2011 alle 19:50

    grazie emmegi, dato che mi ricordavo della sua esistenza, questo pomeriggio ho perso mezzora a cercarla senza che la trovassi…
    Aggiungo, inoltre, che nel progetto dell’anello ferroviario è prevista qui una fermata e relativo sottopasso pedonale.

  • Tancredi 120
    07 set 2011 alle 13:16

    L’idea di Gianfranco secondo me è la più fattibile e basterebbero solo pochi minuti per metterla all’opera. Una soluzione si dovrebbe trovare perché gli ingorghi che si creano ogni giorno sono incredibili!!

  • franz 199
    09 set 2011 alle 11:08

    Gli attraversamenti e la conseguente invenzione e introduzione dei semafori sono la causa della maggior parte del traffico in città; motivo per cui diverse città hanno adottato il sistema delle rotatorie, eliminando oltreché i semafori anche i lavavetri (anche questo da non sottovalutare come causa di rallentamenti). Quello delle rotatorie a Palermo purtroppo è una utopia, tutti hanno diritto di precedenza su tutti, mai uno che rispetti lo stop. Ebbene una delle soluzioni potrebbe essere quella di eliminare l’attraversamento di via Amari e dirottare i veicoli da e per il porto su piazza XIII Vittime da un lato e su piazza della Pace dall’altro. Naturalmente modificando la viabilità in corrispondenza delle due piazze. Basterebbe restringere l’aiuola di piazza XIII Vittime per creare una corsia che permetta ai mezzi, provenienti da via Crispi, di tornare indietro verso l’ingresso del porto e creare una rotonda in piazza della Pace per coloro che dal porto volessero tornare indietro. I palermitani sono grandi viaggiatori e utilizzatori dell’auto, ma quando gli si impone di allungare di un centinaio di metri, per velocizzare il percorso, che come greggi di pecore sono abituati a fare giornalmente, apriti cielo.

    Ah, dimenticavo: sapete che per sincronizzare i semafori bisogna dare l’appalto a ditte specializzate? e come sappiamo quando mancano i soldi, guardacaso le cose improvvisamente non funzionano più. Per cui il problemi si ripresenterebbe sempre.

  • Irexia 675
    13 set 2011 alle 15:14

    @ Gianfranco
    Se consideri solo tre tempi dimostri di non tenere conto di coloro (certamente di meno rispetto le altre direzioni) che escono dal porto!

    Io sarei d’accordo per la rotonda. I palermitani non le sanno usare?! Fissarie!!! Il mondo è pieno di palermitani che, guarda caso, quando arrivano in altre amene località imparano tutto d’un tratto le regole e la disciplina! Come mai? Sarà l’aria? O forse l’acqua?
    I palermitani non VOGLIONO rispettare le regole, ma per non rispettarle le conoscono alla perfezione, altrimenti come si fa a fare esattamente il contrario?! Che si mettano i vigili a far controlli e verbali! Che lo Stato e il Comune siano presenti sul territorio!

  • Pantera di Bellolampo 42
    14 set 2011 alle 20:35

    Grazie Emmegi, ho faticato tanto per inserire l’immagine che volevo usare per rappresentare la “rotonda” ma il link che hai trovato rappresenta meglio l’idea (che a quanto pare esisteva da un pò). Sappiate che non è solo il varco Amari a dover essere meglio disciplinato con una rotonda ma anche il varco S.Lucia poco più in là dove i tir spesso tagliano completamente la strada per uscire o entrare in porto dalla corsia opposta. In questo caso trovarsi una massa così imponente che taglia la strada è pericoloso. Mi fa piacere che Gianfranco sia d’accordo. Penso che un’unica rotonda davanti il varco Amari snellirebbe il traffico.
    Spero che fra tante idee qui proposte qualcuno di competenza possa sceglierne una efficace.

  • monte_Pellegrino 597
    25 nov 2011 alle 1:56

    Approvato finalmente, dal Consiglio Comunale di Palermo, il piano regolatore per il Porto di Palermo con previsione di spesa di 500 Milioni di euro. Forse finalmente il porto si aprirà alla città! Fra le tante opere previste per il porto, abbatteranno finalmente quell’odioso muro di cinta in via Francesco Crispi, che divide il porto dalla Città?
    Saremmo grati se qualche esperto vorrà approfondire e mettere in grafica i lavori previsti.
    http://www.siciliainformazioni.com/giornale/cronacaregionale/136072/approvato-nuovo-piano-regolatore-porto-palermo-sbloccati-lavori-milioni.htm


Lascia un Commento